Cosa vedere a Haarlem,
la città murata olandese

Tutti gli articoli dei Paesi Bassi
Cosa vedere ad Haarlem, mappa
© Apple Maps

icona-articoloHaarlem, deliziosa cittadina medievale ricca di edifici storici, di imponenti chiese, di musei, attraversata dal fiume Spaarne che riesce a offrire una serenità incredibile ai suoi visitatori. Siamo a qualche km da Amsterdam, facilmente raggiungibile in pochi minuti di treno, ma anche a una ventina di km dal parco floreale di Keukenhof, il meraviglioso giardino di 32 ettari con una tra le più ricche collezioni al mondo di tulipani.

Proprio a Haarlem ha sede la strada del Bollenstreek, quella nota come strada dei fiori, che termina con la parata dei fiori, splendido evento imperdibile per i suoi colori e anche per i profumi derivati dalle piante. Da Haarlem, il luogo in cui la strada si conclude, si può proseguire a ritroso per scoprire gli altri villaggi legati alla tradizione dei tulipani tra cui Lisse e Noordwijkerhout. A Lisse merita anche una visita il Museo del Tulipano Nero, dove poter apprendere ogni dettaglio della storia e della cultura legata ai fiori e ai bulbi.

 

Cosa vedere ad Haarlem

Cosa vedere ad Haarlem, stazione ferroviariaSe avete scelto di raggiungere Haarlem in treno, sarete subito impressionati dalla sua splendida stazione ferroviaria, in stile Art Noveau, unica in questo stile di tutti i Paesi Bassi. La sua facciata è capace di proiettarci indietro nel tempo e una volta varcata la soglia della città, dopo essere scesi da uno dei treni che ogni ora partono dalla capitale, sarete pronti a passeggiare lungo una delle cittadine medievale più interessante del paese.

Percorrete una delle vie principali che si inaugurano dal piazzale, tutte caratterizzate da negozi e locali, per superare un ponte che attraversa lo Spaarne e accedere al cuore storico della città.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere ad Aalsmeer, la città olandese dei fiori

Chiesa di San Bavone (Chiesa Grande)

Cosa vedere ad Haarlem, veduta centro storico

Iniziamo a scoprire cosa vedere ad Haarlem ammirando la chiesa di San Bavone, nota anche come Chiesa Grande, il principale edificio di culto della città di Haarlem. Sarete da subito rapiti dalla sua struttura esterna, un edificio in stile gotico brabantino considerato tra i più pittoreschi di tutti i Paesi Bassi. Situata nella Piazza Centrale della città, la Grote Markt, l’edificio dedicato al monaco belga di Gand è il risultato di secoli di architettura ecclesiastica caratterizzata in precedenza da materiali semplici, quali legno e pietra.

La chiesa originale subì un grave incendio nel 1370, che la distrusse completamente. Nell’immediato periodo successivo all’avvenimento il comune presentò il progetto per la nuova costruzione. La costruzione ebbe inizio con la guida dell’architetto Engelbrecht di Nivelles, che realizzò il coro. Gli anni passarono e il progetto continuò per mano dell’architetto belga Everaert Spoorwater per 55 anni sino al 1500, concludendo l’attuale Chiesa Grande, o Chiesa di San Bavone. La pianta a croce latina con transetto e coro è divisa in tre navate da archi che vengono sorrette da colonne circolari in pietra. Le navate laterali della chiesa sono caratterizzate da volte a crociera in muratura. La volta centrale alta 43 metri, invece, è costruita in legno datata tra XV e XVI secolo.

L’edificio è celebre anche per aver ospitato musicisti di altissima importanza storica, come Mozart e Händel, che suonarono il magnifico strumento a cassa decorata.

Al centro della Grote Markt non perdetevi la statua di Laurens Janszoon Coster, il primo tipografo olandese, scomparso nel 1440 e per lungo tempo considerato uno degli inventori della tecnica di stampa. L’altro lato della piazza è invece occupato dallo Stadhuis, il Palazzo Comunale.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Zaanse Schans, la località olandese dei mulini a vento

 

Municipio, il Palazzo Comunale

Cosa vedere ad Haarlem, Il Municipio

Sempre nella piazza centrale di Haarlem è situato il Municipio in pieno stile gotico, con influenze rinascimentali e barocche. Affacciato sul lato occidentale della piazza, l’edificio è datato XVI secolo. Dove ora sorge il Municipio, nel 1100 era costruito il primo edificio in legno dedicato alla caccia. Dopo aver subito due incendi, venne donato alla città dal conte Guglielmo V d’Olanda. Fu così che la realizzazione del municipio ebbe origine, un progetto a pianta rettangolare affiancato con una interessante torre civica.

I suoi interni possiedono tutt’oggi delle caratteristiche cinquecentesche. Nel primo piano dell’edificio si possono trovare la Gravenzaal, la grande “Sala dei Conti”, i ritratti dei Conti d’Olanda, e copie del XVI secolo di affreschi più antichi che fregiano il chiostro dei carmelitani.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Edam, la città del formaggio

Il Vleeshal, il Mercato delle Carni

Cosa vedere ad Haarlem, Vleeshal

Concludiamo le attrazioni della Grote Markt con il Meat Hall, Vleeshal in olandese o Mercato delle carni in italiano. La sua costruzione risale al 1601 quando in città si rese necessario uno spazio di grosse dimensioni per ospitare le attività legate alla macellazione e alla vendita, prima distribuite in vari edifici della città.

Il suo utilizzo come edificio dedicato alla carne rimase in funzione fino al XIX secolo quando venne prima adibito come sede della guarnigione della città per essere poi trasformato in archivio nazionale e infine in biblioteca. Dopo una breve pausa, durante la seconda guerra mondiale, dove venne utilizzato per vari scopi divenne l’attuale sede del Museum De Hallen, il Museo Archeologico della città. Merita essere ammirato anche esternamente per il suo stile gotico con chiare influenze di rinascimentale olandese.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Monnickendam, l’antica località portuale olandese


Frans Hals Museum

Cosa vedere ad Haarlem, Frans Hals Museum 

Tra le cose da vedere a Haarlem, fate una tappa al Frans Hals Museum, il principale centro museale della città. Siamo in uno dei musei più interessanti di tutti i Paesi Bassi e rappresenta una tappa d’obbligo per ogni appassionato d’arte. Il museo è situato nell’ospizio di carità dove l’omonimo pittore Hals trascorse i suoi ultimi anni in miseria. Al suo interno ospita una ricca collezione di opere di artisti della Scuola di Haarlem del XVII secolo.

Tra le opere esposte, di maggior rilievo artistico troviamo gli otto ritratti di gruppo della Guardia Civica realizzati da Hals, che testimoniano l’abilità e la capacità dell’artista. Tra gli altri artisti di rilievo troviamo Pieter Bruegel il Giovane, Jacob van Ruisdael, Karel van Mander ed il maestro di Hals.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Enkhuizen in Olanda


Corrie Ten Boom House

Cosa vedere ad Haarlem, Corrie Ten Boom HouseAltro museo che merita essere preso in considerazione è il Corrie Ten Boom House la cui esposizione è dedicata celebre famiglia dell’orologiaia olandese Carrie Ten Boom. Un centro che testimonia l’amore e l’impegno verso il popolo ebraico, la cui tremenda storia della Seconda Guerra Mondiale stava molto a cuore a Carrie Ten Boom.

Il museo è situato nella casa in cui hanno vissuto tre generazioni della famiglia Ten Boom tra il 1837 e il 1945. La Corrie Ten Boom House può essere visitata solo con una visita guidata in cui si potranno ammirare le fotografie di famiglia e gli oggetti della Seconda Guerra Mondiale. Prestate particolare attenzione, durante la visita, alla camera da letto della proprietaria in cui venne realizzato un comparto segreto in cui la Sig.ra Carrie nascose centinaia di ebrei perseguiti dalle autorità naziste. Rimasero a lungo in questo nascondiglio, finché non furono in grado di mettersi in salvo uscendo di nascosto.

Nel 1944 Corrie venne scoperta e i componenti della sua famiglia vennero deportati in campo di concentramento. In seguito la donna viaggiò per il mondo con l’intento di diffondere messaggi di pace.

Teylers Museum

Cosa vedere ad Haarlem, il museo Teylers Museum

Cosa vedere ad Haarlem, Teylers Museum

Concludiamo la nostra visita alle cose da vedere a Haarlem con il terzo museo imperdibile. Pieter Teyler van der Hulst lasciò la sua collezione d’arte a una no-profit che aveva lo scopo di promuovere l’arte e la scienza. Risalente al 1778, il Museo Teylers è il più antico museo del paese rimasto ininterrottamente in attività.

Al suo interno ospita ogni genere di cimeli antichi, dalle invenzioni tecnologiche del XVIII secolo sino a un’eccezionale collezione di dipinti fiamminghi. Nella magnifica Ovale Zaal (Sala Ovale), illuminata da un lucernario, sono conservati anche reperti di storia naturale sistemati in eleganti teche di vetro. Fossili, minerali, strumenti scientifici, medaglie, monete, dipinti, disegni e stampe di artisti quali Rembrandt e Michelangelo. Nel Teylers Museum è ospitato veramente di tutto.

Ultimo aggiornamento 14 luglio 2021