Cosa vedere a Santarem, il centro della regione del Ribatejo

Cosa vedere a Santarém, il centro della regione del Ribatejo , città culturale e polo agricolo del Portogallo. Ecco cosa vedere a Santarem.

Cosa vedere a Santarém

Santarém è una città di quasi 65.000 abitanti, capoluogo del Ribatejo, in Portogallo. Viene sopratutto visitata per la sua cultura, una tra le più peculiari di tutta Europa.

La città è caratterizzata da una ricca e fiera passione per l’agricoltura, a cui è dedicata una fiera. Questa fiera si tiene per dieci giorni all’inizio del mese di giugno, caratterizzata da animate corride e corse di tori e cavalli.

Parco Naturale Serras de Aire e Candeeiros

Santarèm, Parco Naturale Serras de Aire e Candeeiros

In posizione ottimale per visitare altri siti d’interesse e poco esplorato dai turisti, il Parco Naturale Serras de Aire e Candeeiros è considerato una delle mete da non perdere in Portogallo. Rappresenta indubbiamente la prima cosa da vedere a Santarem.

Sviluppato su una superficie totale di 35.000 ettari, il territorio del Parco Naturale Serras de Aire e Candeeiros è stato nominato protetto nel 1979. Ricoprendo oltre i due terzi del massiccio calcareo dell’Estremadura, si tratta della più grande area calcarea del Portogallo.

Il territorio del parco è sviluppato su due dei distretti principali del Portogallo, quello di  Leiria e quello di Santarèm, e rappresenta la migliore destinazione escursionistica del paese.

Tra le 1500 grotte, gli aspri muri di pietra e gli antichi villaggi rurali, il viaggio in questo parco sarà indimenticabile.

Igreja da Graça

Santarém, Igreja da Graça

L’Igreja de Graça è una delle chiese più peculiari della città di Santarèm. Iniziata nel 1380 e completata nel 15° secolo, è stata progettata sul sito di una chiesa preesistente per volere di Afonso Telo de Menezes, primo conte di Ourem.

L’Igreja da Graça ha trasformato il panorama urbano di Santarém, aggiungendo dettagli gotici alla città che fino ad allora presentava un aspetto pressoché semplice e poco caratteristico.

La struttura dell’edificio si presenta con diverse decorazioni e dettagli già utilizzati per il più celebre Monastero di Batalha.

Già dalla facciata la chiesa si dimostra come uno degli edifici più affascinanti della città, con eleganti archivolti situati sul portico, contornati da una decorazione tipica dello stile portoghese. Una delle caratteristiche più suggestive di questa chiesa è proprio questa non uniformità dell’esterno.

All’interno sono osservabili le tre navate delineate da grandi colonne e coronate da alte finestre, che illuminano l’altare e l’intera struttura interna.

Sicuramente non è l’edificio ecclesiastico.

Museo Diocesano di Santarém

Il Museo Museo Diocesano di Santarém è un centro museale di recente creazione, situato nel complesso architettonico della Cattedrale della città.
All’interno è osservabile un’eccezionale collezione di arte sacra, che insieme al prezioso valore culturale del luogo rende il museo un centro dall’elevato valore storico.
Centinaia di quadri, sculture e monumenti legati al mondo religioso, risalenti ad un periodo compreso tra il 13° ed il 19° secolo e apparenti alle 111 parrocchie del distretto di Santarém, sono osservabili all’interno del museo.
Oltretutto, la posizione del museo permette di essere un’altra interessante meta per itinerari di importanti pellegrinaggi, come il Cammino di Santiago,  Fatima o del Santíssimo Milagre.

L’enogastronomia del Portogallo
L’enogastronomia del Portogallo, viaggio nella cucina per scoprire le centinaia di versioni del baccalà.

Continua a leggere

Casa-Museu Passos Canavarro

Situato nell’abitazione acquistata nel 1841 da Passos Manuel e Gervásia de Sousa Falcão, la casa-museo di Canavarro illustra numerose cimeli di arte decorativa, come mobili, porcellane e tappeti.

Ogni cimelio qua esposto è stato acquistato ed esposto dal personaggio di Pedro Canavarro, politico portoghese e deputato europeo. I visitatori hanno descritto il percorso in questo museo come un viaggio nel tempo, nello stile di vita del Portogallo post-rinascimentale.

Scopri di più:

 

Condividi su: