Cosa vedere a Dinan, il borgo medievale della Bretagna

Dinan, il borgo medievale della Bretagna | Cosa vedere a Dinan, Francia


Condividi su:

Cosa vedere a Dinan, Francia

Tutti gli articoli della Francia

Cosa vedere a Dinan, mappa

 

Icona articolo onemagCi troviamo nel dipartimento della Cotes-d’Armor, in Bretagna, dove Dinan occupa un posto di rilievo tra le preferenze dei turisti. Il piccolo borgo medievale è infatti tra le destinazioni più visitate di questa porzione di Francia, quella più a nord del paese e a breve distanza da Saint-Malo, la nota città portuale della Bretagna. Una volta raggiunto ci si troverà di fronte a un centro storico fortificato con le tipiche case a graticcio e le strade che conducono, in ripida salita, dal fiume al centro. Le sue dimensioni modeste consentono di visitare con tutta calma Dinan in una giornata, passeggiando lungo i vicoli acciottolati che conducono alle due aree più significative del borgo francese, il castello e il porto. Pronti a scoprire cosa vedere a Dinan, Francia?

 

Cenni storici

Cosa vedere a Dinan, centro storico

Le prime notizie di Dinan risalgono al 1040 quando venne menzionata in un atto di donazione nei confronti dell’abbazia di Saint-Georges a Rennes. La sua posizione sulle rive della Rance le permise di svilupparsi rapidamente grazie anche al suo porto, strategicamente in collegamento con le Fiandre e l’Inghilterra. Nel XII secolo Dinan era una città ricca e prosperosa con una forte e costante crescita demografica. Nel 1319 vennero allestiti i primi mercati commerciali di dimensioni decisamente più importanti rispetto a quelli organizzati nei dintorni. Ancora oggi la tradizione viene conservata con il mercato settimanale, organizzato ogni giovedì.

Con una crescita cosi importante logico attendersi possibili ritorsioni. Fu questo il motivo che spinse il duca di Bretagna a costruire una cinta muraria di oltre 3 km, accessibile da quattro porte con numerose torri di controllo. Nel XV secolo la cinta venne rinforzata con numerose altre torri in grado di accogliere soldati pronti a difendere il nucleo abitato. Tale prosperità non diede solo modo di fortificare la cittadina ma le consentì di diventare importante centro religioso. Vennero infatti costruiti conventi e vari edifici religiosi, rallentati poi nella seconda metà del XVI secolo dallo scoppiare di numerosi eventi bellici.

Commercialmente, fino alla fine del XVII secolo, Dinan vide la sua prosperità con la produzione e il commercio della tela, esportato in Nord Europa e quindi verso gli Stati Uniti. Nel XV secolo venne costruita la Torre dell’Orologio, il simbolo del potere municipale, affiancata dalle tante case a graticcio che oggi attirano i tanti turisti in visita a Dinan. Le residenze furono inizialmente pensate per la borghesia per poi essere abitate anche dai semplici cittadini. Nei secoli a venire il borgo divenne sempre più rivolto verso attività industriali mentre l’arrivo della ferrovia diede modo all’industria del turismo di affacciarsi verso uno dei luoghi da tanti ambito come terra da scoprire.



Nel secolo XX Dinan vide la sua trasformazione nell’attuale aspetto, con una ulteriore crescita demografica. Questa ulteriore crescita vide la realizzazione di nuovi quartieri, disposti a nord-est rispetto al nucleo originario, urbanizzando quelle che erano le vecchie fattorie. Oggi Dinan è una delle città più visitate della Bretagna culturale e turistica, una città d’arte e di storia che dal 1985 è inserita in una delle più grandi aeree protette della Francia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Trégastel, il gioiello della Costa del Granito Rosa, in Bretagna

Cosa vedere a Dinan

Cosa vedere a Dinan, centro storico veduta dall'alto

Il nucleo storico è indubbiamente il luogo da dove partire per scoprire cosa vedere a Dinan. Con i suoi tre km di bastioni, il centro è posto su un’altipiano dal quale è possibile vedere le rive del fiume Rance e la sua posizione ha reso Dinan una delle città più importanti della Bretagna a partire dal X secolo.

Cosa vedere a Dinan, la Torre dell'Orologio
La Torre dell’Orologio di Dinan

Se si vuole da subito avere un colpo d’occhio sulla città si potrà salire sui 46 metri della Torre dell’Orologio, aperta al pubblico da aprile a settembre. Realizzata dal duca di Bretagna Francesco II nel XV secolo, l’edificio rappresentava il potere dell’amministrazione contro il clero, in costante crescita in quel periodo. Nel 1507 venne installato l’orologio, il cui meccanismo è osservabile al piano terra della torre.

 

Cosa vedere a Dinan, Castello
Il Castello di Dinan

Dall’alto della Torre si sarà senza dubbio ammirato il Castello della Duchessa Anna, un Torrione che oggi ospita il Museo di Storia Locale, visitabile ogni giorno tranne il martedì. Il Torrione Donjon venne realizzato dal duca di Bretagna nel XV secolo come dono alla consorte e la sua forma, dall’alto facilmente individuabile, è di forma ellittica.

L’edificio è formato da due torri circolari suddivise dal resto della terraferma da un fossato che lo proteggeva da possibili incursioni. Parte integrante dei bastioni difensivi della città, quasi 3 km perimetrali, la sua struttura si compone di 15 torri di avvistamento che avevano lo scopo di allertare i presenti nella fortezza.

 

Cosa vedere a Dinan, Place des Merciers
Place des Merciers a Dinan

Conclusa la visita all’antica fortezza, possiamo ritornare nel centro storico, rappresentato dalla Place des Merciers, il luogo dove potersi fermare in uno dei locali qua presenti per ammirare le tante case a graticcio colorate in legno.



 

Cosa vedere a Dinan, Rue du Petit Fort
Rue du Petit Fort a Dinan

Da qua si possono raggiungere le due viuzze più celebri da vedere a Dinan, la Rue du Petit Fort e la Rue du Jerzual. Si tratta in realtà di un lungo percorso, una è il proseguimento dell’altra, che conduce dal centro storico della città al porto sul fiume Rance. Entrambi pedonali, tranne per alcuni tratti, le due vie sono come tutto il resto del borgo strade acciottolate e in questo percorso avrete modo di visitare numerose botteghe ma anche diversi ristoranti da prendere in considerazione per una pausa pranzo.

 

Cosa vedere a Dinan, il porto
Il porto di Dinan

Una volta terminata la vostra passeggiata sulle due vie più note di Dinan raggiungerete il porto, quello sul fiume Rance e che in passato ha fatto la fortuna del borgo, grazie ai commerci con le Fiandre e l’Inghilterra. Di piccole dimensioni, merita una visita anche per una pausa in uno dei tanti locali affacciati direttamente sul Rance, terrazze che regalano un’atmosfera unica e tutto sommato piuttosto distante da quella appena vissuta nel centro abitato posto giusto sopra.

I consigli delle nostre guide

OneMag - Guide / Esperti | Noemi Lepore
Noemi Lepore

A due passi da Dinan, si trova uno dei più scenografici luoghi dell’intera Bretanga: Cap Frehel, una piccola porzione di pittoresco territorio incontaminato, composto da alte scogliere e antiche fortificazioni affacciate sul profondo blu della Manica. Una tappa imperdibile per chi è in visita in Bretagna, dato il suo notevole interesse naturalistico e storico, è stato dichiarato Sito Protetto dal 1967,

Cosa vedere a Dinan, Fete des Remparts
Fete des Remparts, Dinan

Se avete deciso di visitare Dinan e siete indecisi su quando andarci, se potete scegliete di andarci nel terzo fine settimana di luglio quando, ad anni alterni, viene organizzata la Fête des Remparts, la festa dei bastioni. Si tratta del più celebre evento medievale con tanto di torneo cavalleresco e sfilate in costume. La festa medievale richiama migliaia di visitatori provenienti anche da molto lontano, quindi considerate che in quel weekend Dinan diventa decisamente affollato e non sarà facile prenotare da dormire nei dintorni. Se apprezzate questo tipo di feste approfittatene, altrimenti meglio rimandare a uno degli altri weekend dell’anno.


Condividi su: