Düsseldorf, la capitale della Vestfalia, in Germania

Düsseldorf, la capitale della Vestfalia, in Germania


Condividi su:

Cosa vedere a Düsseldorf,
la città divisa in due dal Reno

icona-articolo

Da piccolo borgo di pescatori a città cosmopolita. Ci troviamo a Düsseldorf, capitale del Land della Vestfalia nonché punto di riferimento nell’area centro-occidentale della Germania.

Quasi totalmente devastata dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, Düsseldorf rappresenta oggi l’eccellenza tedesca.
La devastazione subita durante l’epoca imperialista non ha reso la capitale della Vestfalia una città impersonale, tutt’altro. L’Università è tra le più multietniche del mondo, cosi come la popolazione, con oltre 100.000 residenti (circa 1/6 degli abitanti) di origine straniera, di cui molti giapponesi e statunitensi.

Il centro urbano non ospita numerosi monumenti ed edifici storici.
In compenso, però, sono tante le cose da vedere a Dusseldorf, dalla sua moderna skyline ai tanti angoli più o meno noti da scoprire, dalle vie dello shopping agli edifici religiosi.
La sua storia, del resto, la vede come punto di riferimento internazionale per i commerci, caratteristica rimasta tale anche oggi.
Pronti a scoprire cosa vedere a Düsseldorf?

Cenni storici

Mappa di Dusseldorf
Mappa di Dusseldorf

Düsseldorf nasce nell’VIII secolo come piccolo villaggio di pescatori chiamato Dorf, il cui sviluppo era su un piccolo affluente del Reno, il Düssel.
Nei primi anni Dusseldorf era sostanzialmente un territorio paludoso e poco invitante, a tal punto da essere del tutto ignorato dai romani.
Nel X secolo la città riuscì a espandersi, raggiungendo buona parte del territorio che oggi conosciamo.

Nel 1135 la città divenne inglobata all’interno del dominio del Sacro Romano Impero. L’imperatore Federico Barbarossa governò Düsseldorf solo per pochi anni, sino al 1186, quando passò al dominio dei Conti di Berg. Il comune, poi, da semplice villaggio ottenne, nel 1288, lo status di città, permesso fornito dal conte Adolfo VIII di Berg.
Il secolo successivo vide la città prosperare ulteriormente e accrescere i propri interessi commerciali, diventando uno dei principali centri urbani sviluppati lungo il Reno.

E’ il 1609 quando la storia di Dusseldorf inizia ad avere un importante cambiamento.
In quell’anno, infatti, la città diventa gestita dal protettorato dei Conti del Palatinato-Neuburg, che la conquistarono a seguito di una sanguinosa battaglia. Düsseldorf continuò tuttavia la sua crescita, diventando anche un fiorente centro culturale oltre che commerciale.
Gli avvenimenti seguenti, le guerre napoleoniche, videro il primo momento importante di crisi. I francesi, entrati in città, la distrussero quasi completamente e ne presero il possesso.
La disfatta di Napoleone, a Waterloo, la rese inglobata nella Prussia. E’ il momento di una nuova ripresa, dovuta anche al neo Parlamento che qua venne insediato.

Trascorsero gli anni e la città proseguì il suo grande sviluppo, con commerci ancor più floridi aiutati da tecnologie più innovative. La Rivoluzione Industriale permise alla città di primeggiare su gran parte delle città industriali europee, rallentando unicamente con l’avvento della Prima Guerra Mondiale.
La crescita riprese praticamente subito dopo, negli anni ’30, dove il riarmo compreso nel programma di Hitler le permise di valorizzare le proprie industrie.

Nonostante costanti sviluppi e crescite, Düsseldorf vide il più tragico evento nella sua storia durante la Seconda Guerra Mondiale.
Dai cieli della città quasi 500 RAF britannici sganciarono un totale complessivo di circa 100.000 bombe incendiarie, tutte in un singolo raid notturno, datato 1942. Della città non rimase più niente.

Conclusa la Guerra, Düsseldorf riuscì a risorgere, più forte che mai, ristabilendo nuovamente la sua potenza economica, e la Città Vecchia, l’Altstadt, venne ricostruita seguendo i progetti originali.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Guida di Francoforte, lo snodo finanziario della Germania

Düsseldorf, dove si trova

Cosa vedere a Dusseldorf, centro storico

Düsseldorf è situata nel cuore della Vestfalia, il Land di cui ne è capitale, ed è attraversata dal Fiume Reno, in cui storicamente la popolazione praticava la pesca.
La città è collocata in una posizione altamente strategica, in passato ubicazione perfetta per il commercio, oggi ideale se si volesse scoprire in pochi giorni più città della Germania.

Siamo infatti a 40 km verso sud da ⇒Colonia, a 80 da ⇒Bonn, a 50 km in direzione nord-est da Essen e a circa 70 km da Dortmund.
Düsseldorf è inoltre in ottima posizione raggiungere i maggiori centri urbani del Belgio, come ⇒Anversa e ⇒Bruxelles e dell’Olanda tra cui ⇒Rotterdam e ⇒Amsterdam

Un vero e proprio crocevia che vi permetterà di scegliere Dusseldorf come meta turistica per poi visitare i dintorni oppure, al contrario, sceglierla come tappa in un viaggio alla scoperta del Centro Europa.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Il Museo BMW, entriamo in uno dei musei più importanti della Germania

Cosa vedere a Dusseldorf

Cosa vedere a Düsseldorf, veduta della città
Düsseldorf, veduta della città

Düsseldorf si presenta come una movimentata città, con sempre nuovi progetti urbani in cantiere e numerose attrazioni che ne delineano il carattere, culturale e turistico.

Un viaggio inizia sempre dall’Altstadt, il centro storico, la principale cosa da vedere a Dusseldorf. Sviluppato sul lungofiume, sono oltre 300 i locali che qua hanno sede, insieme a diversi hotel di varie categorie.
Numerose anche le boutique di lusso, precisamente lungo la Konigsallee, nota per essere tra le strade più alla moda di tutto il mondo.

Tra le tante attrazioni religiose di Dusseldorf è imperdibile la Chiesa di Sant’Andrea, in stile barocco, quella protestante di Neander e la Basilica di San Lamberto, in stile neoromantico.
Tra le cose da vedere a Dusseldorf citiamo anche la svettante torre Schlossturm, sita sulla Burgplatz, punto di riferimento per recarsi sul lungofiume. Ma anche il Rathaus, lo storico municipio situato nella Piazza del Mercato, rappresenta un’eccezionale attrazione turistica.

Sempre rimanendo in tema di torri, la più alta di Düsseldorf è la Torre delle Telecomunicazioni, nota come Rheinturm. Costruita nel 1982, la sua altezza è di oltre 230 metri ed è sede di un ristorante girevole. Parlando di musei, non può essere perso il K20 ed il K21 Kunstsammlung, sede di una delle gallerie d’arte moderna più importanti del nostro continente.

E infine, una passeggiata rigenerante all’interno del Parco Hofgarten, sede del castello di Jagerhof che ospita al suo interno il Museo di Goethe, è ottima per gustarsi una porzione di polmone verde della città.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Scopriamo Aquisgrana, la città tedesca voluta da Carlo Magno

Altro da visitare a Düsseldorf

Cosa vedere a Düsseldorf, Rheinuferpromenade
Düsseldorf, Rheinuferpromenade

La città ha tanto alto da mostrare a chi vuole conoscerla anche oltre alle principali attrazioni turistiche. Tra le cose da vedere a Düsseldorf segnaliamo due Palazzi storici la cui importanza e bellezza merita una visita.

Il Palazzo Jagërhof è uno tra i più importanti edifici monumentali della città, un castello al cui interno troviamo numerose informazioni legate alla storia della città tedesca. Costruito nel XVIII secolo come residenza estiva, venne saccheggiato poco dopo dalle truppe ribelli e lasciato in rovina fino al 1811. In quell’anno le truppe di Napoleone lo ritrovarono e, dopo essere stato ristrutturato, tornato accessibile. Oggi ospita il Museo Goethe, una mostra con numerosi cimeli legati all’autore.

Il secondo edificio che merita annoverare tra le cose da vedere a Düsseldorf è il Palazzo Benrath che in molti definiscono tra gli edifici più emblematici della città. Oggi è la sede del Museo di Storia Naturale e il Museo dell’arte dei giardini, due mostre aperte ogni giorno tranne il lunedi.
Il Palazzo risale anch’esso al XVIII secolo ed è facilmente riconoscibile per la sua facciata rosa in stile tardo barocco, costruito come residenza estiva e oggi struttura di gran pregio situato nella periferia cittadina.

Poco distante dal centro storico troviamo invece la Tonhalle, una sala da concerti il cui pregio è l’acustica particolamente curata. Riconoscibile per la sua spettacolare cupola blu, l’auditorium merita sicuramente di essere inserito tra le cose da vedere a Düsseldorf se avete la fortuna riuscire a partecipare a una delle esibizioni musicali in cartellone.
Le sue origini lo ricordano come planetario, la circolarità dell’edificio ne è ulteriore testimonianza. La sua trasformazione avvenne negli anni ’70 dello scorso secolo e quasi ogni giorno vengono proposti concerti, tra cui anche esibizioni di musica jazz, soul e altri generi. La sala principale può ospitare oltre 1800 spettatori.

Per concludere, infine, non perdetevi una delle migliori passeggiate. La Rheinuferpromenade è ricca di locali, ristoranti e da qui è anche possibile prenotare una piccola crociera che vi mostrerà Düsseldorf da una diversa prospettiva. Alle sue origini l’area era una superstrada che doveva separare la città dal fiume, negli anni ’90 è stata invece riprogettata come viale pedonale che unisce il porto alla Città Vecchia.
Nel periodo estivo sono tanti gli eventi che vengono organizzati con anche esibizioni pirotecniche che salutano l’estate e il periodo di relax.

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona Berlino, gli atenei della cultura nella capitale tedesca

Quando andare a Düsseldorf

Cosa vedere a Dusseldorf

Il clima di Düsseldorf è piuttosto rigido in inverno e mite in estate.
Se il periodo migliore a livello metereologico per visitare la città è quello primaverile ed estivo, è durante l’inverno che la città offre numerose fiere ed eventi, rendendola ancor più interessante.

Nei mesi di Aprile e Maggio la temperatura media è di 14°C, perfetta per passeggiare lungo le strade della città. Interessante anche l’autunno, quando si potrà partecipare al ‘Festival di Dusseldorf’, una serie di eventi distribuiti nel mese di Settembre dedicati alle arti, dalla musica alla danza fino al teatro.

L’inverno è il momento dei colori, specie quelli dei mercatini di Natale. Decine e decine di bancarelle vengono allestite da fine Novembre per proporre il meglio della città, dalla gastronomia all’artigianato.
Anche il Capodanno a Dusseldorf è un evento da non perdere, con gli immancabili fuochi d’artificio sul Reno.

Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2020


 

Condividi su: