Cosa vedere a Trevignano Romano,
il suggestivo borgo sul Lago di Bracciano

Leggi tutti gli articoli della provincia di Roma

!function(){“use strict”;window.addEventListener(“message”,(function(e){if(void 0!==e.data[“datawrapper-height”]){var t=document.querySelectorAll(“iframe”);for(var a in e.data[“datawrapper-height”])for(var r=0;r<t.length;r++){if(t[r].contentWindow===e.source)t[r].style.height=e.data["datawrapper-height"][a]+"px"}}}))}();

 

Icona articolo onemagAdagiato nella costa nord del → Lago di Bracciano, Trevignano Romano è uno dei più suggestivi borghi lacustri dell’entroterra laziale, caratterizzato da alcuni punti panoramici tra i più spettacolari della zona. Il borgo di Trevignano Romano, dal 2018 premiata con Bandiera Arancione dal Touring Club, si sviluppa lungo le pendici dei Monti Sabatini, lungo un’insenatura a 173 metri sul livello del mare. L’altopiano del borgo è il Monte di Rocca Romana.

La località è oggi incentrata quasi interamente sull’industria del turismo, con eccellenti ristoranti vista lago e strutture ricettive di gran comfort. Il centro storico di Trevignano è relativamente ristretto, quindi è facile pensare di visitare l’essenziale anche in un paio di ore.

Scopriamo cosa vedere a Trevignano Romano.

 

Cenni storici

Cosa vedere a Trevignano Romano, il panorama dall'altoTrevignano Romano è stato un’importante centro etrusco, come testimoniato dalle necropoli che si sviluppano per circa tre chilometri dall’odierno nucleo abitativo.

Nel 387 a.C. si ricorda la conquista di Veio e Caere, segnando la cessione del territorio Sabatino sotto i Romani. L’epoca romana fu un’importante periodo per la località, in quanto conquistò prestigio e bellezza, complice la costruzione di diverse ville nobiliari. Di queste abitazioni vi si trova in particolare una che, più tra tutte, contribuì a cambiare la storia di Trevignano: la dimora della Gens Trebonia.

Secondo alcuni studiosi, tale dimora segnò il toponimo odierno di Trevignano, che passò da Sabate a Trebonianum, radice dell’attuale nome. L’epoca medievale, infine, diede l’aspetto attuale al borgo, che basò per secoli la propria economia sullo sfruttamento del territorio finché, a partire dal XX secolo, fu riconosciuta come eccellente meta turistica.

 

Bracciano, il magnifico borgo sul Lago di Bracciano
Cosa vedere a Bracciano, il rinomato borgo in provincia di Roma situato sulle sponde dell’omonimo Lago di Bracciano, noto per il suo spettacolare centro storico…

Cosa vedere a Trevignano Romano

Cosa vedere a Trevignano Romano, la veduta
Cosa vedere a Trevignano Romano, la veduta

La località di Trevignano Romano sorge lungo una rupe di lava leucitica, alle pendici del Monte di Rocca Romana, una cinquantina di km da ⇒ Roma.

Il suo piccolo centro storico racchiude una serie di attrazioni, monumenti e siti d’interesse che meriterebbero essere visitati durante la propria escursione.

Nel cuore del centro città si trova la pregevole Chiesa della Madonna Assunta in Cielo, che sorge nel punto più alto di Trevignano. Da qua il panorama che viene offerto è davvero eccellente, che spazia sul vasto territorio naturalistico circostante e sul centro sottostante. La Chiesa fu costruita nel XVI secolo, sulle fondamenta di un preesistente edificio di stile gotico, mentre al suo interno è custodito un prezioso affresco del 1517, nell’abside, realizzato da un allievo di Raffaello. Il campanile è stato invece realizzato con componenti provenienti dalla rocca, comprendendo originariamente 4 campane, ridotte a 2 sole oggigiorno.

 

Visitiamo Frascati, Roma
Cosa vedere a Frascati, la città delle Ville Tuscolane popolata da ventiduemila persone ed è situata nel cuore del Parco dei Castelli Romani, lungo i…

La Rocca dei Vico

Cosa vedere a Trevignano Romano, le rovine dell'antico castello
Le rovine dell’antico castello Orsini, Trevignano Romano

Proseguiamo a scoprire cosa vedere a Trevignano Romano raggiungendo la Rocca dei Vico, nota anche come Castello Orsini.

Siamo di fronte a una pregevole opera di fattura duecentesca, eretta per volere di Papa Innocenzo III. Oggi quello che è possibile ammirare sono solo i suoi ruderi, dovuti a una scarsa manutenzione applicata nel corso del tempo, a cui si sono sommati i danni di origine naturale. Rimangono comunque, nonostante sia in completa rovina, una struttura ancora affascinante, particolarmente nelle ore del tramonto, quando da qua è possibile godere di un panorama eccellente in un contesto suggestivo.

 

Castel San Pietro Romano, la guida turistica
Visitare Castel San Pietro Romano, uno degli ultimi borghi inseriti nel club dei ‘ Borghi più belli d’Italia’. Posto ad una quarantina di Km da…

Il Museo Civico

Il Museo Civico è un’interessante centro espositivo caratterizzato da una mostra dedicata all’epoca etrusca, VII-VI secolo a.C.

I cimeli e reperti rinvenuti nelle necropoli poste nei dintorni di Trevignano sono stati trasferiti nel Museo Civico, dando alla località il raro vanto di possedere una ricca mostra dedicata agli etruschi. Sono poco meno di 350 i reperti che possono essere ammirati, tra cui meritano attenzione i corredi delle tombe, composti da vasi preparati con il bucchero ma anche oggetti preziosi in oro e argento. Non perdetevi, infine, la Tomba del Guerriero risalente all’VIII secolo a.C. ed esposta con l’intero corredo di armi.

Conclusa la visita alle attrazioni turistiche consigliamo di passeggiare sul pregevole lungolago alberato, che si sviluppa per circa 3 chilometri,  sede di diversi bar e ristoranti.

 

Cosa vedere a Capodimonte, il borgo sul Lago di Bolsena
Capodimonte, l’elegante borgo tra i più belli della Tuscia (provincia di Viterbo), adagiato elegante lungo la costa meridionale del Lago di Bolsena…

Il Parco Naturale Bracciano-Martignano

Cosa vedere a Trevignano Romano, il Parco Naturale Bracciano-Martignano
Il Parco Naturale Bracciano-Martignano

Prima di lasciare la località, però, è bene segnarsi di visitare ilParco Naturale Bracciano-Martignano, un’estesa area naturale protetta riccamente biodiversa.

Si tratta del più recente parco del Lazio, caratterizzato da un paesaggio vulcanico, tipico di alcune aree a nord della Capitale. Lo trovate tra le due province di Roma e di Viterbo e occupa circa seimila ettari. Questa porzione di paesaggio incontaminato è stata resa una riserva al fine di preservare le numerose specie di flora e fauna che vi trovano l’habitat naturale adatto. Di questi si citano ben 162 specie di uccelli acquatici, un’ottantina dei quali nidificanti. Si cita anche la presenza del daino, della lepre italica e del gatto selvatico.

 

Continua a scoprire il Lazio:

Ultimo aggiornamento 11 Giugno