Gaborone, scopriamo la capitale del Botswana

Gaborone è la capitale del Botswana nata insieme all'indipendenza del Paese dall'impero britanico. Scopriamo cosa visitare a Gaborone in Botswana.

Cosa vedere a Gaborone, la
capitale del Botswana

Icona articoloPosta nella zona meridionale del Botswana, Gaborone è la capitale del Botswana dal 1965. Con poco più di 200.000 abitanti è, per gli standard locali, la vera metropoli di una nazione posta nel sud della Africa e priva di ogni collegamento al mare.
I suoi dintorni, infatti, sono delineati dal deserto e dall’Okavango, il nono fiume dell’Africa per lunghezza.

La capitale sorge invece in riva al fiume Notwane ed è il fulcro amministrativo ed economico dell’intera nazione. La sua indipendenza è stata sancita dal 1966 ma già due anni prima, nel 1964, si diede il via alla costruzione della nuova capitale che ufficialmente assunse tale ruolo dal 1966.
Essendo una città estremamente recente non riveste un ruolo primario nel settore turistico storico tuttavia è possibile programmare una giornata di escursione.

Cosa vedere a Gaborone

Cosa vedere a Gaborone, Botswana

Il passato di Gaborone è rappresentato da un monumento dedicato all’indipendenza dall’impero britannico. Parliamo del Monumento dei tre Capi, una scultura ben realizzata che raffigura i tre personaggi che più di ogni altro si sono distinti per la proclamazione dell’indipendenza del Botswana.

Da poter unire in una visita alla città di Gaborone è anche il Museo Nazionale, riaperto dopo lavori che lo hanno reso più moderno ed interessante. Sostanzialmente è un racconto sulla storia del Botswana a cui si aggiungono, nella Galleria d’Arte, alcuni dipinti di pittori locali. Interessante anche la sezione dedicata agli animali imbalsamati, una tra le più ricche di tutta l’Africa.
Per approfondire la cultura locale è interessante presenziare al Festival Maitisong, una settimana di concerti, film e spettacoli in programma tra la fine di marzo e i primi giorni di aprile.

Tra gli edifici religiosi possiamo includere in un viaggio a Gaborone la Cattedrale Cristo Re, il cuore spirituale della comunità cattolica della città.
E’ stata anche meta di una visita da Papa Giovanni Paolo II negli anni ’80.
Altro edificio religioso di Gaborone è il Tempio di Sri Balaji. La sua architettura richiama i più classici templi indiani, con tanto di pagoda e di decorazioni che vi porteranno per qualche minuto molto distanti.
Da ammirare, all’ingresso, le porte intagliate con raffigurazioni sacre indù, importante direttamente dall’India. All’interno troverete invece un ambiente rilassante ricco di divinità.

Se volete invece immergervi nella tipica lifestyle di Gaborone, recatevi invece nella zona del Main Mall, poco distante dalla stazione ferroviaria. Qui, tra passanti e turisti, avrete modo di osservare le tante vetrine che propongono sopratutto prodotti artigianali o semplicemente fermarvi in uno dei tanti locali della zona per un drink oppure cenando in uno dei ristoranti tipici.

Il clima di Gaborone

Cosa vedere a Gaborone, Botswana

Le sua lunga estate asciutta e gli inverni secchi caratterizzano quello che è il clima tipico di questo paese, le cui dimensioni ricordano quelle della Francia.
Il periodo migliore per visitare Gaborone e l’intero Botswana inizia ad aprile per concludersi verso la fine di settembre. In questo periodo il caldo è sopportabile e le giornate piovose sono piuttosto rare. La sera tuttavia l’escursione termica è piuttosto elevata e sarà opportuno prevedere una discesa brusca dopo il calare del sole.

L’estate vera e propria è tuttavia compresa nel periodo che va da novembre a marzo. In questi mesi le temperature sono estremamente alte e le precipitazioni, pur brevi, possono risultare fastidiose e in rari casi pericolose.
Nei mesi di gennaio e febbraio sono maggiori le possibilitò di trovare giornate piovose.

Scopri di più:

Vacanze avventurose in Gabon
Botswana, cosa sapere prima di partire
Botswana, dove la natura diventa un’opera d’arte
Luanda, viaggio nella capitale dell’Angola

 

Condividi su: