Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber, il borgo fortificato in Baviera

Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber | Il borgo fortificato in Baviera


Condividi su:

Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber | Storica città in Baviera

Leggi tutti gli articoli della Germania

Mappa di Rothenburg ob der Tauber
Mappa di Rothenburg ob der Tauber

icona-articoloNel sud della ⇒ Germania, più precisamente nel land orientale della ⇒ Baviera, è situata la graziosa città di Rothenburg ob der Tauber, il cui toponimo si riferisce alla presenza del fiume Tauber nel centro cittadino.

Il nome del comune è composto anche dal vocabolo “ob”, termine dialettale di “über”, in italiano “sopra”. Il nome tradotto nel completo è quindi Rothenburg sopra il Tauber, toponimo composto dal nome cittadino più da un riferimento geografico. Composizioni simili si trovano anche in Italia, per esempio sulle rive del ⇒ Garda, come ⇒ Tremosine del Garda o ⇒ Desenzano del Garda.

La cittadina medievale possiede tutte le tipiche caratteristiche da borgo. L’organo urbano che prima salta all’occhio è la cinta muraria fortificata, che contorna per intero il nucleo cittadino storico, popolato da circa 12 mila residenti.

La cinta muraria rappresenta una delle più antiche parti cittadini, costruita tra il XIV e il XV secolo ed estesa oltre 3 chilometri e mezzo. Oltre a essere tra le più antiche della Baviera, è anche definita una delle meglio conservate della regione. Oggi la cinta muraria rappresenta, come vedremo a breve, una vera e propria attrazione turistica percorribile.

Rothenburg ob der Tauber è una località abbastanza piccola e facilmente visitabile in un paio di giorni. Il nucleo storico si estende per circa 10 kmq, che incrementano a 41 kmq se si conta l’intero territorio comunale esterno alla cinta muraria.

La gran parte delle attrazioni turistiche sono celate dentro i confini della cinta muraria, per cui si possono facilmente raggiungere in pochi minuti a piedi l’una dall’altra.
Ecco cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber, il borgo fortificato in Germania.

Cenni storici

Per conoscere le origini della città dobbiamo fare un salto temporale di oltre un millennio, giungendo ai primi anni del X secolo. In questo periodo venne fatto erigere il castello dei Conti di Rothenburg e, da quando fu completato, l’insediamento godette di certo splendore per circa due secoli.

Nella seconda metà del XIII secolo, Rothenburg raggiunge un tal livello di ricchezza, economica ma anche politica e sociale, che le preesistenti mura furono rimaneggiate per espandere il territorio comunale. La nuova grande porzione di territorio fu adibita a ospitare il quartiere degli artigiani, dove concentrare tutta la forza produttiva della città.

Dopo una breve parentesi, durata dal 1194 al 1254, dove la città era governata dalla dinastia Staufer, Rothenburg fu dichiarata libera città imperiale, con un decreto emanato direttamente dal re Rudolf.

La Guerra dei Trent’anni diede una brusca frenata sia ai commerci che all’artigianato. Durante i tanti scontri tra cattolici e luterani protestanti, il conte cattolico di Tilly guidò un incursione nella città, che si trovò a dover fronteggiare valorosamente un grande esercito. Tuttavia, l’esito fu negativo, con una netta sconfitta e il conseguente controllo della città. Il conte di Tilly, afferrata la vittoria in battaglia, perse presto l’interesse per Rothenburg, lasciandola e ridandole il suo status di città libera.

Seppur la città tornò finalmente libera, si ritrovò in uno stato di completa miseria. Rothenburg fu completamente saccheggiata, lasciandola in completa povertà. I commerci sono furono più fiorenti così come l’artigianato, interrompendo lo sviluppo e l’estensione cittadina. Questo è il motivo per cui, oggi, la città presenta un aspetto prettamente medievale.

Parte del centro storico fu vittima di bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale, i lavori di restauro furono immediati, ma la cicatrice lasciata dalla guerra è ancora visibile in alcune aree della città.

OneMag-logo
Link-uscita icona I mercatini di Natale di Monaco di Baviera

Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber

Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber, vista sulla cinta muraria
Rothenburg ob der Tauber, vista sulla cinta muraria

Il nostro itinerario a Rothenburg ob der Tauber comincia dalla sua periferia, giungendo ai bordi delle mura cittadine. Esplorate le mura, sia da fuori che da dentro, siamo pronti per la tappa successiva, che consiste in visitare il centro storico, dove scopriremo piazze e strade di riferimento, sino a giungere alle poche ma graziose attrazioni e siti d’interesse da non perdere.

Se il meteo lo permette e anche e condizioni fisiche, una delle attività da non perdere a Rothenburg ob der Tauber è senza dubbio la passeggiata di 3,5 km sulla cinta muraria.
Per percorrere interamente la cinta muraria è necessario preventivare 1 ora e mezza o anche due, qualora si abbia il passo lento. Niente fretta però: godetevi il panorama che le mura offrono, così da darvi un’idea su cosa vi aspetta nelle prossime tappe.

OneMag-logo
Link-uscita icona Bamberga, Baviera | Cosa vedere a Bamberga, Germania

Centro storico

Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber, panoramaCome consueto fare in ogni città, o borgo, l’itinerario per visitare la destinazione comincia dal suo centro storico. Nel centro storico di Rothenburg ob der Tauber si possono visitare piazze e vicoli medievali, molti ancora acciottolati, al cui contorno si sviluppano cinte di edifici pre-rinascimentali dai colori variegati.

Lasciatevi trasportare dalla bellezza del luogo, senza dettarvi necessariamente un’itinerario. L’architettura del centro storico è quella tipica mitteleuropea, con tetti a graticcio rossastri e facciate decorate con stemmi e motivi di ogni genere.

Ottima anche la proposta gastronomica, con tanti ristoranti pronti e soddisfare anche il palato più esigente. Non da meno i negozi, con diverse vie dello shopping in cui dedicarsi a un pomeriggio d’intero relax tra le vetrine di boutique ed esercizi commerciali.

Quasi per caso potrete imbattervi in quel che è il gigantesco negozio appartenente alla catena Käthe Wohlfahrt. Il negozio in questione è interamente a tema natale, un piccolo villaggio in cui immergersi nell’atmosfera delle festività durante tutto l’anno, anche in piena estate.

Come anticipato nei cenni storici, parte del centro storico che si osserva oggi non è quello originale. Durante la Seconda Guerra Mondiale venne in gran distrutto a causa dei bombardamenti, ora non rimarrebbe nulla se non fosse stato per un generale americano, che comandò di cessare ogni bombardamento.

Una volta giunti nel pieno fulcro urbano ci si trova nella Marktplatz, Piazza del Mercato, in cui sono situati gli edifici e i siti di maggior interesse.
La Marktplatz è il centro della movida cittadina, nonché reale centro amministrativo di Rothenburg ob der Tauber, grazie alla presenza del Rathaus, il Municipio, che vedremo nel dettaglio a breve. Qua si trova anche la Baumeisterhaus, storica residenza dell’architetto cittadino, realizzata nel 1596.

La città è tagliata dalla Herrngasse, via dei Signori, la principale arteria stradale di Rothenburg, che collega Marktplatz con i Burggarten, giardini del castello. La Herrngasse segue il contesto architettonico di tutto il centro cittadino, con edifici dai colori vivaci, balconi fioriti e una serie di negozi di vario genere. Da qua si può intraprendere la strada che ci accompagna verso la Jakobskirche, la chiesa di San Giacomo, la principale della città nonché un’opera di grandiosa bellezza e dimensioni.

OneMag-logo
Link-uscita icona Ingolstadt, la città dell’auto

Municipio di Rothenburg

Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber, Municipio
Rothenburg ob der Tauber, Municipio

Il primo edificio che sin da subito si nota nella Marktplatz è quello del Municipio, il Rathaus. L’edificio originale fu costruito a metà del XIII secolo, in cui adottò lo stile gotico, caratterizzato da due finestre crociate. Due secoli e mezzo più tardi, nel 1501, l’edificio fu vittima di un grave incendio che distrusse l’intero lato est. Fortunatamente quello ovest rimase pressoché intatto.

Qualche decennio più tardi, fra il ’72 e il ’78 dello stesso secolo, l’architetto Leonhard Weidmann fu ingaggiato per restaurare il lato distrutto, che lo ridisegnò donandogli elementi di stile rinascimentale.

Alla fine del XVIII secolo fu aggiunto un porticato ai lati della piazza. Il porticato si caratterizza per la sua decorazione con i sette stemmi dei principi elettori, tra le più prestigiose cariche presenti nel mondo politico del Sacro Impero Romano. L’impianto che più distingue la struttura è la torre civica, opera realizzata nel XVI secolo e progettata con una curiosa pianta ottagonale.

La facciata del Municipio si presenta oggi con dettagli legati a diversi stili architettonici, quali gotico, rinascimentale e classicista. L’ibrido che vanta il Rathaus è un vanto per la città, poiché si tratta di un’esempio raro da trovare in altri luoghi in Baviera.

Internamente sono presenti numerose sale realizzate anch’esse in vari stili. La maggior parte sono in stile rinascimentale, mentre è di stile gotico la più pregevole delle sale, quella dell’imperatore.

location_icon onemagMarktpl. 1, 91541 Rothenburg ob der Tauber, Germania

OneMag-logo
Link-uscita icona Le 10 città più belle della Germania

St.Jakobskirche (chiesa di San Giacomo)

Cosa vedere a Rothenburg ob der Tauber, chiesa St. Jakob
Rothenburg ob der Tauber, chiesa St. Jakob (chiesa di San Giacomo)

Poco distante dal Municipio si erge imponente la chiesa gotica di San Giacomo. La chiesa appartiene al culto luterano ed è famosa per essere un’importante tappa per il pellegrinaggio verso Santiago de Compostela.

Le origini dell’edificio risalgono tra il XIV e il XV secolo, con l’inizio dei lavori datati al 1311 e l’inaugurazione al 1484. La costruzione si prolungò per quasi due secoli a causa dei lavori in più fasi, dovuti a mancanza di fondi e operai. L’anno dopo l’inaugurazione la chiesa fu consacrata dall’allora vescovo di Würzburg.

La struttura si compone al suo interno da una lunga navata centrale, divisa da quelle laterali da colonne arcate con coperture a volta. All’esterno, invece, la chiesa si presenta con due grandi campanili gemelli, di aspetto identico ma di altezza leggermente differente: 55 e 57 metri.

All’interno della chiesa è custodito l’Altare del Sacro Sangue, uno dei capolavori meglio riusciti dello scultore Tilman Riemenschneider, realizzato tra il 1500 e il 1505. L’altare è situato nell’omonima cappella, sul coro occidentale.

location_icon onemag91541 Rothenburg ob der Tauber, Germania

OneMag-logo
Link-uscita icona Norimberga, uno scorcio di Germania da scoprire

Reichsstadtmuseum (Museo Civico)

Terminiamo il nostro viaggio a Rothenburg presso il suo Museo Civico, il principale centro espositivo della città. Il Museo Civico di Rothenburg offre un’esposizione estesa su 2500 mq, dove sono esposti cimeli e reperti che permettono di scoprire il passato della città. Gli oggetti qua presenti ricoprono un arco temporale di ben otto secoli, dal X al XIX secolo circa.

Il percorso si completa con l’esposizione di numerose opere d’arte, come dipinti e sculture. Non solo: sono conversati diversi oggetti artigianali e cimeli riguardanti la religione ebraica. Parte dell’edificio è dedicata anche la Fondazione Baumann, che dal 1999 espone cimeli bellici e stampe di vario genere, oltre ad alcune curiose serrature.

location_icon onemagKlosterhof 5, 91541 Rothenburg ob der Tauber, Germania


 

Condividi su: