Cosa vedere a Tremosine del Garda

Tremosine sul Garda | Cosa vedere a Tremosine sul Garda


Condividi su:

Cosa vedere a Tremosine sul Garda

Borghi sul Lago di Garda | I più belli da visitare
Cosa vedere a Tremosine sul Garda, mappa
© Apple Maps

icona-articoloCi troviamo lungo la sponda bresciana del Lago di Garda dove troviamo Tremosine sul Garda, grazioso borgo noto tra l’altro per ospitare una delle strade più belle del mondo, la Strada della Forra. Annoverato, insieme a Gardone Riviera, tra i borghi più belli d’Italia, Tremosine sul Garda è composto da 18 frazioni tutte posizionate sul Monte Campione. Il Municipio è nella frazione Pieve, su uno strapiombo chiamato ‘terrazza del brivido’, giusto di fronte al Monte Baldo.

Qui tutto ricorda il passato, dalle stalle ai terreni adibiti ad agricoltura e ai tanti caseifici. Del resto gli agriturismi della zona non hanno difficoltà a combinare pesce di lago con prodotti della terra, non dimenticando il celebre olio extravergine ma anche il tartufo nero. Pronti quindi a scoprire cosa vedere a Tremosine sul Garda?

 

Cenni storici

Tremosine sul Garda, la strada della Forra
La strada della Forra, Tremosine sul Garda

Proprio Pieve, la frazione che comprende il Municipio, pare sia il luogo dove la storia di Tremosine sul Garda ebbe inizio.

Diversi reperti hanno datato come periodo etrusco le prime notizie sul borgo gardesano. Anche il nome, secondo molti storici, richiamerebbe l’etimologia Tremusina, nome etrusco da cui probabilmente tutto ebbe inizio. Le notizie certe risalgono tuttavia in un documento datato 1268. La sua posizione, limitrofa a due regione, fu sempre contesa passando prima alla Riviera del Garda, sotto la guida della repubblica di Venezia, poi al Cantone di Benaco durante la Repubblica Bresciana del 1797. Dopo il Congresso di Vienna il borgo entrò a far parte della provincia di Brescia durante il regno lombardo-veneto. Qui, nel 1848, Carlo Pisacane ebbe uno scontro con le truppe austriache rimanendo anche gravemente ferito.

Con l’arrivo della Grande Guerra, la zona divenne luogo di insediamento militare. Tremosine divenne ulteriormente fortificata e luogo di controllo di ingressi nemici.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona Castellaro Lagusello, il borgo degli innamorati

Cosa vedere a Tremosine sul Garda

Tremosine sul Garda, panorama

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Tremosine sul Garda dalla sua unica frazione che condivide le sponde del lago, la frazione di Campione, oggi frequentata per sport velistici.

Saliamo in quota percorrendo la nuova strada, quella che ha sostituito il ripido sentiero e che oggi unisce la frazione con il capoluogo. Lungo questo percorso avremo modo di osservare tratti scavati nella roccia alternati a quelli a strambiompo prestando molta attenzione sia per la potenzionale pericolosità che per l’assenza di illuminazione solare anche durante le ore del giorno.

 

La Strada della Forra

Tremosine sul Garda, Strada della Forra
© Flickr – Ph. Darren and Brad

Inaugurata nel 1913, la Strada della Forra è la principale via d’accesso a Tremosine. Churchill, dopo averla percorsa, la definì l’Ottava meraviglia del mondo, un tributo alla strada costruita nel mezzo della montagna, quella attraversata dal torrente Brasa, lo stesso che ancora oggi regala, grazie al suo intervento erosivo, un paesaggio unico. Percorrendola vi troverete immersi nelle curve, gallerie, gole e diversi passaggi ristretti, un vero e proprio percorso apprezzato soprattutto dai motociclisti che l’hanno a loro volta eletta una delle strade imperdibili.

Se la si percorre da Limone sul Garda si trovano alcune frazioni, ovvero quella di Bassanega, Ustecchio e Voltino da dove si ha modo di ammirare una magnifica vista sul lago. Superando poi la località delle Fucine si raggiunge Vesio, la frazione più popolosa posta a 600 metri di altitudine, dove è possibile trovare sia alloggio che ristorazione.

Torniamo nuovamente a Pieve dove vremo modo di ammirare la sua terrazza, quella prima citata parlando del Municipio, ma anche la chiesa parrocchiale di S. Giovanni Battista con il suo settecentesco campanile. Se proseguiamo la salita attraverso le tante mulattiere che dividono il vecchio confine con l’impero d’Austria-Ungheria possiamo raggiungere la Val di Ledro in Trentino.

Da Vesio invece possiamo raggiungere il Rifugio Alpini, quello che in precedenza era la caserma della Guardia di Finanza e da cui si possono ammirare le difese del passo Nota. Qua infatti era più che mai necessario difendere il luogo più esposto dagli attacchi nemici proprio lungo il confine tra il regno d’Italia e l’impero ausburgico. Sono ancora oggi visitabili e permette di vedere tutto il sistema di protezione fatto con trincee e casematte.

 

Ultimo aggiornamento 21.11.2021


 

Condividi su: