Palazzo e giardini di Mirabell nel mese di ottobre a Salisburgo

Dove andare in Austria a ottobre | Le mete austriache perfette da visitare a ottobre


Condividi su:

Austria, le quattro destinazioni da visitare a Ottobre

Leggi tutti gli articoli dell’Austria

Icona articolo

Ottobre è un mese molto interessante per visitare alcune località in Austria. Il caldo – che in Austria è pur sempre più mite che in altri paesi vicini – si mette da parte per regalare giornate sempre soleggiate, ma più fresche. Meno gente che affolla i centri storici e le attrazioni. Poche precipitazioni, serate più lunghe e fresche, e un’atmosfera più rilassata, dove poter godersi le bellezze dell’Austria senza fare lunghe file e senza passeggiare in mezzo a grandi folle. L’Austria è il paese con la più grande percentuale di territorio ricoperto morfologicamente dalle creste alpine.

Accedendo dall’Italia si ammirano i grandi altopiani, con le vette perennemente innevate e con le valli verde smeraldo in cui pascolano liberamente gli animali. L’estate, con il suo clima caldo, ha nutrito la ricca flora, che nel mese di ottobre si presenta particolarmente vivace, ricca di colori: un vero piacere per gli occhi. Abbiamo scelto quattro località pronte per essere scoperte negli altrettanti fine settimana del mese. Quattro destinazioni in Austria che proprio nel mese di ottobre riescono a dare il meglio di se stessi. Pronti quindi a scoprire le mete da visitare in Austria nel mese di ottobre?

Salisburgo

Salisburgo, capitale dell'arte baroccaSalisburgo, la città di Mozart, perla dell’Austria settentrionale, è una città affascinante sotto ogni punto di vista, dall’architettura alla storia, sino alla sua strategica posizione, a cavallo con la Germania.
Fascino silenzioso, austero e imponente, Salisburgo è al contempo una capitale incontrastata della cultura e della musica, nonché dell’arte barocca con sfumature italianeggianti. L’intera città è considerata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco: qui fu girato il famosissimo musical Tutti insieme appassionatamente, dove un centro storico curato anche nei più minimi dettagli appare un diamante incastonato in una valle fatata con le Alpi a fare da anello. Il tutto arricchito dal fiume Salzach che divide in due la città, regalandole scorci fantastici ad ogni angolo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Salisburgo: la capitale del barocco

Wiener Neustadt

Cosa vedere a Wiener NeustadtCi troviamo nella Bassa Austria, a sud della capitale ⇒Vienna e a breve distanza dal corso del fiume Leitha, il fiume che ha origine dal Danubio e che attraversa Austria e Ungheria. Gli abitanti, oggi poco più di 40.000, l’hanno conosciuta in passato unicamente con il nome di Neustadt (Città Nuova) e, storicamente, come Nova Civitas.

La sua nascita ci riporta al 1194 quando la potente famiglia dei Babenberg costruì, grazie ai ricavi del riscatto ottenuto per concedere la libertà al re d’Inghilterra Riccardo Cuor di Leone, il primo nucleo abitato.
Dopo i primi cenni di nascita risentiamo parlare di Wiener Neustadt nel XV secolo quando Federico III d’Asburgo la scelse come personale sede di residenza. Da questo avvenimento nessuna particolare nota storica è più evidenziata fino alla Seconda Guerra Mondiale quando la città venne praticamente rasa al suolo lasciando in piedi unicamente poche case.

Quello che oggi possiamo ammirare della cittadina è quindi frutto della ricostruzione avvenuta in epoca molto più recente, nel dopoguerra.

 

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Wiener Neustadt, Austria | La città bagnata dal fiume Leitha

Krems an der Donau

Krems an der Donau, il centro danubiano patrimonio UNESCOLungo il corso del Danubio troviamo Krems an der Donau, cittadina graziosa ricca di locali, di ristoranti, di negozi. Una vacanza da queste parti significa infatti mangiare e bere bene ma anche godere di un patrimonio turistico interessante. Posta a circa 80 km da Vienna, la si raggiunge in meno di un’ora di viaggio, in macchina o in circa 1h 45m se invece scegliamo di muoverci in treno. Visitata in estate da turisti che cercano riparo dal caldo delle città, in inverno la località risulta più intima e pronta a mostrarsi senza troppa affluenza.

La valle che la circonda è stata inserita tra le bellezze naturali riconosciute dall’UNESCO.

OneMag-logo
Link-uscita icona Krems an der Donau, il centro danubiano patrimonio UNESCO

Bad Ischl

Bad Ischl è una città termale nel centro della regione del Salzkammergut nell'Alta Austria.Questo nostro viaggio ci trasporta nell’Alta Austria, dove alle porte di Salisburgo si trova la località termale di Bad Ischl, grazioso comune di circa 14 mila abitanti celebre per le tante testimonianze e tesori appartenenti al periodo imperiale. Di questo florido periodo, in cui la località si trasformò da villaggio di periferia e città di rilievo nazionale, rimangono imponenti monumenti, residenze sontuose e ampie piazze scenografiche.

Nel cuore dell’area forestale del ⇒ Salzkammergut, nel distretto Gmunden, sorge la suggestiva località, nota per essere stata meta vacanziera delle lunghe estati degli Asburgo, dove scapparono dalle faccende di corte per del sano e rigenerante relax.

Ancora oggi Bad Ischl è quasi interamente incentrata sul turismo termale, offrendo ai visitatori anche ricche opportunità escursionistiche e lussuosi soggiorni dal fascino ineguagliabile. La relativa vicinanza da Salisburgo, lontana appena una cinquantina di chilometri, ha permesso in epoca moderna di presentarsi come ambita meta turistica, con un lungo e articolato passato alle sue spalle.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Bad Ischl: località terme dell’Alta Austria

 

Condividi su: