Denpasar, Indonesia | Cosa vedere a Denpasar

Cosa vedere a Denpasar, la città multiculturale dell'Indonesia e capoluogo amministrativo di Bali, la nota isola dell'Indonesia, posto tra le isole di Lombok e quella di Giava. La città è un punto di riferimento per il turismo all'Isola di Bali, qua troviamo numerosi musei, centri d'arte e luoghi d'interesse culturale, a cui si aggiungono un gran numero di monumenti e statue, oltre che ville di lusso che attirano facoltosi di tutto il mondo. Ecco cosa vedere a Denpasar.3 min


0
Cosa vedere a Denpasar

Cosa vedere a Denpasar, Indonesia
Guida di Denpasar

Icona articolo

Denpasar, la città multiculturale dell’Indonesia e capoluogo amministrativo di Bali, la nota isola dell’Indonesia, posto tra le isole di Lombok e quella di Giava.
E’ la vera porta di accesso a Bali, oltre a essere la città più grande, ricca di giardini, musei, palazzi e templi.
La città ospita il governo ma è anche il centro commerciale e nevralgico di Bali, del commercio e dell’istruzione. Scegliere di visitare Denpasar significa voler uscire dal consueto circuito turistico indonesiano, con un centro cittadino sempre piuttosto affollato ma basterà visitare le aree più esterne per trovare un’atmosfera più tipica e rilassata.

Quando visitare Denpasar, Indonesia

Il periodo migliore per visitare Denpasar e l’isola di Bali è durante la stagione secca, ovvero il periodo che inizia ad aprile e termina la fine di settembre.
La stagione coincide pienamente con i due mesi di maggior affluenza, luglio e agosto, le settimane dove ovviamente i costi sono in rialzo e i più affollati in assoluto. Nelle altre settimane, soprattutto quelle di maggio e giugno e il mese di settembre, si potrà trovare invece il miglior rapporto tra qualità e prezzo.

Cenni storici

Cosa vedere a Denpasar, Perjuangan Rakyat Bali
Denpasar è stata per lungo tempo capitale del regno di Badung, durante il quale ha vissuto uno degli episodi più storicamente rilevanti. A inizio del secolo scorso, nel 1906 per la precisione, gli olandesi attaccarono il palazzo reale, saccheggiandolo e distruggendolo.
Gli abitanti di Bali invece di arrendersi alle truppe invasori scelsero invece di suicidarsi, come altrettanto fece il re, lasciando praticamente vuota l’isola. Oggi l’evento è ricordato dalla statua posizionata nella piazza centrale di Denpasar.

Occorre attendere il 1958 per trovarla sede del governo di Bali, facendo crescere rapidamente l’economia e anche la popolazione, rendendo l’isola tra le più prolifiche anche a livello urbanistico. Rimase il centro amministrativo di Badung per ancora diverso tempo, fino al 1992, quando divenne finalmente città autonoma.
Dal 2009 la capitale del regno di Badung è Mangapura.

La sua posizione a sud dell’equatore offre un clima tropicale secco e umido. Si caratterizza con una temperatura calda e umida durante tutto l’anno con pochi sbalzi di temperatura.
La stagione della pioggia inizia verso la fine di ottobre per concludersi ad aprile, gli altri mesi sono invece quelli migliori per una vacanza.
La temperatura media è di 27°C e i mesi più trafficati dal punto di vista turistico sono luglio e agosto.

Link-uscita icona Scopri tutto sulla splendida Isola di Bali

Cosa vedere a Denpasar

Cosa vedere a Denpasar, edifici
Tra le cose da vedere a Denpasar citiamo il Bali Center of Art e il Museum of Bali, entrambi centri culturali di grandissimo valore e senz’altro di importanza primaria nell’isola di Bari. Entrambi i centri museali ospitano alcuni dei cimeli, tra arte e reliquie, di maggiore importanza della regione.

Nel Museum of Bali vi sono una serie di cimeli legati alla storia antica della grande città, con manufatti risalenti al II secolo a.C., che permettono cosi di scoprire le antiche popolazioni che vivevano all’isola di Bali.
Nel Bali Center of Art invece vi è un’estesa collezione d’arte, suddivisa in aree tematiche e raccolte selezionate in base alla provenienza e all’epoca.

Denpasar è una località molto ricca dell’Indonesia. Imprenditori, medici e, in generale, persone dell’alto ceto sociale del paese scelgono la città come meta di villeggiatura. Per questo motivo, soprattutto verso i litorali periferici, si trovano numerose ville di lusso. Molte di queste ville sono anche disponibili all’affitto di medio-lungo termine, perfette per godersi il relax assoluto per vacanze di lunga durata all’Isola di Bali.

Recandosi verso il centro città è facile capire quanto Denpasar sia ricca di cose da vedere. Oltre alle varie attrazioni, come musei o templi, nel centro storico vi è anche una grande quantità di monumenti, statue e vari luoghi d’interesse culturale. 
Tra le più importanti di queste statue spicca quella raffigurante il dio Brahma. Quest’affascinante opera è stata realizzata con pietra vulcanica e si presenta con una raffigurazione del dio, con quattro teste che puntano verso le strade della città.

Merita visitare, tra le cose da vedere a Denpasar, il tempio di Pura Jagatnata, costruito con innumerevoli decorazioni, tra coralli e sculture, tra cui due, raffiguranti rispettivamente un drago e una tartaruga. Il tempio in questione è dedicato al dio balinese Sang Hyang Widi ed è stato realizzato nel 1953 per il culto locale relativo alla creazione del mondo.

Da non perdere è poi il Palazzo del Raj, uno storico edificio oggi adibito a hotel di lusso. Risalente ai primi anni del secolo scorso, il Palazzo del Raj è simbolo assoluto dello splendore, sia culturale che economico, dell’Isola di Bali.
Purtroppo quasi l’intera struttura è andata perduta a causa di un incendio, che fu però tempestivamente ripristinata seguendo fedelmente il progetto originale. Il Palazzo del Raj è una delle principali cose da vedere a Denpasar anche per il suo bel giardino che lo contorna, mentre una piccola area del palazzo è oggi adibita a museo, con un’interessante mostra di antichi libri.

Concludiamo il nostro viaggio tra le numerose attrazioni di Denpasar presso il Centro delle Arti Budaja. Dentro questo esteso museo vi è conservata un’incredibile collezione di dipinti contemporanei. L’esposizione viene poi completata dalla presenza di varie mostre temporanee in cui gli artisti locali vengono promossi, permettendo spesso anche l’acquisto delle opere esposte.


 


Like it? Share with your friends!

0