0
Condividi su:

Guida alla Galleria Nazionale Ungherese

Scopri tutto sul Castello di Buda

icona-articoloSituata nel cuore del Castello di Buda, uno dei più simbolici monumenti di Budapest, la Galleria Nazionale Ungherese è tra i principali centri d’arte dell’Ungheria. La Magyar Nemzeti Galeria è merita particolare attenzione per la sua vastissima collezione d’arte, principalmente di fattura ungherese, con opere che ricoprono un arco temporale di oltre un millennio.

La Galleria Nazionale Ungherese gode di dimensioni eccezionali, occupando ben quattro ale su quattro piani. Il museo propone una principale esposizione permanente, composta da migliaia di opere, a cui si aggiungono periodicamente delle mostre tematiche e temporanee. 
Per certo la Galleria Nazionale di Budapest è tra i migliori modi per scoprire i tesori dell’arte ungherese, parzialmente sconosciuti alla maggioranza.

Ecco la nostra guida turistica della Galleria Nazionale Ungherese, a Budapest.

Cenni storici

Mappa della Galleria Nazionale Ungherese
Mappa della Galleria Nazionale Ungherese

La Galleria Nazionale Ungherese è un centro d’arte relativamente recente, in quanto fondato ufficialmente nel 1957. In origine la Galleria Nazionale di Budapest doveva essere un luogo riservato prettamente all’arte ungherese. Difatti la prima esposizione presentata al pubblico si componeva di varie prestigiose opere ungheresi trasferite dal Museo di Belle Arti.

Nel 1959, appena due anni dalla fondazione, la Galleria Nazionale Ungherese è stata trasferita nei saloni del Castello di Buda, ma ci vollero altri sedici anni affinché, nel 1975, venisse inaugurata la nuova sede. Nel 2005 il centro culturale è stato soggetto a notevoli rimaneggiamenti e ampliamenti, assumendo in gestione la quarta ala, data a disposizione dal Castello di Buda.
È attualmente in fase di costruzione una nuova sede, più moderna e ancor più grande, con apertura prevista nel 2022.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Budapest: questa la top 10 delle attrazioni

Le collezioni

Collezioni della Galleria Nazionale Ungherese
Collezioni della Galleria Nazionale Ungherese

La Galleria Nazionale Ungherese offre ai propri visitatori 5 collezioni permanenti
La prima collezione è quella dei dipinti del XIX e XX secolo, con un’enorme collezione composta da più di 10 mila quadri di artisti solamente ungheresi. In questa sala si possono osservare le opere, realizzate tra il 1800 e il 1945, raffiguranti principalmente paesaggi, ritratti e raffigurazione delle guerre mondiali.

Si prosegue la visita alla Galleria Nazionale Ungherese presso la sezione dedicata alle sculture e medaglie. Questa mostra conta più di 4600 opere, realizzate sempre in Ungheria tra il XIX e il XX secolo. Tra le opere di maggiore rilievo spiccano le sculture romaniche di Miklós Izsó e i ritratti di István Ferenczy, definitivi come le punte di diamante di questa esposizione.

La terza collezione presente nell’ampio museo è invece dedicata alle stampe e alle illustrazioni, con un numero complessivo di 11 mila opere tra incisioni, disegni, poster, bozze, esperimenti artistici, grafica digitale e litografie. È in assoluto l’area che più attira le generazioni giovani.

Seguendo il percorso del museo si giunge all’area dedicata all’arte contemporanea. In particolare, questa collezione merita molta attenzione, in quanto si tratta della più importante mostra del suo genere in Ungheria, con esposte opere realizzate dal 1945 a oggi. Qua spesso vengono esposte alcune opere di artisti ungheresi emergenti, caratteristica che permette di avere un’idea sulle moderne tendenze artistiche in Ungheria.

Ultima, ma non per importanza, esposizione presente nella Galleria Nazionale Ungherese è quella relativa all’arte internazionale dopo il 1800, in continua estensione e composta in due principali nuclei. Rispettivamente le collezioni sono divise in XIX secolo, con tendenze rivolte al romanticismo, e al XX/XXI secolo, con molte opere tra le più rappresentative dell’Europa moderna.

Fare bene attenzione a quando si decide di visitare la Galleria Nazionale Ungherese. Le mostre sono interamente ed esclusivamente illustrate in lingua ungherese. Per questo motivo è estremamente consigliato l’acquisto in loco dell’autoguida, cosi da permettervi una permanenza migliore.

L’ingresso al museo è a pagamento e il costo varia in base all’età e alle mostre a cui si ha interesse. Nei giorni festivi del 15 marzo, 20 agosto e 23 ottobre l’ingresso al museo è del tutto gratuito a tutti i cittadini dell’Unione Europa.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0