Gauja, la valle imperdibile della Lettonia

Cosa vedere a Gauja, la valle più bella della Lettonia con una ricca fauna e flora. Tra le cose da vedere a Gauja segnaliamo il parco nazionale che vanta un ricco habitat. Tra le cose da visitare a Gauja ricordiamo il Castello di Turaida costruito nel 1214 per volere del vescovo di Riga, Albrecht von Buxthoeven. Tra le attrazioni a Gauja troviamo la Grotta di Gutmanis, la più profonda dei Paesi baltici. Ecco cosa vedere a Gauja.

Il tempo e la storia lungo
le sponde del Gauja

icona-articoloLeggende romantiche, arricchite dalle gesta di fantastici eroi e castelli, pervadono la Valle del fiume Gauja, imperdibile meta in un tour in Lettonia. Il parco nazionale che sorge lungo il fiume è stato istituito nel 1973, si estende da Sigulda a Valmiera con percorsi naturalistici da fare a cavallo o in bicicletta, ma anche i canoa.

Abitato da lupi, orsi, volpi, linci, alci, cervi caprioli e gufi, il Parco vanta un ricco habitat ed un’atmosfera suggestiva che inonda l’area lungo il Gauja. Il fiume, che percorre 450 chilometri, dalle colline di Cesis fino a tuffarsi nel mar Baltico, ha scavato la valle del parco ricca di vegetazione e laghi, come l’Ugurs. Nella natura incontaminata del luogo spiccano i castelli medievali.

Cosa vedere sulle sponde del Gauja

Castello di Turaida

Visitare il Gauja

Tra le cose da vedere a Gauja troviamo ill castello di Turaida, che prende il nome dalla città in cui si trova il cui significato in lingua locale significa giardino divino, risale al 1214. Il maniero fu costruito, per volere del vescovo di Riga, Albrecht von Buxthoeven, sui resti di un antico forte e fu abitato sino al 1776, quando un incendio lo distrusse risparmiando solo la torre, alta trenta metri, visitabile ancor oggi.

La fortezza si affaccia sul giardino degli dei ed è circondata da un fitto bosco e da numerose statue di pietra. 

Insieme ai turisti, anche molti giovani sposi si recano al castello, portando fiori sulla tomba di quella che viene chiamata la Rosa di Turaida. Una leggenda, infatti, narra della morte violenta di una bellissima fanciulla per mano di un nobile polacco suo spasimante non corrisposto.

La ragazza, di nome Maja, era stata adottata, quando era ancor in fasce, dallo scrivano del castello che la rinvenne tra le braccia della madre, uccisa durante una battaglia ai piedi della fortezza. Maja amava, corrisposta, il giardiniere del castello e fu lui che la seppellì, piantando un tiglio, ancora esistente ed ormai ultracentenario, sulla sua tomba.

onemag Logo Ultra Micro
Viaggio a Daugavpils, la città lettone dai tanti patrimoni naturali

Grotta di Gutmanis

Cosa visitare sul Gauja, la grotta di Gutmanis

A questo dramma romantico è legata anche la Grotta di Gutmanis, una tra le cose da visitare a Gauja, poco distante dal castello. Sempre secondo la leggenda, sarebbe questo il luogo in cui la fanciulla fu decapitata dal suo sgradito corteggiatore.

La caverna è ricca di incisioni rupestri e deve il suo nome al guaritore che in essa viveva, utilizzando le acque sorgive presenti, tutt’oggi potabili, come medicina. La grotta gutmana, tutta in roccia arenaria, è la più profonda nei Paesi baltici.

La visita del Parco nazionale del Gauja rimane una tappa necessaria nella scoperta della Lettonia. Essa, infatti, aiuta a cogliere l’essenza dello splendore locale, nutrito dalla bellezza dell’ambiente naturale e dalle tradizioni di una terra affascinante.

Scopri di più:

Bauska, la via Baltica
Casa delle Teste Nere, il medioevo di Riga
Jurmala, la meta balnerare apprezzata dai russi
Kuldiga, viaggio nella Curlandia

 

Condividi su: