0
Condividi su:

Cosa vedere ad Hoorn, la città dei musei e ristoranti rinomati

icona-articoloA 40 chilometri verso nord da  Amsterdam è situata la città, capoluogo dell’omonima municipalità, di Hoorn. Sviluppata lungo le sponde del lago artificiale del Markermeer, Hoorn è una località celebre per la sua tranquillità, per i musei e per i ristoranti, alcuni tra i più esclusivi di tutta  l’Olanda.

Hoorn un tempo era la capitale della Frisia Occidentale e grazie alla sua flotta mercantile era divenuta anche un’importante centro mercantile. Hoorn partecipò alla Lega delle Sette Città, di cui si ricorda anche  Amburgo e contribuì notevolmente a liberare l’Olanda dalle invasioni spagnole.

La popolazione, ammonta a circa 70.000 persone, è tra le più socievoli di tutto il paese secondo molti viaggiatori. L’esperienza di viaggio ad Hoorn completa indubbiamente il tour in Olanda.

Non vi è neanche bisogno di un affrontare un lungo viaggio, visto che da Amsterdam basterà un treno che in meno di un’ora vi trasporterà ad Hoorn.

Benvenuti quindi in questo viaggio.
Ecco cosa vedere ad Hoorn.

Roode Steen

Cosa vedere ad Hoorn

Iniziamo subito dal cuore urbano di Hoorn, la piazza centrale del Roode Steen.
I suoi margini sono caratterizzati da numerosi ristoranti, negozi ed anche musei, anche se il fulcro della Roode Steen sono i magnifici monumenti.

Simbolo della piazza è l’imponente statua di Jan Peterszoon Coen, fondatore della Compagnia delle Indie Orientali olandese. Non da meno anche il Waag, l’edificio che nel 17° secolo ospitava la Pesa Pubblica, decorato con l’unicorno intagliato, simbolo della città.

Traducendo in italiano “Roode Steen” si ottiene la terminologia “Fortezza Rossa”, allusione delle tremende condanne capitale che in passati venivano qua eseguite.

Westfries Museum

Il Westfries Museo è il centro museale principale della città, situato in quella che era la sede dello Staten-College, il Consiglio degli Stati, l’ente che governava la Lega delle Sette Città del Noord-Holland.

Questo museo, considerato tra i più interessanti nell’Olanda Settentrionale – al di fuori delle metropoli – possiede una ricca collezione di dipinti storici. Così tanto ricca che in effetti nel 2005 era diventata protagonista del furto di alcune tele, per un valore approssimativo di 10 milioni di euro, di cui ancora oggi non se ne hanno le tracce.

Fortunatamente i quattro grandi ritratti che simboleggiano il museo, quelli del gruppo di schutters (guardie civiche) realizzati da Jan A. Rotius, non sono stati toccati.

Non da meno anche l’esterno: la facciata della prima metà del 17° secolo riccamente decorata è caratterizzata dalla presenza dello stemma degli Orange-Nassau. Gli Orange-Nassau furono una nobile dinastia olandese-tedesca.

Museum van de Twintigste Eeuw (Museo del XX Secolo)

Cosa vedere ad Hoorn

Allestito all’interno di un vasto edificio che un tempo era adibito a carcere nella località di Oostereiland, a sud della città, questo peculiare museo è dedicato principalmente alle invenzioni moderne.

Da televisori ai telefoni, dai computer agli impianti audio passando fino agli oggetti d’uso quotidiano utilizzati durante il 20° secolo, tutto raccolto in una piccola struttura.

Tra gli oggetti in esposizione ci sono un elaboratore centrale Philips del 1964, un imponente computer delle dimensioni di una libreria con ben 1 KB di memoria, e una maquette (modellino in scala) di 30 mq raffigurante Hoorn nel 1650.

Affiche Museum (Museo Olandese del Manifesto)

Cosa vedere ad Hoorn

La grande tradizione olandese nelle arti grafiche di cui il paese va fiero è celebrata qui al Museo Olandese del Manifesto, grazie all’esposizione di decine di poster.

Molti sono antichi ed affascinanti manifesti, ognuno dei quali evocativi dell’epoca delle barche e dei treni a vapore, quindi dalla metà del 19° sino all’inizio del 20°.

OneMag-logo
Cosa vedere ad Amsterdam, la guida completa

Museum Stoomtram

Il Museum Stoomtram non è un museo nel senso tradizionale del termine, ma una locomotiva storica che copre il tragitto dalla stazione di Hoorn a quella di Medemblik (22 km) in un’ora.

Si può abbinare il viaggio in treno con quello in battello per compiere l’itinerario denominato ‘Triangolo storico‘ si va prima con il treno a vapore da Hoorn a Medemblik, poi in battello a Enkhuizen e infine si ritorna a Hoorn su un normale treno della compagnia ferroviaria nazionale.

Gli orari cambiano giorno per giorno.

Scopri di più:

Una passeggiata ad Utrecht, Olanda
Cosa vedere a Enkhuizen in Olanda
Viaggio per immagini: la bellezza di Rotterdam
Amsterdam, la guida alberghiera zona per zona

 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0