Cosa vedere ad Annecy

Annecy, la Venezia delle Alpi | Cosa vedere ad Annecy, Francia


Condividi su:

Cosa vedere ad Annecy | L’affascinante città storica in Francia

Tutti gli articoli della Francia
Cosa vedere ad Annecy, mappa
© Apple Maps

Icona articolo onemag

Di origine medievale, Annecy è una località posta nella regione Rodano-Alpi a una cinquantina di chilometri da Chambery e a poco meno da Ginevra. Soprannominata la Venezia delle Alpi, Annecy è deliziosamente posta sulle rive del lago più pulito d’Europa, l’omonimo Lago di Annecy, che da oltre 50 anni è costantemente depurato e le cui acque sfociano nei canali che attraversano il centro storico della città, la Città Vecchia.

Interamente circondata dalle montagne, Annecy è una pregevole località turistica visitata in ogni periodo dell’anno anche se è in inverno che richiama il maggior afflusso turistico, grazie alla vicinanza degli impianti sciistici dell’Alta Savoia. Nel periodo estivo viene invece apprezzata dai tanti escursionisti in cerca di refrigerio e dagli amanti delle attività sportive outdoor, rendendola la capitale europea degli sport all’aria aperta.

Cenni storici

Cosa vedere ad Annecy, mappa

Le origini di Annecy si perdono nei meandri della storia, come testimoniato dal suo territorio, in cui sono stati rinvenuti preziosi oggetti lacustri databili al Neolitico.
Tuttavia, occorre attendere l’arrivo dei romani per vedere la nascita della prima città, chiamata Boutae, fondata verso la metà del I secolo a.C. L’insediamento romano ebbe un discreto ruolo nei commerci, senza però mai splendere. Con la caduta dell’Impero Romano la città visse un periodo di stallo, dove non crebbe né in dimensioni né in numero di abitanti. Solamente diversi secoli dopo, nel XI secolo, la comunità locale vide un’importante punto di svolta, dettato dalla nascita di un nuovo villaggio sulle rive del fiume Thiou: Annecy-le-Neuf.

Da questo momento si iniziò a parlare concretamente dell’Annecy che oggi conosciamo.
Nel XIII secolo la città venne incorporata nel Ducato di Savoia, attraverso l’insediamento del Conte di Ginevra ad Annecy. Questo diede un forte impulso per rendere la città, nel mondo politico, amministrativo e giudiziario, importante. Con la Riforma religiosa di Ginevra, il vescovo cittadino trasferì la propria residenza ad Annecy, ottenendo il titolo di sede della diocesi di Ginevra. Nei primi anni del XVII secolo giunse il futuro San Francesco di Sales, che contribuì a rafforzare il ruolo religioso della città, valorizzandone anche il carattere intellettuale. Un forte punto di svolta arrivò il secolo successivo, epoca nota per aver rappresentato un totale punto di svolta in tutta l’Europa. Incorporata nel territorio francese nel 1792, Annecy cambiò gradualmente il proprio ruolo, trasformandosi da una città di carattere religioso a un’importante centro manifatturiero.

Inoltre, dal 1860, con il nuovo connubio tra Savoia e Francia, la città vide l’instaurarsi di una nuova importante fonte economica, quella del turismo. Il turismo diede modo alla città di trasformare il proprio paesaggio urbano, passando da centro manifatturiero a luogo di riferimento per l’industria tecnologica. Negli ultimi anni Annecy si è affermata come centro turistico di primo livello per la Francia, sede di una vita culturale molto variegata e ricca.

OneMag-logo
Link-uscita icona Amiens, Francia | Cosa vedere ad Amiens

Cosa vedere ad Annecy | Le 15 attrazioni assolutamente imperdibili

Iniziamo a scoprire cosa vedere ad Annecy partendo dalla città vecchia, il nucleo storico della città e precisamente dalla Place Georges Volland, la principale della città. La piazza è anche la sede del mercato cittadino, organizzato martedì, venerdì e domenica fino alle 13 e che coinvolge l’intero centro storico. Passeggiando lungo i vicoli che si affacciano sui tanti edifici colorati che richiamano lo stile piemontese, avrete modo di ammirare le principali attrazioni della città. Attraversato dal fiume Thiou e dal Canal du Vasse, la città vecchia di Annecy è in gran parte pedonale ed è anche il luogo perfetto dove alloggiare per godere della movida serale.

OneMag-logo
Link-uscita icona Piccardia, l’antica provincia nel Nord della Francia

Città Vecchia

Cosa vedere ad Annecy, città vecchiaLa Città Vecchia di Annecy è il luogo in cui sono racchiuse la maggioranza delle attrazioni storiche. Caratterizzata da una vivace movida serale, la Città Vecchia di Annecy vanta un’atmosfera romantica e pittoresca, ricca di ristoranti eccellenti e varie vie commerciali.

Rue Sainte-Claire
, Rue Royale e Place Saint-François de Sales sono alcuni dei punti di maggior interesse nella Città Vecchia di Annecy, dove hanno sede alcuni dei migliori ristoranti e si trovano file di storici edifici eleganti. Il contesto urbanistico della Città Vecchia di Annecy accompagna il visitatore indietro nel tempo, in una porzione cittadina che su certi tratti pare non aver subito il trascorrere dei secoli.

Le Thiou

La città e il centro storico sono letteralmente spezzati in due grandi aree dal corso de Le Thiou, un breve fiume di 3 chilometri che sfocia nel Lago di Annecy, lungo il quale si trovano alcuni dei monumenti più importanti, come il Palais de l’Île. Le Thiou ebbe un ruolo fondamentale nella vita cittadina, un motore economico e sociale, che servì per fornire acqua potabile e alimentare le attività artigianali e manifatturiere.

OneMag-logo
Link-uscita icona Guida di Avignone, Francia

Place Georges Volland

Cosa vedere ad Annecy, Place Georges VollandIl centro storico di Annecy è dominato dall’elegante Place Georges Volland, una delle principali piazze cittadine, posta nell’area occidentale del centro storico. Ricca di edifici storici, bar, ristoranti e negozi, la piazza è un’ottimo punto di partenza per gli itinerari nella città di Annecy, data la sua strategica posizione a ridosso delle principali attrazioni.

La piazza è contornata da una fila di edifici storici dalle facciate variopinte, importanti testimonianze del passato rinascimentale di Annecy. Assolutamente imperdibile è la famosa pasticceria Philippe Rigollot, dove vengono prodotti e venduti deliziosi cioccolatini e dolcetti vari di produzione artigianale.
Si consiglia di visitare il martedì, venerdì e domenica mattina, quando dalle 07:00 alle 13:00 si svolge il mercato cittadino, che si estende per tutto il pittoresco centro storico di Annecy.

OneMag-logo
Link-uscita icona Rocamadour, Francia | Cosa vedere a Rocamadour, il suggestivo borgo francese

Palais de l’Île

Cosa vedere ad Annecy, Palais de Isle

Uno degli edifici che sicuramente meritano essere inseriti tra le cose da vedere ad Annecy è il Palais de l’Île, probabilmente l’edificio più noto della città e tra i più fotografati di Francia. La sua costruzione risale al XII secolo e nella seconda metà del XIV secolo divenne la prigione della città per essere poi trasformato in una zecca, quindi residenza della famiglia Mounthoux e poi ancora nella residenza dei duchi di Savoia.

Negli ultimi anni del secolo XVI tornò nuovamente a ricoprire il suo antico scopo di prigione, incorporando al suo interno anche il tribunale cittadino. Tale utilizzo avvenne anche durante la Rivoluzione Francese per poi essere convertito in caserma e quindi nuovamente prigione durante la Seconda Guerra Mondiale. Aperto al pubblico, il Palazzo permette di visitare le sue segrete, i locali destinati alle celle dei prigionieri.

Interessante anche l’area più antica del palazzo, la Torre, oggi sede museale e dove è possibile scoprire la storia della città. Il Palais de l’Île è anche il luogo di sepoltura di diversi personaggi importanti del passato cittadino, tra cui il giudice capo Jean-Baptiste Simond, vissuto nel XVIII secolo. L’edificio è aperto al pubblico tutti i giorni, con chiusura all’ora di pranzo.

OneMag-logo
Link-uscita icona Biarritz, la costa atlantica della Francia | Cosa vedere a Biarritz

Castello di Annecy

Cosa vedere ad Annecy, CastelloIl Castello di Annecy è un’altra attrazioni di primaria importanza, classificato come monumento storico sin dal 1959. Il maniero, di pregevole fattura architettonica, fu la residenza dei Conti di Ginevra tra il XIII e il XIV secolo, che ordinarono la sua costruzione conseguentemente all’istituzione di Annecy come sede della diocesi di Ginevra.

Restaurato e rimaneggiato più volte nel corso del tempo, il castello perse la sua funzione residenziale nel XVII secolo, venendo in seguito adibito a caserma militare, fino al 1947. Esternamente l’edificio presenta un’architettura abbastanza singolare, che unisce elementi tipici delle fortezze difensive e degli sfarzosi castelli dell’Ile de France.

Dal XIII al XVI secolo il castello vide una costante evoluzione in termini architettonici.
Uno degli elementi principali del complesso è la Torre della Regina, costruita in posizione dominante rispetto al portale del castello, in sostituzione a una preesistente torretta di dimensioni inferiori. Molto evidente è anche la trasformazione stilistica attuata a partire dal 1535, momento in cui fu introdotto lo stile rinascimentale francese, già molto in voga in Ile de France.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere in Costa Azzurra | Le mete da non perdere in Costa Azzurra, Francia

Le Pâquier

Le Pâquier è una porzione cittadina posta direttamente di fronte al Lago di Annecy, lungo il quale si sviluppano delle Promenade e alcuni parchi pittoreschi. Nota anche come Champs de Mars, quest’area è particolarmente frequentata dai residenti, che per via della sua strategica posizione si è spontaneamente trasformata in un centro nevralgico per la movida cittadina.

Si possono vivere passeggiate sul lungolago, come fare picnic nei prati e dei giri in bici nelle varie piste che si snodano all’interno dei suoi sette ettari d’estensione. È anche sede di importanti manifestazioni ed eventi, come appuntamenti culturali e festival, di cui si citano la Fête du Lac e la Fête Nationale du 14 Juillet, occasione per cui si tengono spettacolari fuochi pirotecnici con lo sfondo del Lago di Annecy.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cagnes-sur-Mer, Francia | Cosa vedere a Cagnes-sur-Mer, guida di viaggio

Lago di Annecy

Cosa vedere ad Annecy, lagoIl Lago di Annecy, sebbene non vanti dimensioni imponenti, è conosciuto nel mondo per la sua bellezza e fascino. A renderlo affascinante è anche il suo altissimo livello di pulizia, ai primi posti tra i laghi europei, dovuta alla severa normativa ambientale emessa a partire dagli anni ’60 dello scorso secolo.

Le sue coste sono punteggiate da spiagge affascinanti, mentre sia dentro che fuori l’acqua si possono vivere innumerevoli attività sportive.
Per godersi attimi di relax in riva al lago si consigliano le due vicine spiagge pubbliche di Plage d’Albigny e Plage des Marquisats, ambedue avvolte da immense aree verdi e adatte anche per il divertimento dei più piccoli, grazie ad apposite aree.

OneMag-logo
Link-uscita icona Champs-sur-Marne, Francia | Guida alla città e al suo castello

Jardins de l’Europe

Giusto nell’immediata sponda sud de Le Pâquier si trovano i Jardins de l’Europe, un vasto parco all’inglese realizzato alle spalle del Municipio cittadino nel 1863. Creati in occasione dell’annessione cittadina al Ducato di Savoia, i Jardins de l’Europe sono definiti sotto ogni aspetti un’oasi verde smeraldo di prati, alberi secoli e viali ombreggiati, impreziositi dallo sfondo del Lago di Annecy. Spostandoci lungo la riva si può intravedere l’isolotto dei Cigni mentre passeggiando sul lungolago si cela la Statua del Conte Claude Berthollet, noto chimico e scienziato originario della zona.

OneMag-logo
Link-uscita icona Visitare Roussillon, il paradiso rosso in Francia

Le chiese di Annecy

Conoscendo il passato di Annecy è facile immaginare quanto ricco sia il patrimonio di architettura religiosa sparso in tutta la città.

La prima importante struttura che bisogna assolutamente visitare è la Basilica della Visitazione, posta a una decina di minuti a piedi dalla Città Vecchia. Qua sono custodite le preziose spoglie di San Francesco di Sales e di Giovanna di Chantal, i santi patroni cittadini. La sua costruzione è recente, i cui lavori sono perdurati dal 1909 al 1930, mentre lo stile architettonico è il neoromanico, con un’alta facciata in pietra bianca e un ingresso dominato da un’ampia arcata. La facciata è dominata dal campanile, unito in un tutt’uno, che si innalza per ben 72 metri, offrendo panorami mozzafiato sulla città.

La Cattedrale di Annecy è intitolata a Saint-Pierre ed è una delle opere rinascimentali di maggior pregio dell’intera regione. Costruita intorno alla metà del XVI secolo, originariamente fu adibita a sede del convento dei Francescani, in seguito trasformata in sede del vescovo di Ginevra in esilio durante la Riforma protestante. Dal 1823 è stata insignita come Cattedrale della Diocesi di Annecy.

Costruita nel XV secolo su una preesistente cappella, l’Eglise Saint-Maurice è un’altra importante opera religiosa, nonché la più antica, nata come chiesa del convento dei domenicani. Caratterizzata da un peculiare campanile laterale, l’esterno presenta elementi appartenenti allo stile fiammeggiante savoiardo. Accedendo l’ambiente è sviluppata in un’unica ampia navata, progettata affinché si potesse accogliere la numerose congregazione dei monaci.

Anche per l’Eglise Notre-Dame de Liesse il campanile è l’elemento più distintivo. Anzi, con esattezza si tratta dell’unico elemento originale risalente al XIV secolo. La chiesetta fu distrutta durante la Rivoluzione francese, venendo ricostruita solo alla metà del XIX secolo, in stile neoclassico, tipico del Regno di Sardegna a cui appartenne per un breve periodo.

Ultimo importante luogo di culto è l’Eglise Saint-François de Sales, caratterizzata da una pregevole facciata barocca realizzata su ispirazione alla Chiesa del Gesù di Roma. La chiesa è intitolata al patrono cittadino San Francesco di Sales ed è uno dei massimi esempi di architettura della contro-Riforma del XVII secolo. Fu anche la sede originale delle tombe di San Francesco di Sales e di Jeanne de Chantal prima che venissero trasferite nella Basilica della Visitazione.

OneMag-logo
Link-uscita icona Lione, guida alla terza città della Francia

Jardins Secrets de Vaulx

È tempo di uscire negli immediati dintorni di Annecy, dove nelle pittoresche campagne dell’Alta Savoia è celato un luogo prezioso dal fascino davvero ineguagliabile, i Jardins Secrets de Vaulx. Questi giardini sono il frutto di duro lavoro nato dal sogno di una famiglia che operò per realizzare questo luogo davvero magico. Tra i colori e i profumi regalati dai Jardins Secrets de Vaulx si viene immersi in un contesto naturalistico d’eccezione, raro da trovare altrove. Il percorso nei giardini trasporta i visitatori attraverso ambienti esotici e suggestivi.

OneMag-logo
Link-uscita icona Chantilly, tra il Castello e la pasticceria

Gorges du Fier

Cosa vedere ad Annecy, Gorges du FierPoco fuori i confini comunali di Annecy, a una quindicina di minuti di strada, si trova il principale sito naturalistico della zona, le Gorges du Fier, un pittoresco canyon scavato nella roccia dal fiume Fier (da cui nasce Le Thiou). Gorges du Fier fu uno dei luoghi pionieristici del turismo alpino, introdotto nel 1869 con la creazione di un ponte pedonale sospeso, che attraversa lo stretto e mozzafiato burrone giusto sopra il corso del fiume. Il percorso, estremamente scenografico e non impegnativo, presenta le cosiddette mer des rochers, le ‘marmitte dei giganti’: un’insieme di formazioni rocciose che danno vita un labirinto naturalistico davvero d’eccezione.


 

Condividi su: