Condividi su:

Cosa vedere a Diber, il distretto albanese

Tutti gli articoli dell’Albania

icona-articolo

Diber è una regione dell’Albania, nell’estremità orientale, al confine con la Macedonia del Nord, un luogo prevalentemente montuoso e con capoluogo Peshkopi, l’unico comune urbano dell’intero distretto.

Di dimensioni piuttosto ridotte, solo 2.586 km quadrati, il distretto di Diber è tra le mete meno turisticamente frequentate, nonostante gli amanti dell’eco-turismo potrebbero indubbiamente apprezzare la zona. Qui troviamo il Monte Korab, la vetta più alta dell’Albania, il fiume Drin Nero e i noti Laghi di Lura, le perle dell’Albania, posti all’interno del Parco Nazionale di Lura.

Cosa vedere nella regione Diber dell’Albania

Mappa di DiberLe risorse naturali del Diber

Il parco, inaugurato nel 1966, occupa una superficie di 1.280 ettari ed è posizionato a meno di 25 km dalla capitale e da vari piccoli villaggi, come Eperme e Sina, meritevoli comunque di una visita. All’interno del parco sono ospitate numerose specie di fauna selvatica, alcune anche in pericolo di estinzione.

I laghi glaciali di Lura sono invece una delle vere e proprie meraviglie naturali della regione albanese del Diber, una superficie di circa 100 ettari che durante l’estate diventano una delle mete in assoluto più frequentate della regione.
Il territorio di Diber ospita anche un secondo parco, il Parco Naturale Korab-Koritnik, anch’esso ricco di fiumi, laghi glaciali, grotte e canyon. Tra i mammiferi qua ospitati sono gli orsi e i lupi a prevalere in assoluto ma non è per nulla raro incrociare capre, cervi o la lince.
Entrambi i parchi rappresentano un’ottima idea di viaggio per trascorrere qualche giorno nella completa libertà e ideali anche per una escursione di una singola giornata. Grazie ai laghi presenti è possibile anche praticare i numerosi sport acquatici outdoor e fare il campeggio.

Se volete invece vedere il fiume Drin dall’alto cercate il ponte Fushe Muhurri, poco meno di mezzora da Peshkopi, luogo ideale per passeggiare e respirare a pieni polmoni.
Anche il Lago Debar è tra le zone in cui merita fare una escursione.
Imperdibile a Kabe, altro piccolo villaggio posto a 650 metri sul livello del mare. Inoltre da non perdere qui è la quercia più antica dell’Albania, oltre 140 anni di vita con 25 rami che abbracciano l’intero perimetro dell’albero.
Altra pianta interessante è quella posta nei dintorni di Bllice, 500 metri di altitudine, un faggio penzolante la cui strana forma assunta è quello di un ombrello. Alto oltre 15 metri con un diametro di oltre 2, il faggio è anch’esso ultracentenario.

OneMag-logo
Link-uscita icona Elbasan, Albania | Cosa vedere nell’ombelico dell’Albania

I monumenti della regione

Monumenti di DiberNella regione Diber dell’Albania è nato George Kastriot Skanderbeg, il condottiero e patriota albanese, il vero e proprio eroe nazionale. Fu lui, infatti, a condurre in guerra gli albanesi nella battaglia contro gli ottomani.
Logico attendersi quindi uno dei musei in assoluto più importanti a lui dedicati, quello del villaggio di Sinë a cui si aggiunge anche un monumento nella città di Kastriot.

Tra i monumenti più importanti merita sicuramente una visita il Castello di Grazhdan, uno dei più antichi di tutto il paese e risalente al IV secolo, attribuito da molti proprio sotto controllo di Skandeberg.
Altro monumento di rilevanza nella prefettura di Diber è la Moschea di Allejbegi, posta nel villaggio di Burim e costruita nel 1585. Interessante anche nella cittadina rurale di Kercisht la Chiesa di Cveti Spas, costruita nel 1270 e al cui interno sono presenti numerosi affreschi dell’epoca.

A Sotir merita invece fermarsi per ammirare la Santa Chiesa, costruita oltre 7 secoli fa con pietre e malta. Singolarmente realizzata con un tetto in legno, la piccola chiesa ha all’interno le pareti decorate con dipinti religiosi.
Non troppo distante, nel villaggio di Herebel, troviamo un’altra importante icona religiosa, la Chiesa della Santa Trasfigurazione. Costruita nel XII secolo, anch’essa è interamente in pietra ma con l’aggiunta di mattoni e un tetto di tegole.
Nella prefettura di Diber troviamo anche delle moschee, tra cui merita quella presente nel villaggio di Maqellare. La Moschea Allajbeghi risale al 1585 ed è stata dichiarata Monumento Culturale nel 1970.

OneMag-logo
Link-uscita icona Kukes, Albania | Cosa vedere a Kukes, tra Albania e Kosovo

I castelli della Regione Diber

Castelli nel distretto di Diber, AlbaniaOltre al già citato Castello di Grazhdan, sono molti i castelli presenti in questa prefettura dell’Albania.

Tra questi meritano una visita il Castello di Lashkize costruito nel 1565 in pietra con un semplice design rettangolare. Piuttosto grande, con una muratura di 114 metri, il Castello era tra le strutture meno difensive della regione.
A 1280 metri di altitudine troviamo invece, nel villaggio di Ceren, il Castello di Dodes, oggi ridotto in quasi completa rovina mentre nel villaggio di Begjunec, a circa 700 metri di altitudine, troviamo l’omonimo castello da dove è possibile avere una panoramica unica dell’intera regione. Il Castello di Begjunec risale al V secolo ma con certezza, a fronte di vari scavi, si è scoperto che è stato parzialmente restaurato tra il IX e il X secolo.

Per completare l’offerta dei manieri da visitare nel Diber consigliamo anche il Castello di Bellovë, nell’omonimo villaggio, che in passato ha dato riparo agli abitanti durante i vari episodi di guerra. Il castello è composto da due parti, la parte settentrionale e la parte meridionale, collegate da un sentiero lungo la scogliera.
Dalla sua cima è possibile ammirare l’intera città di Peshkopi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Albania, guida turistica | Cosa vedere in Albania

Centri termali

Le acque termali di DiberLa zona di Diber è ricca di acque termominerali, come la sorgente poco fuori da Peshkopi.
L’intera regione è infatti tra le più antiche sull’uso delle terme e della balneoterapia, usate fin dal lontano 1870.
Le acque risultano essere curative per l’artrite, oltre che per altre patologie.
I primi stabilimenti balneari risalgono al 1953 ma già nel 1898 è stato realizzato un grande complesso con varie sale mediche.

Le acque che sgorgano dal terreno hanno una temperatura di 41°C e sono ricche di zolfo, magnesio, sodio, potassio e calcio.

OneMag-logo
Link-uscita icona Tirana, cosa vedere nella capitale dell’Albania

La cucina della regione

La gastronomia di DiberLa gastronomia della prefettura di Diber risulta essere tra le più interessanti di tutto il paese. La cucina di Diber, infatti, è uno dei tratti più rappresentativi della cultura folcloristica regionale, una caratteristica che non può mancare in un viaggio in questo splendido territorio.

La gastronomia di Diber si basa sulle tradizioni, praticamente rimaste invariate nel corso dei secoli. Come in gran parte dell’Albania, la cucina di Diber si basa su ingredienti semplici, tra cui una grande varietà di frutta, erbe e verdure, la cui crescita è favorita dal clima particolarmente favorevole della regione. Parliamo comunque di una gastronomia molto variegata, basata anche su prodotti di caseari, oltre che di bevande alcoliche, tra cui il raki.

Una delle specialità di punta della gastronomia di Diber è il pollo con jufka, anche se la pasta con fagioli è molto diffusa. Il più famoso tra i dolci locali è il Sheqerpare, simile a un biscotto di pasta frolla servito con sciroppo. Nella prefettura sono tipici a servire pasta, rigorosamente fatta in casa, servita spesso con pollo. In alternativa viene proposto lo Spec me Gjizë, dei peperoni ripieni di ricotta. Mentre come dessert sono molto diffusi il miele e il formaggio.

OneMag-logo
Link-uscita icona Alessio, Albania | Cosa vedere ad Alessio (Lezha)

Shopping a Dibër

Fare shopping a DiberVoglia di shopping? La prefettura di Diber ha molto di cui offrire. Soprattutto a Peshkopi sono presenti un gran numero di mercati e negozi che offrono ogni tipologia di merce, dall’alimentare sino all’artigianato. Nell’area storica di Peshkopi è presente un mercato sotterraneo, perlopiù rivolto alla merce d’abbigliamento.
In gran numero sono presenti le boutique, che offrono altrettanto vestiti, scarpe e accessori, che spaziano dall’alta moda fino alla seconda mano.

Durante il mese di Ottobre, a Diber si svolge il festival Oda Dibrane, in cui viene celebrata la cultura e la tradizione regionale, ripercorrendo i tratti caratteristici che dall’età bizantina caratterizzano il territorio. Oltre al gran numero di spettacoli musicali, eventi, rievocazioni storiche, nel festival è possibile esplorare i più tipici dei prodotti artigianali e gastronomici della prefettura.


 

Condividi su: