Cosa vedere a Fiorenzuola d’Arda

Fiorenzuola d’Arda, Piacenza | Cosa vedere a Fiorenzuola d’Arda


Condividi su:

Cosa vedere a Fiorenzuola d’Arda

Leggi tutti gli articoli dell’Emilia Romagna
Mappa di Fiorenzuola d'Arda
Mappa di Fiorenzuola d’Arda

Icona articolo onemagAffacciata sulla riva destra del torrente Arda, Fiorenzuola d’Arda è un’importante cittadina della provincia piacentina situata lungo il percorso della Via Emilia. Fiorenzuola d’Arda è un’importante centro commerciale e agricolo che sta vedendo negli ultimi decenni una grande crescita anche in vari settori industriali. La località si trova nella caratteristica Val d’Arda, un’estesa vallata dei Colli Piacentini scavata per l’appunto dal Torrente Arda, affluente del Po che attraversa il centro abitato di Fiorenzuola. Il paesaggio che circonda Fiorenzuola d’Arda si compone per estese praterie coltivate e scarsamente urbanizzate, dove la natura incontaminata regala paesaggi spettacolari. Famosa anche come centro di rilevanza per l’escursionismo, Fiorenzuola è un ottimo punto di partenza per raggiungere i due monti Menegosa e Lama, da cui nasce l’Arda. È giunto il momento di partire e scoprire cosa vedere a Fiorenzuola d’Arda.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Rivergaro, Piacenza | Cosa vedere a Rivergaro

Cosa vedere a Fiorenzuola d’Arda

Il Palazzo Gonzaga di Fiorenzuola d'Arda, in provincia di Piacenza
Il Palazzo Gonzaga di Fiorenzuola d’Arda, in provincia di Piacenza

La cittadina di Fiorenzuola d’Arda rappresenta una meta molto interessante per le escursioni giornaliere tra i Colli Piacentini. Il suo centro storico è ben circoscritto e percorribile in una manciata di ore. Il centro di Fiorenzuola d’Arda custodisce diversi luoghi d’interesse artistico, architettonico e storico di grande rilievo. Terminata la visita alla città, senza allontanarsi troppo si possono scoprire altre attrazioni molto affascinanti e interessanti, come per esempio le Terme di Bacedasco, a circa 12 chilometri dal centro di Fiorenzuola.

Il nostro itinerario turistico a Fiorenzuola d’Arda parte dall’antica Collegiata di San Fiorenzo, monumento architettonico realizzato nel XIV secolo e rifatto in gran parte sul finire del XV  secolo, sul sito della ancor più antica chiesa di San Bonifacio. Ci troviamo in Piazza Fratelli Molinari, una delle principali della cittadina: la collegiata si riconosce facilmente per la sua grande facciata tripartita coronata da pinnacoli con un ampio portale rinascimentale in cotto.

Voltando lo sguardo sulla sinistra dell’edificio si può ammirare l’imponente Torre Civica in stile gotico. Accedendo dentro la Collegiata di San Fiorenzo, il cui ambiente interno è diviso in tre navate, si possono ammirare importanti affreschi cinquecenteschi raffiguranti La Crocifissione e La storia di San Fiorenzo. Ultima, splendida, opera d’arte è l’altare maggiore eseguito a Roma su disegno di Gian Paolo Panini e costituito da marmi preziosi gialli e neri.

La nostra successiva tappa è presso la Chiesa della Beata Vergine di Caravaggio, eretta tra il XVII e il XVIII secolo. Caratteirzzata da un alto portale affiancato da colonne, la chiesetta è un’eccellente esempio di stile barocco. Anch’essa è ben decorata con affreschi e tele, tra cui spicca in particolare quella raffigurante l’apparizione della Madonna alla giovane Giannetta in un prato nei pressi di Caravaggio.

Completano la ricca offerta turistica di Fiorenzuola d’Arda il Teatro Verdi, tra i più importanti del piacentino, l’Oratorio della Beata Vergine e la Chiesa di San Francesco. Meritano anche alcuni edifici storici d’uso civile come il Palazzo Grassi, risalente al XV secolo in stile rinascimentale, e il Palazzo Beltramini, affrescato dagli Bartolomeo Rusca e Francesco Natali tra il 1723 e il 1725.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Grazzano Visconti, l’affascinante villaggio piacentino

Cosa vedere nei dintorni di Fiorenzuola d’Arda

Abbazia di Chiaravalle della Colomba vicino a Fiorenzuola d'ArdaA 10 chilometri dal centro si trova l’Abbazia di Chiaravalle della Colomba, risalente al 1135 e fondata da San Bernardo di Chiaravalle. L’abbazia si compone per le due strutture del monastero e dalla basilica. L’interno della Chiesa è stato realizzato seguendo le forme borgognone, secondo lo stile cistercense. Notevole il chiostro trecentesco, a pianta quadrata e dotato di sei quadrifore su ciascun lato, sorrette da colonnine di marmo rosa. Tra le escursioni da fare nei dintorni rientra quella alle Terme di Bacedasco, distanti circa 12 km, collocate in un vasto parco recintato.


 

Condividi su: