Durazzo, cosa vedere nella seconda città dell'Albania

Durazzo, cosa vedere nella seconda città dell’Albania


Condividi su:

Durazzo, il porto più importante
dell’Albania

Tutti gli articoli dell’Albania
Cosa vedere a Durazzo, mappa
© Apple Maps

icona-articoloLa seconda città dell’Albania dopo Tirana, sia per numero di abitanti, sia per grandezza: la splendida Durazzo rappresenta il porto più importante della nazione. La città nasce su un promontorio da dove si affaccia sull’Adriatico e, proprio grazie a questa posizione, ha un clima mite con estati fresche e ventilate e inverni con massime che superano anche i 13° C e con una media di 6-7 giorni di pioggia al mese.

La sua fondazione risale al VII secolo a.C. per opera dei Greci e la città è nota per aver ospitato al suo interno il Tempio di Afrodite. Durazzo ha poi vissuto anni da protagonista anche all’epoca dei romani e dei bizantini, e porta con sé i retaggi del passaggio delle repubbliche marinare e dell’impero ottomano.

 

Cosa vedere a Durazzo

Le spiagge di Durazzo

Le spiagge di Durazzo

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Durazzo da uno dei suoi punti di forza, il mare Adriatico e le relative spiagge. Ottima destinazione per una vacanza balneare e di cultura, Durazzo saprà entusiasmarvi proprio dal suo litorale, un susseguirsi di meravigliose baie e spiagge dove il relax è la parola d’ordine.

Iniziamo a scoprire le spiagge di Durazzo dalla Spiaggia di Golem, la più vicina alla città, posta a pochi km di distanza dal centro storico e tra le più affollate spiagge cittadine. Merita una menzione anche la Spiaggia di Bardhori, una spiaggia rocciosa con un panorama da togliere il fiato. La Spiaggia di Gjenerali, infine, riuscirà a proiettarvi in un contesto naturale unico, una miscela di colori tra l’azzurro del mare e il verde della natura in un quadro di eterna bellezza.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Dhermi, il villaggio albanese sulla costa ionica

Anfiteatro di Durazzo

Cosa vedere a Durazzo, Anfiteatro Romano

Cosa vedere a Durazzo, interno dell'Anfiteatro
L’Anfiteatro Romano di Durazzo, veduta esterna e interna

Dopo aver visitato la costa, è arrivato il momento di spostarsi in città e scoprire le attrazioni da vedere a Durazzo. Per prima cosa scegliamo di visitare uno dei simboli della città, l’Anfiteatro Romano, il più grande e importanti tra quelli rimasti nei Balcani.

La sua scoperta è relativamente recente, avvenuta nel 1966 e ancora oggi non completamente riportato alla luce. Siamo nel centro storico cittadino e la sua forma, un ellissi di circa 20 metri di altezza, risalta immediatamente, pur se incastonato tra le tante abitazioni che lo circondano. In grado di ospitare 20.000 spettatori nel suo periodo di funzionamento, l’Anfiteatro era tra i più imponenti di tutta Europa e i suoi spettacoli si sono svolti regolarmente fino al 345 d.C. In quell’anno un devastante terremoto, che con ogni probabilità ha reso inagibile la struttura, ha fermato definitivamente le rappresentazioni, lasciando la struttura senza pubblico e senza ulteriore manutenzione.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Coriza, l’entroterra albanese a 850 metri di altitudine

Il foro bizantino

Cosa vedere a Durazzo, il Foro Bizantino
Durazzo, resti del Foro Bizantino

La colonizzazione romana di Durazzo non ha lasciato unicamente l’Anfiteatro ma anche un’altra importante presenza, quella del Foro Bizantino. Costruito con ogni probabilità tra il 600 e l’800 d.C., oggi possiamo ammirare solo alcuni resti, una serie di colonne, parte della pavimentazione e una piscina, tutto quanto di pertinenza delle antiche terme della città.

Nonostante l’importanza storica e culturale del sito, il tutto è ridotto in uno stato di conservazione purtroppo non ottimale e una visita si concluderà rapidamente con uno sguardo rapido a quanto poco rimasto.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo Appollonia, l’antica città greca dell’Illyria

La Fatith Mosque e la Grande Moschea

Cosa vedere a Durazzo, la Grande Moschea
La Grande Moschea, Durazzo

Lasciamo lo storico passato romano per proseguire con le attrazioni da vedere a Durazzo. Sempre nel centro storico merita una visita la Grande Moschea, altra importante attrazione cittadina. Posta in piazza Sheshi Liria, la Great Mosque è un edificio enorme realizzato con diversi stili, anche a livello di colori. Delle due moschee più importanti di Durazzo, la Grande Moschea è quella più recente.

Cosa vedere a Durazzo, la Moschea di Fatih
La Moschea di Fatih, Durazzo

L’altra Moschea è infatti decisamente più antica. Siamo in quello che è considerato il gioiello ecclesiastico di Durazzo, la Fatih Mosque, il cui nome deriva da Maometto II, Fatih Sultan Mehmet, conquistatore tra l’altro proprio dell’Albania. La sua costruzione risale al 1500 e per raggiungerla dovrete percorrere quello che è un vero e proprio labirinto di strade, riconoscibile unicamente per il suo alto minareto che svetta rispetto agli altri edifici.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Tirana, cosa vedere nella capitale dell’Albania

Castello di Durazzo

Cosa vedere a Durazzo, il Castello

La prossima attrazione non è tra le più rilevanti ma merita una visita per il suo passato storico. Siamo di fronte al Castello di Durazzo, struttura che nel corso dei secoli ha subito diverse vicissitudini che lo hanno portato ad essere distrutto, e ricostruito, altrettante volte. Quello che oggi risulta visibile è unicamente una torre parzialmente connessa per pochi metri a quella che in passato era una imponente cinta muraria.

La sua storia ricorda come in passato questa era la sede del Duca di Durazzo e poi i feudatari albanesi, Carlo e Giorgio Topia. La sua lunghezza stimata era di circa 500 metri per lato. Lo trovate anch’esso nella città vecchia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Al confine con la Macedonia, eccoci a Diber, una delle prefetture incontaminata dell’Albania

Museo archeologico

Durazzo, cosa vedere nella seconda città dell'Albania, il museo archeologico

Impensabile visitare la città senza passare nel Museo archeologico. E’ considerato tra gli edifici museali più importanti dell’Albania per la sua raccolta di reperti e anche per la sua notevole dimensione, suddiviso tra area interna e area esterna, quella che ospita i reperti di dimensioni maggiori.

Costruito non molto lontano dalle spiagge, il Museo Archeologico è stato inaugurato nel 1951 e, dopo una completa restaurazione, riaperto nel 2015 dopo 4 anni di incessanti lavori di ammodernamento. Due le principali aree espositive, quella interna con reperti provenienti da Dyrrhachium, a cui si uniscono altre collezioni del periodo romano, greco ed ellenico. L’area esterna vi permetterà di passeggiare, invece, tra rigogliosi giardini che ospitano statue in marmo di grandi dimensioni.

 

Cosa mangiare a Durazzo

Cosa mangiare a Durazzo

La gastronomia albanese è tra le più prelibate di tutta Europa. La cucina di Durazzo è naturalmente anch’essa fresca e gustosa, con sapori tipicamente mediterranei e alcuni incontri con la cucina balcanica. Nella zona di Durazzo quasi tutto può crescere, grazie ad un territorio fertile. E’ la zona dove si mangia parecchia carne, soprattutto pollame, ma anche pesce appena pescato dal vicino Adriatico.

Tra i piatti tipici di Durazzo segnaliamo il Tasqebap, uno squisito stufato di carne preparato con una cottura lenta e servito con il riso pilaf. Da provare assolutamente i Japrak, le foglie di vite farcite con la carne d’agnello, il riso e le erbe aromatiche. A Durazzo troviamo moltissime torte salate fatte con pasta sfoglia, formaggio e verdure. Per concludere un pasto potete provare uno dei moltissimi dolci a base di frutta e crema ed, inoltre, tipici budini di grano, ashure, o riso, sultjash. Tra le torte troviamo la shendetlije a base di miele e noci. Il dolce per eccellenza è la Bakllava, la pasta fillo con le noci oppure con i pistacchi.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Albania, guida turistica di viaggio

Come raggiungere Durazzo

Cosa vedere a Durazzo, panoramaRaggiungere Durazzo dall’Italia in macchina è possibile traghettando la vettura da Bari per le città sulla costa dell’Albania. In alternativa, se abitate al nord, potrete percorrere il migliaio di km attraversando Slovenia, Croazia, Bosnia e Montenegro, entrando dalla frontiera di Muriqan in Albania.

In aereo potrete invece atterrare in quello che è anche l’unico aeroporto, quello di Tirana, il Nënë Tereza, che si trova a una trentina di km da Durazzo e a 6 km invece dalla capitale Tirana. I collegamenti con l’Italia sono piuttosto frequenti. Una volta arrivati in aeroporto potrete noleggiare un’auto e percorrere la SH60 per 10 km prima di entrare nella SH2, in direzione Durres, per completare il resto del viaggio. In totale sono necessari circa 50 minuti di viaggio. E’ anche raggiungibile con bus pubblico oppure in taxi.

In treno, invece, Durazzo è collegata solo con destinazioni locali. Si dovrà quindi raggiungere Tirana, o Valona, e quindi percorrere l’ultimo pezzo con le ferrovie locali, non propriamente comode ma molto economiche. Considerate probabile che il convoglio non parta, che sia stato soppresso e non affidatevi molto agli orari, spesso del tutto approssimativi.

 

Ultimo aggiornamento 30 agosto 2021


 

Condividi su: