Condividi su:

Cosa vedere a Fordongianus,
il borgo termale di Oristano

Tutti gli articoli della Sardegna

icona-articolo

Fordongianus è un delizioso borgo della provincia di Oristano, poco meno di un migliaio di abitanti, adagiato nella valle del Tirso, dove hanno sede le terme di Fordongianus, la principale ragione turistica. Appartenente alla storica regione del Barigadu, Fordongianus è a tutti gli effetti un paesino che punta buona parte del suo turismo proprio sulle sue sorgenti.
Pronti a scoprire cosa vedere e fare a Fordongianus?

Cenni storici

Mappa di FordongianusI primi cenni di Fordongianus risalgono alla preistoria, già all’epoca probabilmente frequentato per le sue acque terapeutiche.
Il piccolo nucleo abitato era però destinato a svilupparsi, grazie alla sua posizione strategica, posto infatti tra Turris Libisonis, Porto Torres, e Caralis nella provincia di Cagliari.

Furono i romani a sviluppare il borgo, sfruttando le acque del Tirso e costruendo anche un ponte per attraversarlo. Furono preceduti dai cartaginesi ma furono proprio i soldati dell’Impero a conquistarlo dandole il nome di Forum Traiani, crescendo la sua popolarità durante la gestione dell’Imperatore Traiano. Fu proprio lui a volerla trasformare in punto commerciale, oltre a trasformarla in sede amministrativa di riferimento per l’intero territorio.

Furono sempre i romani a costruire il complesso termale di Caddas, due differenti edifici pubblici realizzati anche in due periodi diversi, oggi noti come Terme I e Terme II.
Vista la sua posizione, poco distante da altri territori non appartenenti all’Impero, la città era anche militarmente attiva.
I due stabilimenti erano connessi al resto del nucleo urbano con un complesso sistema di pozzi e cisterne e la loro importanza era confermata da due statue che rappresentano Bes, il dio della salute.

OneMag-logo
Link-uscita icona Iglesias, la città storica del Sud Ovest della Sardegna

Cosa vedere a Fordongianus

Cosa vedere a FordongianusL’attrazione principale di Fordongianus è naturalmente la sua struttura termale, che vedremo in seguito.

Nel borgo è invece possibile ammirare la Casa Aragonese, oggi un museo e nel recente passato una abitazione in stile tardogotico. Costruita alla fine del 1500 si trova in pieno centro storico e rappresenta una delle varie abitazioni di questo tipo a Fordongianus. Basterà infatti passeggiare per le vie del centro per incontrarne altre, oltre che ammirare i diversi stili che compongono l’attuale abitato.
Nella piazza di fronte si trovano varie statue, ricordo di un particolare evento, il Simposio di Scultura, tradizione che si ripete oramai da anni sul lungofiume Tirso.

Non troppo distante ha invece sede la Chiesa di San Pietro Apostolo, costruita in trachite rossa e rimodernata recentemente. Costruita su quella che in precedenza era un’antica chiesa del ‘400, l’edificio merita anche al suo interno con un meraviglioso altare maggiore in marmo bianco.
Altro piccolo edificio religioso è la Chiesa di San Lussorio, risalente al 1100 e situata fuori dal nucleo urbano.

OneMag-logo
Link-uscita icona Bosa, Sardegna | Cosa vedere a Bosa, il colorato borgo sardo
Le Terme di Fordongianus

Le Terme di Fordongianus

Le Terme di Fordongianus sono una delle strutture termali più antiche di tutto il mondo, canalizzate sin dal lontano I secolo a.C. e apprezzate da cittadini di ogni angolo del mondo. Le acque termali di Fordongianus godono di numerose proprietà minerali, trasformandosi da luogo prettamente terapeutico a struttura avveniristica dotata di tutti i migliori confort.

Le Terme di Fordongianus sono classificate come salso-bicarbonato-fluorurate-termoattive e presentano una ristretta componente radioattiva, in grado di produrre benefici al sistema immunitario umano. A queste componenti terapeutiche si aggiungono decine di semplici trattamenti riabilitativi, tanto da attirare pazienti e visitatori da tutto il continente.

Erogate ad una temperatura costante pari a 56 gradi centigradi, le preziose acque delle terme di Fordongianus risultano infatti impiegabili (e impiegate) per i più disparati trattamenti curativi, potendo venire reinvestite, in virtù della loro natura versatile, tanto in moderne pratiche idropiniche, quanto in trattamenti inalatori o per pratiche di fangoterapia che sfruttano il calore dell’elemento idrico per conferire sollievo all’epidermide e all’apparato osteoarticolare.

Di fondazione relativamente recente (il moderno centro termale risale al 2005), il complesso riabilitativo di Fordongianus rappresenta dunque una delle mete più ambite per tutti coloro che si trovano alla ricerca di una soluzione naturale alle più disparate affezioni e che desiderano calarsi nel cuore rovente di una terra sarda ricca di suggestioni e salute.


 

Condividi su: