Condividi su:

Cosa vedere a Cuneo

Tutti gli articoli del Piemonte

icona-articolo

Cuneo è estesa a sud-occidente del Piemonte e confina con la Liguria a sud e con la Francia a Ovest. Città con poco più di 55.000 abitanti è posizionata su un altopiano formato tra il torrente Gesso e il fiume Stura, il corso d’acqua interamente compreso nella provincia piemontese.
Pronti a scoprire cosa vedere a Cuneo?

Cenni storici

Mappa di CuneoL’altopiano che ospita la città di Cuneo viene citato per la prima volta nel 1198. La sua nascita si deve probabilmente alla fuga di un gruppo di abitanti esodati dalla giurisdizione del Marchese di Saluzzo, non ulteriormente riconosciuta. La scelta di fondare proprio in questo lembo di terra il loro nuovo centro abitato la si deve soprattutto alle necessità difensive, preoccupazione di ogni nucleo abitato nel periodo.

La sua posizione strategica, allo sbocco di sei valli e delle vie di comunicazioni con Liguria e Francia, rese possibile l’espansione del territorio, quando venne dichiarato il Libero Comune fino alla metà del secolo successivo. Alla metà del 1200, infatti, la città dovette arrendersi all’assedio di Carlo d’Angio.
Il secolo successivo vide i Savoia impossessarsi del territorio e per ben due secoli venne quasi continuamente presa d’assalto, capitolando unicamente due volte.

Sono state proprio le sue mura a proteggerla cosi a lungo, protezione distrutta unicamente durante il periodo napoleonico, dando contemporaneamente vita all’espansione demografica e territoriale del comune piemontese.
La sua storia più recente la ricorda come partecipe attivamente alle lotte antifasciste, grazie anche a numerosi partigiani che qua scelsero di adottare le strategie per liberare il territorio.
Oggi Cuneo riesce purtroppo a non mostrare tutto quello che nel suo passato storico è riuscito ad avere. I vari assedi, tra cui quelli sopra citati, hanno definitamente cancellato la gran maggioranza degli edifici e visitando il centro storico si potrà unicamente ammirare lo stile barocco, quello del 1600 a seguire.

OneMag-logo
Link-uscita icona Guida all’Abbazia di Staffarda, il complesso medievale in Piemonte

Cosa vedere a Cuneo

Cosa vedere a CuneoPer scoprire le meraviglie di Cuneo si dovrà partire dalla contrada Mondovì, quella originale e oggi centro storico cittadino. Qui troviamo il caratteristico portico, caratterizzato da una serie di negozi e botteghe e da dove si innestano vie e piazze. Da qua sarà facile raggiungere la Piazza Galimberti, in stile neoclassico, quella che divide quasi in due la città. Da qui infatti partono la medievale Via Roma e la più recente Via Nizza, quest’ultima in direzione meridionale rispetto al centro cittadino.

La Piazza Galimberti è anche sede della Casa-Museo di Tancredi Galimberti, il partigiano  fucilato dai tedeschi e definito eroe della Resistenza. Al suo interno si avrà modo di ripercorrere la storia della famiglia partendo dall’Ottocento, scoprendo anche parte della storia di Cuneo.
Passeggiamo verso la via Roma per dirigerci verso una delle imperdibili cose da vedere a Cuneo, ovvero la Cattedrale Nostra Signora del Bosco, realizzata nel Seicento su quello che in precedenza era un’altro edificio religioso, di epoca medievale. Ristrutturata, oggi la sua facciata risale all’Ottocento, in stile neoclassico.

Sempre nella via Roma troviamo il Palazzo della Torre, uno dei monumenti altrettanto imperdibile di Cuneo. La sua realizzazione è del 1200 e sopra di esso troviamo la Torre Civica, dove la storia ricorda che qui venne stipulato il trattato di pace tra Cuneo e Mondovì, nel giugno del 1317. Di pianta quadrata, la Torre è alta 52 metri e salendovi avrete modo di godere di un’imperdibile panorama.

Rimaniamo sempre nel centro storico e sempre a breve distanza dalla Piazza Galimberti, in via Santa Maria, per raggiungere il Complesso di San Francesco, un Monumento Nazionale composto da quello che un tempo era un convento e una chiesa, risalenti al XIII secolo.
Furono i francescani a insediarsi e durante i secoli fecero numerosi interventi, tra i quali numerosi affreschi risalenti alla fine del 1500. Il secolo successivo venne invece ristrutturato il chiostro e infine, nel 1900, la facciata è stata interamente ristrutturata.
La sua storia lo ricorda come caserma militare, durante l’insediamento di Napoleone e oggi ospita invece il Museo Civico.

Concludiamo la nostra scoperta delle cose da vedere a Cuneo spostandoci invece dal centro storico per raggiungere il Viale Mistral, pochi minuti di auto dalla Piazza Galimberti, dove troviamo il Santuario della Madonna degli Angeli. Costruito nel XV secolo, il complesso venne ampliato in seguito diventando anche un convento e realizzando un ciclo di affreschi nell’edificio ecclesiastico. Meraviglioso percorrere il viale del Settecento che proprio dal Santuario parte, un percorso di 3 km che veniva in passato usato per le processioni e oggi invece passeggiata perfetta dei pomeriggi primaverili.

OneMag-logo
Link-uscita icona Alessandria | Cosa vedere ad Alessandria, Piemonte

Cosa vedere nei dintorni di Cuneo

Nella periferia di Cuneo merita visitare la Villa Oldofredi Tadini, una tipica casa di campagna al cui interno trova sede un bel parco ricco di fiori e che in passato ha ospitato personaggi illustri, tra cui Camillo Benso conte di Cavour.
Perfetto unirvi anche la visita alla Villa Tornaforte, complesso del Quattrocento edificato come Santuario e convertito, nel Settecento, in residenza nobiliare dei conti Tornaforte. Anche in questo splendido edificio merita una visita il meraviglioso parco all’inglese al cui centro ha invece sede un laghetto con numerosi pesci.

Se avete tempo potrete anche muovervi per visitare i suoi dintorni, con cittadine come Saluzzo e Alba ma anche per raggiungere i luoghi termali di Vinadio e Valdieri. Il territorio è anche ricco di manieri come il Castello di Govone e la Reggia di Valcasotto. Cuneo dista meno di 100 km da Torino, percorribili in poco più di 1 ora.


 

Condividi su: