Condividi su:

Cosa vedere a Da Lat, Vietnam

Tutti gli articoli del Vietnam

Cosa vedere a Da Lat, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemagDa Lat è la capitale della provincia di Lam Dong, nel centro del Vietnam, posta su un altopiano a 1475 metri di altitudine e a circa 300 chilometri da Ho Chi Minh City. Con poco meno di 200.000 abitanti, la cittadina è una meta ideale per fuggire al caldo ed è la meta perfetta durante il mese di dicembre e gennaio. I due mesi sono anche il periodo in cui viene organizzato il Festival dei Fiori, uno degli appuntamenti fondamentali per la città vietnamita.

Soprannominata la Piccola Parigi, la città grazie al suo clima e le sue bellezze architettoniche ha saputo attrarre turisti anche per le sue impronte coloniali, ancora oggi visibili. Frequentata soprattutto da turisti locali, Da Lat è una meta che gradualmente sta conquistandosi le attenzione anche dei turisti americani ed europei, specialmente in viaggio di nozze.

Cosa vedere a Da Lat, Vietnam

Da Lat è famosa per l’ampia varietà di fiori, ortaggi e frutta provenienti dai suoi terreni agricoli circostanti. La città è anche circondata da innumerevoli siti naturali e culturali, tra cui splendidi paesaggi, foreste sempreverdi e villaggi di minoranza. Le principali fonti di reddito della zona sono l’agricoltura e l’industria del turismo, ma la città è anche molto orgogliosa di essere un centro educativo che produce ogni anno professionisti multi-campo, tra cui medici e architetti. Con la sola Dalat University che ospita più di 13.000 studenti, ci sono buone possibilità che i visitatori incontrino vietnamiti giovani, entusiasti e amichevoli da ogni angolo del paese.

OneMag-logo
Link-uscita icona Hué, l’antica capitale del Vietnam

Attrazioni turistiche

Cosa vedere a Da Lat, Casa pazza di Hằng Nga
Da Lat, Casa pazza di Hằng Nga | @Martin Boujon / Flickr

La città di Da Lat è ricca di luoghi d’interesse molto variegati, con una spiccata qualità nell’architettura e nell’arte in generale. La Casa pazza di Hằng Nga è con tutta probabilità l’attrazione più insolita, e meno vietnamita che si possa trovare a Da Lat. Già il nome ci suggerisce il fatto che si tratti di un’opera non convenzionale, progettata da quella che è la figlia dell’ex segretario generale del Partito Comunista del Vietnam Trường Chinh, l’architetto Đặng Việt Nga.

Si tratta di un palazzo, adibito ad albergo, progettato con l’idea di diventare una casa delle fate. La struttura, infatti, richiama l’aspetto di un gigantesco albero, a cui sono stati implementati decorazioni di elementi naturali ricreati artificialmente, quali per esempio caverne e animali, ma anche foglie e funghi. Ciò che inoltre spicca all’occhio sono le forma complesse e organiche, in modo da dare alla struttura l’aspetto quanto più possibile naturalistico. 

Il Vietnam è un paese molto giovanile, complice anche la Guerra che tra gli anni ’60 e ’70 decimò la popolazione di maschi adulti. Questo ha reso oggi la nazione molto dinamica e al passo con i tempi. Da Lat segue il livello del resto del paese, grazie anche alla sua università. L’Università di Da Lat è una delle più importanti del Vietnam, un’istituto pubblico e multidipliscinare, situata in cima a una collina rivestita da una macchia boschiva di pini, da cui si gode di un’eccellente panorama.

Rimanendo a tema di edifici pubblici, la Vecchia Stazione Ferroviaria è una tappa che non rientra nei classici itinerari turistici. Tuttavia, la costruzione in sé è uno dei migliori esempi di architettura coloniale in città, con l’evidente impronta lasciata dai francesi durante la fase di progettazione. I francesi la costruirono tra il 1932 e il 1938, divenendo presto una delle tappe di maggior riferimento nella linea Phan Rang – Da Lat, lunga in origine 84 chilometri, di cui solo 7 sfruttati oggi per servire i turisti in visita alla Pagoda di Linh Phuoc.

I francesi, oltre alla stazione, diedero in eredità alla città un’intero quartiere, esteso circa 6 ettari e costellato da ville dalla tipica architettura francese. Sebbene l’impronta della Francia nelle ville sia ben evidente, ogni struttura si caratterizza per uno stile architettonico differente, rendendo il quartiere visivamente molto interessante. Oggi il Quartiere Francese è situato lungo Tran Hung Dao Street, nel pieno centro storico di Da Lat.

Da Lat è anche un’importante meta per lo shopping. L’intero sud-est asiatico a dir la verità è una meta molto suggestiva per il commercio, che a Da Lat trova la sua essenza nel suo stupendo mercato, il Mercato di Da Lat. Si tratta un’area commerciale situata lungo la Nguyen Thi Minh Khai Street, considerata il cuore mercantile della città. Nel mercato, oltre a tanti prodotti alimentari e artigianali tipici del posto, sono numerosi i punti in cui sono venduti particolari souvenir turistici, perfetto per trovare il proprio ricordo da portare a casa.

Il Museo Lam Dong è uno dei principali centri espositivi della città. Qua è presente un ricco percorso che accompagna il visitatore nel passato della provincia di Lam Dong, attraverso una ricca collezione di manufatti e reperti locali. Qua è evidente il tratto caratteriale che delinea le tradizioni e il folclore della provincia, che su certi aspetti sono molto differenti rispetto a quelli presenti nel resto del Vietnam.

OneMag-logo
Link-uscita icona Ho Chi Minh City, il volto moderno del Vietnam

Palazzi di Da Lat

Quelli di Da Lat vengono definiti come i più bei palazzi di tutto il Vietnam. Non c’è da stupirsi, poiché bastano pochi passi per scorgere della bellezza di alcuni di questi magnifici edifici.
Il primo che inseriamo in lista è il Palazzo Tran Le Xuan, un ricco complesso di tre ville situate in Yet Kieu Street, che al tempo della Repubblica del Vietnam fungeva da dimora per le vacanze di Ngo Dinh Nhu, consigliere, nonché fratello minore, di Ngô Ðình Diệm, il primo presidente del Vietnam del Sud.

Il Palazzo Nguyen HuuHao, noto anche come Palazzo della Regina Nam Phuong, è un pregevole edificio degli anni ’30 del secolo scorso, caratterizzato dal tipico stile architettonico francese. Ben più noto è invece il Palazzo 1, costruito nel 1940 per volere di un’imprenditore milionario francese, Robert Clément Bourgery, sulla cima di un altopiano alle spalle della città, a 1550 metri sul livello del mare. La residenza include un’area circostante estesa ben 60 ettari, situata su Tran QuangDieu Street, a 4 chilometri verso sud-est dal centro storico.

OneMag-logo
Link-uscita icona Phan Thiet, le meravigliose spiagge del Vietnam

Chiese cattoliche

La Chiesa di Domaine de Marie, anche conosciuta come la Chiesa di Vinh Son, è un ricco complesso architettonico, composto da una cappella principale e da due grandi edifici complementari. Qua vi ci vivono le monache dell’ordine di Francesco de’ Paoli, nome italianizzato di Vincent de Paul, presbitero francese vissuto tra il XVI e il XVII secolo. Il complesso si estende su una superficie di 12 ettari, attorno a Ngo Quyen Street, a circa 1 chilometro dal centro città.

La Chiesa di Cam Ly, o Chiesa di Son Cuoc, è una delle strutture cattoliche di maggior rilievo di Da Lat, che serve principalmente le minoranze etniche in questa zona. Il principale edificio di culto cattolico è invece la Cattedrale di Da Lat, intitolata a San Nicola, e nota per il suo alto campanile su cui si erge una peculiare scultura bronzea di un gallo, motivo per cui la chiesa è anche nota come la Cattedrale del Gallo. La cattedrale è la più grande chiesa di Da Lat, nonché sede vescovile della diocesi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Halong Bay, la baia UNESCO nel Golfo del Tonchino, Vietnam

Pagode di Da Lat

Pagode di Da Lat
Pagode di Da Lat | @minhhung nguyen / Flickr

Il monastero di Truc Lam Zen è un monastero Zen appartenente alla setta vietnamita di Truc Lam Yen Tu, l’unica scuola nativa del buddismo del Vietnam. Ci troviamo a 5 chilometri dal centro di Da Lat, sul Monte Phung Hoang, sopra il Lago Tuyen Lam.

La Pagoda Thien Vuong Co Sat, anche nota come Pagoda Phat Tram o Pagoda Tau, è un tempio buddista situato sulla collina di Rong, a 5 chilometri dal centro della città di Da Lat verso nord-est. La Pagoda di Linh Quang fu il primo tempio buddista costruito nella città di Da Lat, nonché uno dei più importanti del suo genere dell’intera provincia.

Uscendo dalla città, a circa 30 chilometri da Da Lat, è possibile visitare la suggestiva Pagoda Linh An, definita da molti come una delle più pregevoli in termini architettonici. È particolarmente indicata per i turisti occidentali che si avvicinano per la prima volta alla cultura orientale, dato che è stata interamente adibita sotto ogni aspetto per accogliere i visitatori stranieri. È uno dei cinque templi buddisti spirituali di Da Lat, nonché uno dei più famosi, posto vicino alle Cascate dell’Elefante.

OneMag-logo
Link-uscita icona Nha Trang, mare e sabbia nel Vietnam del sud

Cascate a Da Lat

Cosa vedere a Da Lat, Pongour Waterfall
Da Lat, Pongour Waterfall | @Sijanto Nature / Flickr

Tante sono le cascate a Dalat. Le varie cascate che costellano il territorio di Da Lat sono considerate tra le più belle del Vietnam meridionale, perfette per escursioni e gite fuori porta.
Le Cascate dell’Elefante, Elephant Falls o Lieng Rowoa Waterfall, sono situate a Nam Ban, nel distretto di Lam Ha, e sono alimentate dal fiume Camly, circa 25 chilometri dal centro di Da Lat. La cascata in questione vanta un salto di oltre 30 metri che si estende in larghezza per 40 metri, venendo definita popolarmente il luogo naturalistico più bello nei dintorni di Da Lat.

Altrettanto stupende sono le Cascate di Prenn, ai piedi del Prenn Pass, un passo stradale molto scenografico e semplice da percorrere, situato lungo la strada che collega Da Lat a Ho Chi Minh city. La Cascata di Prenn è un’eccellente punto di natura incontaminata degli altopiani centrali, che attira turisti dall’intero continente tale la loro bellezza. Gli appassionati di ecoturismo potranno godere di una fitta foresta attraversata da centinaia di ruscelli e torrenti.

Poco distante da quella di Prenn, la Cascata di Datanla è una grande cascata ubicata nell’omonima area turistica di Datanla, caratterizzata da diversi sentieri e percorsi escursionistici. Molti hotel e resort di Da Lat offrono tour guidati in questo luogo, dove si possono godere attività di canyoning e trekking, il tutto con il contorno delle magnifiche cascate.

La Cascata Pongour, anche conosciuta come cascata Bay Tang, è situata nel distretto di DucTrong, a circa 50 chilometri a sud di Dalat. La cascata presenta un salto di ben 40 metri, con un”incredibile estensione di oltre 100 metri, scorre su una terrazza naturale rocciosa di sette gradoni.

L’ultima importante cascata è quella di Bao Dai, nota anche come Cascata di Jraiblian, il cui nome si traduce in alta cascata rocciosa. L’imperatore Bao Dai, l’ultimo del Vietnam, fu solito a cacciare animali selvatici in questa zona. La Cascata di Jraiblian fu uno dei punti che l’imperatore scelse per riposarsi e rilassarsi dopo le stancanti sessioni di caccia.

OneMag-logo
Link-uscita icona Ho Chi Minh City, il volto moderno del Vietnam

Laghi di Da Lat

La Valle dell’Amore, Valley of Love, è uno dei luoghi più romantici e suggestivi di Da Lat, a circa 5 chilometri verso nord del centro della città. Qui è situata la diga di Da Thien, che riunisce tanti piccoli ruscelli che scorrono dalle alte montagne formate dal Lago Da Thien, caratterizzato da acqua limpidissima e avvolto da un’estesa valle verde smeraldo.

Il Lago Xuan Huong è un altro lago di incredibile bellezza, situato nel cuore del centro città di Dalat. Il lago è intitolato a uno dei più rinomati poeti vietnamiti, Xuan Huong, vissuto nel XIX secolo, realizzato artificialmente con l’obiettivo di realizzare un parco naturalistico nel centro di Da Lat, con giardini fiori e grandi pinete. Il Lago Than Tho è un altro lago d’acqua dolce situato all’interno dei confini città di Dalat, che rappresenta anche una delle principali attrazioni naturalistiche.

Il Lago Tuyen Lam si trova nella città di Da Lat ed è il più grande lago d’acqua dolce della città, con una superficie complessiva di 320 ettari, a circa 7 chilometri dal centro e a 2 chilometri dalla cascata Datanla.


 

Condividi su: