Condividi su:

Cosa vedere a Korca, Albania

Tutti gli articoli dell’Albania

Cosa vedere a Korca, mappa
© Apple Maps

icona-articolo

Korca, nota in italiano con il termine Coriza, è una città dell’Albania a 850 metri di altitudine, circondata dalle montagne di Voskopoja, Vithkuqi e Boboshitica. Koska è nota per essere la città dove è organizzato il carnevale più importante del paese e anche la città dove viene prodotta l’omonima birra.

Nota con diversi appellativi, tra cui Città della Birra, Città dell’Amore e anche Piccola Parigi, Koska è considerata la città artistica dell’Albania. La sua posizione, nella zona sud-orientale dell’Albania, la rende perfetta per visitare la zona, raggiungendo il lago di Ohrid oppure il lago Prespa, se non volete spingervi troppo fuori città.

Cenni storici

Le origini di Coriza, come sito abitato, sono parzialmente incerte. Sebbene si suppone che già dal Neolitico la località fosse abitata, con certezza i primi insediamenti si fanno risalire agli Illiri. Per vedere la città assumere il suo moderno aspetto occorse però attendere millenni, fino alla dominazione ottomana in Albania.

I primi documenti scritti che ne accertano l’esistenza risalgono ai primi anni del XVI secolo, grazie alle cronache di Gjon Muzaka, che ricostruendo le genealogia della propria famiglia indica una località con il toponimo di Kovica. Esso comprendeva un feudo di dimensioni imponenti, che si estendeva su gran parte dell’Albania centrale, con limite dettato dal fiume Vjosa.

Il feudo appartenne a un antenato di Muzaka, Andre Muzaka I, che ne la proprietà nel 1280. Quindi, si suppone che Coriza fosse nata attorno a quel periodo, tra il XII e il XIII secolo. Nel 1440 ascesero nel territorio di Korca, occupandolo e dominandolo. I turchi cominciarono la creazione della città moderna nel corso del ‘400, sotto la guida di Imrahor Ilyas Bey, uno dei più famosi comandanti ottomani. Al generale gli fu perfino dedicata una moschea, tutt’oggi esistente.

La città fu progressivamente delineata con l’intento di renderla un luogo intellettuale e d’arte. I musulmani albanesi vollero preservare la cultura nativa all’interno di una comunità linguistica, in forte crisi per via del continuo accrescere di abitanti aromani del gruppo arvanita.

Qua fu fondata la prima scuola di lingua albanese nel 1887, sotto la guida dei fratelli Frashëri. Lo stesso edificio oggi ospita le sale del Museo Nazionale dell’Istruzione. In origine, l’istituto scolastico fu accessibile esclusivamente a un pubblico maschile, a cui si aggiunse una scuola separata, per femmine, nel 1891. Nel 1917, con l’indipendenza albanese, fu aperto un liceo francese.

Con l’arrivo del XX secolo, i patrioti di Korca contribuirono al movimento per la liberazione degli ottomani nel territorio albanese, dal 1906 al 1912. Odhise Paskali, uno dei più noti scultori albanesi, realizzò il monumento National Hero raffigurando i patrioti, in discesa dalle montagne, in avanzata per liberare le città.
A cavallo tra le due Guerre Mondiale, Coriza visse un periodo di certo splendore, durante il quale furono inaugurati istituzionipalazzi, piazze e monumenti nuovi. Aumentò d’estensione e di popolazione, divenendo oggi una città accogliente e a misura d’uomo, oltre che moderna e green, con tanti spazi verdi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Elbasan, Albania | Cosa vedere nell’ombelico dell’Albania

Cosa vedere a Coriza

Cosa vedere a Coriza | Attrazioni turistiche
Cosa vedere a Coriza | Veduta aerea della città | @blackcharliepho / Flickr

Korça è conosciuta per essere un città di elevata importanza in Albania. È inoltre uno dei centri culturali ed economici più grandi e importanti dell’Albania, situato nella parte sud-orientale del paese.

Sebbene sia ancora intatta dal turismo di massa, Coriza sta progressivamente diventando nota come meta per weekend o gite fuori porta da ⇒ Tirana o ⇒ Durazzo. La città, per essere visitata nel suo essenziale, richiede idealmente un 2-3 giorni, mentre una settimana di vacanza per i turisti potrebbe risultare eccessiva e non troppo allettante.

Per visitare Korca è bene mettersi un paio di scarpe comode, dato che il modo migliore per scoprirla è visitandola a piedi. Tanti sono i quartieri tipici, composti da abitazioni basse e ville, mentre il centro storico, fulcro del turismo cittadino, custodisce un ottimo patrimonio storico-culturale.

E a tema culturale sorge immediato suggerire la visita nei musei presenti.
Il più importante è il Museo dell’Educazione, che come già visto ha sede nel palazzo in cui fu fondata la prima scuola albanese nel 1887, dedicato interamente alla storia dell’istruzione nel mondo e in Albania.
Gli altri musei, certo non meno interessanti, sono il Museo Nazionale di Arte Medievale, che grazie al suo recente rinnovamento è riconosciuto come tra i più importanti del suo genere in Albania, e il Museo Preistorico, che si compone per un percorso dedicato alla preistoria nel territorio albanese.
La lista prosegue poi con il Museo d’Arte Orientale Bratko, il Museo di fotografia Gjon Mili e la Casa-Museo del paesaggista Vangjush Mio.

Coriza è famosa, rimanendo in tema cultura e scoprendo parte del folclore locale, per ospitare quel che è il più grande carnevale di tutta l’Albania, che si tiene annualmente a cavallo con la Pasqua Ortodossa. La cultura locale è dettata anche poi dalle serenate locali, che tra la popolazione di una certa età rappresentano un must. L’enogastronomia è un punto di forza di Korca, grazie alle trattorie e osterie che sparse omogeneamente in città offrono alcune delle più caratteristiche pietanze albanesi e locali. Per esempio, da non perdere sono i dolci, soprattutto le torte, considerate tra le migliori del paese, spesso accompagnate con il raki, la tipica bevanda tradizionale.

Tappa obbligata se fate turismo enogastronomico in Albania, gli stabilimenti dell’omonima birra, fondati nel 1928 da un albanese ed un italiano, sono aperti alla visita di quanti vogliono conoscere le fasi di produzione della bionda bevanda. Nella vicina Korça Beer House l’assaggio è davvero imperdibile, vi viene proprio proposto come momento di convivialità, con la birra sempre accompagnata dai prodotti tipici del posto, prime fra tutte le zgare, la carne arrosto.

Il Teatro Cajupi è uno dei luoghi principali in Albania per assistere a concerti o spettacoli teatrali a seconda della stagione. La zona è anche famosa per le chiese bizantine di Vithkuqi e Voskpoja, le cui pareti furono dipinte da famosi pittori albanesi medievali. Vicino a Korça puoi visitare il lago Prespa (che è il più grande parco nazionale del paese), il Parco Nazionale di Drenova, il tumulo illirico di Kamenica, ecc.


 

Condividi su: