Cosa vedere a Sintra,
la cittadina magica del Portogallo

Tutti gli articoli del Portogallo
Cosa vedere a Sintra, mappa
© Yandex maps

icona-articoloSituata sulle colline al di sopra della costa di Estoril, a ovest di Lisbona, si trova la città di Sintra coi suoi quasi 400.000 abitanti. Facilmente raggiungibile dalla capitale con un viaggio di una quarantina di minuti in treno e poco meno in auto, Sintra è inserita, assieme al Parque Natural de Sintra-Cascais che circonda la cittadina, nel Patrimonio dell’Umanità UNESCO dal 1955. Generalmente scelta come escursione di un giorno per chi è in visita a Lisbona, la cittadina un tempo era ritrovo di monarchi ed aristocratici europei, assieme ad artisti e poeti. Facile quindi aspettarsi, tra le cose da vedere a Sintra, palazzi nobiliari, castelli e giardini realizzati nel corso dei secoli.

 

Cenni storici

Cosa vedere a Sintra, il Pallazo Pena nel centro storico
Il Palazzo Pena nel centro storico di Sintra

Le origini di Sintra risalgono al 1400 quando il territorio era occupato dai Celti. Furono i Mori in seguito a insediarsi, dando il via alla costruzione di uno dei castelli più importanti del Portogallo, purtroppo oggi in completa rovina. Fu un terremoto con epicentro la vicina Lisbona, nel 1755, a distruggere buona parte del territorio. Sintra, parzialmente distrutta, venne completamente abbandonata.

Rimase cosi a lungo, fino a circa la metà del 1800 quando l’allora re Pietro I decise, sotto consiglio del figlio, di acquisire l’intero territorio. Fu l’avvio di una seconda vita per la città portoghese, aiutata anche da diversi nobili che la scelsero per realizzare la loro nuova residenza. Questa scelta ha permesso oggi di poter passeggiare tra numerosi palazzi corredati di meravigliosi giardini decorativi. Oggi Sintra è tra le mete più visitate di tutto il Portogallo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Portogallo, le dieci mete imperdibili

Cosa vedere a Sintra

A circa 30 km da Lisbona, Sintra è una delle mete più visitate in Portogallo, indubbiamente aiutata dalla vicinanza con la capitale. Che si scelga di visitarla in un giorno come escursione oppure dedicargli un momento più approfondito, Sintra riuscirà a colpirvi con la sua architettura, palazzi aristocratici corredati da magnifici giardini e anche castelli che meritano almeno essere visti dall’esterno. Difficile, probabilmente, pensare di riuscire a scoprire tutto quello che c’è da vedere a Sintra in una unica giornata: se potete dedicategli almeno una notte. Pianificate anche con cura quello che vorrete vedere, la città di Sintra è quasi sempre turisticamente affollata e non è garantito che riuscirete a completare il vostro itinerario per come l’avete studiato. Iniziamo, quindi, a scoprire cosa vedere a Sintra.

 

Palácio Nacional de Sintra

Cosa vedere a Sintra, il Palácio Nacional de Sintra

Posto su un’altura da cui domina la vila velha (città vecchia), il Palácio Nacional de Sintra è il palazzo più antico del Portogallo e quello da cui iniziamo a scoprire le cose da vedere a Sintra. Qui sono racchiusi più di otto secoli di storia, dalle origini moresche fino alla fine della monarchia nel 1910. Ampliato più volte nel corso del tempo, il palazzo nasce come rifugio ideale dal caldo di Lisbona e serviva come palazzina di caccia di lusso per i ricchi signori.

Attraversando il portico principale gotico, si entra subito nella sala più grande del palazzo, la Sala dos Cisnes (Sala dei Cigni). Un tempo usata per banchetti e balli viene utilizzata ancora oggi per ricevimenti ufficiali. Spostandoci all’esterno, precisamente nel patio centrale, si può trovare la grotta artificiale piastrellata usata come versione primordiale del frigorifero. Da qui si prosegue verso l’insolita Sala das Pegas (Sala delle Gazze), così chiamata per le 136 gazze dipinte sul soffitto che sorreggono il motto dell’antico proprietario del palazzo, D. João I.

Degni di nota anche i tipici dettagli manuelini di funi e piante intorno molte porte dell’edificio. E’ infine presente una cappella risalente al XIV secolo, ridecorata da Manuel I con un pavimento di piastrelle, affreschi di colombe oltre a un soffitto in stile mudejar.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Leiria, in Portogallo

Il Palácio Nacional da Pena e il Parque da Pena

Cosa vedere a Sintra, il Palácio Nacional da Pena e il Parque da Pena

Proseguiamo la nostra visita tra le cose da vedere a Sintra da quello che, a prima vista, sembra un colorato palazzo turrito dall’aspetto fiabesco. Siamo in realtà di fronte al Palácio Nacional da Pena, opera del principe Ferdinando di Sassonia-Coburgo e costruito intorno al 1840. Il palazzo sorge sulle fondamenta di un monastero del XV secolo e occupa una posizione predominante in cima ad una collina. Dall’esterno si potranno vedere le arcate, minareti, torri dentellate e un ponte levatoio, ancora prima di arrivare al cortile del palazzo. Una volta raggiunto saranno però i colori vibranti e le piastrelle a calamitare il vostro sguardo.

Il passaggio attraverso l’Arco di Tritone riccamente decorato con conchiglie,  coralli e piante di vite, conduce a un chiostro manuelino. Questo e una cappella contenente l’altare di Nicolas de Chanterenne, sono tutto ciò che rimane del monastero originario. In seguito, passiamo per una serie di piccole stanze decorate con piastrelle, frammenti di porcellane e trompe l’oeil si arriva alla Sala Indiana, famosa per i pregiati mobili intarsiati a mano. Da non perdere anche i panorami favolosi verso sud-ovest visibili dalla terrazza sul retro.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Beja, Portogallo

Castello dei Mori

Cosa vedere a Sintra, Castello dei moriDall’alto dei suoi 412 metri di altitudine, il Castello dei Mori è visibile praticamente da ogni angolo della città. Voluto dai Mori durante la loro occupazione, lo si raggiunge dal Palacio da Pena o dal centro storico con una passeggiata di circa 3 km. La fortezza militare aveva lo scopo di proteggere la cittadina e i suoi dintorni, la posizione era quindi fondamentale per riuscire ad avvistare ogni singolo dettaglio.

Percorso il sentiero che conduce ai piedi del castello, vi troverete di fronte quasi a una piccola muraglia cinese, una scalinata che vi permetterà di raggiungere la torre più alta e ammirare Sintra dall’alto. Tra i resti delle mura non perdetevi la piccola chiesa parrocchiale, la Chiesa di San Pietro de Canafferrim, il primo edificio religioso realizzato e attualmente sede di un piccolo centro dedicato alla conoscenza della storia del Castello.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  L’enogastronomia del Portogallo

I musei di Sintra e dintorni

Museu de Arte Moderna di Sintra e la Colecção Berardo

Cosa vedere a Sintra, il Palazzo Monserrate

Una parentesi estremamente importante sono i musei di Sintra, strutture culturali che vi permetteranno di conoscere la città da diverse angolazioni.

Iniziamo visitando il Museu de Arte Moderna che offre una vasta collezione di arte moderna e contemporanea messa a disposizione da Joe Berardo, il celebre collezionista d’arte portoghese. Il suo è un viaggio attraverso l’arte figurativa con dipinti e sculture realizzati  da vari artisti portoghesi o stranieri ma che in Portogallo hanno vissuto o hanno avuto particolari legami. Il museo è posto all’interno di un ex casinò del 1924, nella parte nuova della città e racchiude svariate opere dei maggiori artisti e movimenti dal 1945.

 

Museo dell’aria

Cosa vedere a Sintra, il Museo dell'aria

Posto in una base aerea, il museo dell’aria è tra le cose da vedere a Sintra quella forse più originale. Con una esposizione di oltre 100 aerei e quasi 10.000 reperti, qui si racconta la storia dell’aviazione del Portogallo. Nelle sue sale troviamo presentati i velivoli in ordine cronologico di produzione mentre la sala dedicata alla TAP (la compagnia di bandiera del Portogallo) offre una panoramica sulla storia sin dalla sua fondazione, al 1945, ai giorni nostri. In questa sala, di fatto una delle attrazioni più viste di tutto il museo, è presente un simulatore di volo.

Gli oggetti sono invece raccolti nella Sala dei Pionieri, dove troviamo mappe, strumenti di navigazione ma anche oggetti personali dei primi piloti portoghesi. Da non perdere infine la Sala ANA, quella dedicata agli aeroporti internazionali, un’area espositiva di 700 metri quadrati che contiene il modello originale dell’aeroporto di Lisbona aperto nel 1942. Al suo interno anche la replica di una torre di controllo.

 

Museo Archeologico di São Miguel de Odrinhas

Cosa vedere a Sintra, Museo Archeologico di São Miguel de OdrinhasTra le cose da vedere a Sintra il Museo Archeologico è una delle attrazioni più interessanti. Posto nel villaggio di Odrinhas, a 11 km da Sintra, il museo conserva al suo interno le rovine di una villa romana, un santuario ed i resti una necropoli del Medioevo.

Nella sua grande area, circa 15 mila metri quadrati, il museo propone tra le altre cose anche la più importante collezione epigrafica di tutto il Portogallo, con oltre 200 reperti etruschi, romani, visigoti e medievali. Al suo interno il Museo Archeologico ha un laboratorio di restauro, non accessibile al pubblico, una ricca biblioteca ed un auditorium per eventi a tema.

 

Museo di Storia naturale

Cosa vedere a Sintra, il Museo di Storia naturaleNel pieno centro storico di Sintra, il Museo di Storia naturale ha sede in un edificio di fine 1800. La collezione deriva da una raccolta personale del collezionista Miguel Barbosa che per oltre 50 anni hanno raccolto migliaia di fossili di incalcolabile valore culturale e scientifico. Dotata sia di una mostra permanente che una temporanea, il Museo comprende milioni di reperti suddivise per tipologia con diverse aree scientifiche aperte al pubblico. Le raccolte comprendono reperti di paleontologia, mineralogia, malacologia e petrografia appartenenti alla città di Sintra.

Tra gli oltre 10.000 fossili presenti nel museo, merita una menzione la superba collezione di trilobiti e alcuni esemplari di dinosauri rari e molto ben conservati.
Da non perdere il Braseodactylus, un rettile volante di provenienza brasiliana considerato l’unico nel suo genere e l’unico esempio intatto al mondo.

 

Museo Anjos Texeira

Cosa vedere a Sintra, il Museo Anjos TexeiraIn quello che in precedenza era un mulino ad acqua dell’inizio del XX secolo, ha sede il Museo Anjos Teixeira. E’ un museo dedicato alle sculture di due grandi maestri portoghesi, padre e figlio, Artur Gaspar e Pedro Augusto dos Anjos Teixeira. Le loro opere sono influenzate dal naturalismo e dal neorealismo, esplorando vari temi tra cui quello dell’anatomia umana e animale, del lavoro, della libertà.

L’apertura del museo risale al 1976 dopo che Pedro Augusto dos Anjos Teixeira decise di lasciare in eredità alla città di Sintra l’intera collezione. Qui Pedro Augusto dos Anjos Teixeira visse, trasformandolo di fatto in una casa-museo, insegnando scultura fino al 1992, pochi anni prima della sua scomparsa.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitare il monastero di Batalha in Portogallo

Chalet da Condessa D’Edla

Cosa vedere a Sintra, lo Chalet da Condessa D’EdlaDopo la parentesi dedicata ai musei, proseguiamo la nostra visita tra le cose da vedere a Sintra raggiungendo lo Chalet da Condessa D’Edla. Riaperto al pubblico nel 2011 dopo un attento restauro, la struttura fu costruita tra il 1864 e il 1869, da re Ferdinando II. La struttura è stata costruita per la seconda moglie di Ferdinando la quale, non essendo di sangue reale, non poteva dimorare nel castello. Per raggiungerlo si potrà fare una passeggiata, a dire il vero piuttosto lunga, dal Parco del Palacio da Pena oppure salendo sul più comodo e veloce trenino elettrico che effettua il giro turisto del Palazzo.

Di dimensioni piuttosto ridotte, i suoi interni sono ricchi di dettagli in sughero intagliato, affreschi e piastrelle a pavimento rendono gli interni e l’atmosfera davvero suggestivi. Considerate poco meno di una mezz’ora per visitarlo con cura.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo Lamego, l’antica località portoghese

Quinta da Regaleira

Cosa vedere a Sintra, la Quinta da Regaleira

Un’altra attrazione stravagante di Sintra è la Quinta da Regaleira, facilmente raggiungibile con una passeggiata di cinque minuti dal centro cittadino. Parliamo di un antico palazzo nobiliare che nel corso della storia divenne residenza di personalità illustri, cambiando diversi proprietari. Chiamata comunemente anche Palácio da Regaleira, all’interno della struttura potrete visitare sia il Palazzo, realizzato in stile manuelino e sviluppato su cinque piani, che il giardino.

 

Cosa vedere a Sintra, Quinta da Regaleira pozzo

 

Proprio nel giardino troviamo forse il principale richiamo della struttura. La trovate, facilmente, tra siepi e statue di mitologia classica e quasi nascosta da una serie di piante esotiche. Qui ha inizio un labirinto di tunnel che si concludono con due pozzi a spirali, noti come le Torri Invertite. Il primo è il pozzo iniziatico, suddiviso in nove piani da dove iniziano vari tunnel sotterranei da cui è possibile affacciarsi per ammirare i piani superiori. Mediante un percorso potrete raggiungere l’altra torre, il pozzo incompiuto che è sorretta da una scala dritta che l’unisce, attraverso piccole gallerie, al pozzo principale.

L’intero percorso è visitabile in circa tre ore. Dal 1995 la Quinta da Regaleira è annoverata nei Patrimoni UNESCO.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere nell’Alentejo

Palácio de Seteais

Cosa vedere a Sintra, il Palácio de SeteaisPoco distante, altra cosa da vedere a Sintra, il Palácio de Seteais è stato trasformato in hotel di lusso con viste mozzafiato su ampi giardini fino al mare.

Costruito alla fine del XVIII secolo dal un console olandese, fu testimone della siglatura della Convenzione di Sintra nel 1808. Gli interni vantano delicati affreschi, grandiose scalinate e pregiati mobili antichi.

 

Palácio e Parque de Monserrate

Cosa vedere a Sintra, il Palácio e Parque de Monserrate

Se proprio non vogliamo farci mancare nulla possiamo fare un’ultima sosta al Palácio e Parque de Monserrate. Il nome del palazzo e del terreno circostante deriva da un ordine religioso a cui apparteneva la terra. Affittata poi a Gerard DeVisme, il primo di svariati proprietari inglesi, negli anni ’90 subì un restauro che pose fine a decenni di abbandono.

Grazie a ciò oggi alcune sezioni del palazzo a cupola sono oggi aperte alle visite guidate. All’esterno del palazzo, invece, ci aspettano ben 33 ettari di parco come dimostrazione della potenza di chi abitava il palazzo. Questi giardini furono inoltre sfruttati per far prosperare numerose piante ricercate grazie al clima umido.

Ultimo aggiornamento 27 settembre 2021