Fort-de-France, la capitale dei Caraibi francesi

Fort-de-France, la capitale dei Caraibi francesi e il centro vitale dell'isola di Martinica, un luogo affascinante tra viali eleganti e giardini ben curati. Tra le cose da vedere a Fort-de-France segnaliamo la Cattedrale Saint-Louis realizzata in stile romanico-bizantino con il suo campanile alto 57 metri e la biblioteca Schoelcher, le opere dell'architetto Henri Pick. Tra le attrazioni da non perdere a Fort-de-France ricordiamo il Marché aux legumes, il mercato, e la Villa Bougenot. Annoveriamo, inoltre, il giardino di Balata, un parco botanico attraversato da sentieri percorribili tra fiori ed alberi tropicali, e il Parc Floral Place José Marti, che ospita un acquario, una galleria botanica ed una geologica. Ecco cosa vedere a Fort-de-France.2 min


0
11 shares
Fort-de-France, l'isola di Martinica

Fort-de-France, l’isola di Martinica

icona-articoloIl centro vitale dell’isola di Martinica è la sua capitale, Fort-de-France. La città gode di una privilegiata posizione costiera e mostra il suo fascino tra edifici e viali eleganti che abbracciano parchi ampi e ben curati. 

La città originariamente chiamata cul-de-sac du Fort-Royal e poi ribattezzata da Napoleone Bonaparte, è il centro abitato più grande delle Antille francesi. Essa offre diverse attrazioni per i suoi visitatori, bellezze architettoniche e naturali.

Cosa vedere a Fort-de-France

Fort-de-France, la capitale dei Caraibi francesi

La biblioteca Schoelcher è sicuramente una meta imperdibile. La sua realizzazione è opera dell’architetto Henri Pick e porta il nome di Victor Schoelcher, paladino della lotta contro la schiavitù. L’edificio è caratterizzato da una struttura metallica con rivestimento multicolore e una luminosissima cupola bizantina realizzata in vetro.

Anche la Cattedrale Saint-Louis è opera dell’architetto Henri Pick. Realizzata in stile romanico-bizantino con un campanile alto 57 metri e nella sua struttura sono ridotti al minimo essenziale gli elementi in legno, perché l’edificio doveva essere resistente al fuoco e ai cicloni.

Del solito architetto è anche il Marché aux legumes, il mercato, realizzato con una struttura restaurata nel 1989 dopo una tremenda devastazione provocata da un uragano otto anni prima. Nel centro della città si può ammirare Villa Bougenot, una costruzione in stile coloniale che ha mantenuto i suoi elementi particolari come il balcone e le strutture metalliche.

OneMag-logo
Port-au-Prince, dove iniziano i Caraibi

La natura di Fort-de-France

Visitare giardino di Balata a Fort-de-France

Sulle alture di Fort-de-France si trova un angolo di natura favolosa nel cuore della foresta tropicale. Si tratta del giardino di Balata, un parco botanico attraversato da sentieri percorribili tra fiori e alberi tropicali. Il giardino si estende intorno a un’antica casa coloniale per almeno 2 ettari e rappresenta un’amena oasi di tranquillità.

Tra palme e bambù, fiori esotici dai colori vivaci e vasche zen puntellate da delicate ninfee, si può anche scegliere di seguire il percorso tra gli alberi sui ponti sospesi a 15 metri di altezza, per godere di una bellissima vista sul giardino.
A Balata si può ammirare anche la chiesa locale che è una replica in piccolo della basilica del Sacré Coeur di Parigi, realizzata dall’architetto francese Wuifflef e situata su una collina circondata dai Pitons du Carbet, dalla quale si può godere di una bella vista su Fort-de-France.

Il Parc Floral Place José Marti è un altro giardino che merita una visita. Si tratta del frutto di una conversione architettonica poiché sorge in un ex ospedale militare risalente al diciottesimo secolo. Acquisito dal comune di Fort de France fu adeguato alla nuova destinazione d’uso. Oggi ospita un acquario, una galleria botanica ed una geologica.

Insomma, non solo una vacanza all’insegna di mare e sabbia finissima visitando Fort de France, anche se la città rimane a pieno titolo la capitale dei Caraibi francesi.


Like it? Share with your friends!

0
11 shares