Cosa vedere nel lago di Brokopondo

Cosa vedere nel lago di Brokopondo


Condividi su:

Il bacino artificiale del suggestivo
lago di Brokopondo

Tutti gli articoli del Suriname
Lago Brokopondo, mappa
© Google Maps

Icona articolo onemagLì dove il fiume Suriname subisce uno sbarramento, nasce il lago artificiale di Brokopondo che prende il nome dal villaggio che si trova a meno di 10 chilometri dalle coste del bacino. Il lago rappresenta l’unica realtà del genere nel Paese e lega la sua importanza al ritorno economico prodotto.

Il Lago di Brokopondo

Lago Brokopondo, veduta aerea
© Marcus / Flickr

La costruzione della diga

La costruzione della diga che è all’origine della formazione del lago fu voluta per interessi economici da una società proprietaria delle miniere del territorio e il governo della Guyana olandese. La sua realizzazione costrinse circa 5 mila Maroon, ossia gli schiavi africani fuggiaschi, ad abbandonare le proprie case. C’è anche un aspetto doloroso, quindi, dietro la storia del lago Brokopondo e si unisce alla drastica riduzione di fauna ittica che è passata dalle 172 specie presenti nel 1964 alle 62 rimaste oggi. Il lago, pur essendo piuttosto vasto, è difficilmente navigabile a causa dei tanti piranha e delle cime degli alberi sommersi.

Il bacino è anche chiamato lago di W.J. van Blommestein dal nome dell’ingegnere olandese che progettò e seguì la costruzione della diga che lo ha originato. Lungo le sue sponde sorgono quattordici centri abitati, ma il villaggio più rilevante nella zona è Brokopondo dal quale prende il nome il bacino.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Fort Zeelandia, la roccaforte olandese del Suriname

Il capoluogo del distretto di Brokopondo

Lago Brokopondo, costa

Il capoluogo Brakopondo si trova sulla riva sinistra del fiume Suriname e a nord della diga di Afobaka. La diga è lunga 1913 metri e fu costruita tra il 1960 ed il 1964 per sbarrare il corso del fiume e favorire la produzione di energia idroelettrica. Il fiume Suriname, invece, ha un corso lungo 480 chilometri che attraversa il Paese a est. Nasce vicino il Juliana Top e sfocia a ⇒ Paramaribo. Il picco montuoso, che prende il nome dalla regina Giuliana dei Paesi Bassi, con i suoi 1280 metri è il punto più alto del Paese e fa parte del Massiccio della Guiana, una formazione formatasi tra 2,5 ed 1,9 miliardi di anni fa.

Sicuramente uno dei più antichi massicci al mondo. Si trova nelle Montagne di Guglielmina, una catena montuosa lunga ben 130 chilometri che prende il nome dalla regina Guglielmina dei Paesi Bassi.

 

Le denominazioni locali sono la testimonianza perenne della forte impronta olandese lasciata sul territorio. Ma quello che spicca è sicuramente il contesto ambientale circostante il lago, caratterizzato da una vegetazione rigogliosa che crea un bel contrasto cromatico con le acque del bacino.

Ultimo aggiornamento 19 aprile 2021


 

Condividi su: