Cosa vedere a Riga, l’imperdibile capitale della Lettonia


Cosa vedere a Riga, la capitale della Lettonia
Condividi su:

Cosa vedere a Riga,
la capitale della Lettonia

Tutti gli articoli della Lettonia


Icona articolo onemagLa capitale della Lettonia, Riga, si trova sul Mar Baltico alla foce del fiume Daugava. Il Paese confina con Russia, Estonia, Lituania e Bielorussia ed è tra le capitali dell'Est Europa una tra le più interessanti da scoprire. Proclamata capitale della Lettonia nel 1918, Riga è la città più estesa e più popolata delle Repubbliche Baltiche. Sono oltre 600.000 gli abitanti della capitale lituana, una città dalla storia antichissima e purtroppo parzialmente devastata durante il secondo conflitto mondiale.

Se avete scelto di trascorrere un weekend a Riga, troverete un meraviglioso centro storico da visitare insieme a escursioni sul fiume Daugava oppure nel Parco Nazionale di Gauja. Capitale della Cultura nel 2014, Riga ha diverse attrazioni tra i Patrimoni dell'Umanità dell'UNESCO, come i suoi edifici in stile Art Nouveau, tra i più interessanti in Europa. Il suo passato la ricorda come parte della Polonia prima e della Svezia per essere successivamente invasa dai tedeschi e quindi annessa all'Unione Sovietica. Dal 1991 la Lettonia è finalmente uno stato indipendente dopo che l'URSS l'aveva quasi annientata e cancellata da qualsiasi itinerario turistico.

Il periodo migliore per visitare Riga è quello compreso tra fine maggio e fine agosto, quando le temperature sono piuttosto calde, intorno ai 20°C.
Anche l'autunno e la primavera sono due ottimi periodi per scegliere di visitare Riga mentre l'inverno può essere freddo, con temperature che scendono sotto lo zero. Siamo quindi pronti per scoprire le cose da vedere a Riga?

 

Cenni storici

Cosa vedere a Riga, il panorama sulla cittàLa fondazione di Riga è avvenuta nel 1201 dal vescovo tedesco von Buxhhoeven. Lo scopo della città era quella di creare una zona che potesse contribuire a evangelizzare la Livonia, la regione che al tempo era compresa tra l'Estonia del Nord e la Lettonia meridionale. La presenza del fiume Daugava le permise di crescere, sviluppandosi lungo le due rive del fiume. Qui venne realizzato un fossato fossato con mura e bastioni pronta a difenderla e oggi rappresentante il fulcro storico.

La sua espansione oltre le mura avvenne non molto tempo dopo, nel XIII secolo, quando grazie all'annessione alla Lega Anseatica, riuscì a crescere demograficamente ed economicamente. Fu proprio la scelta di Riga di aderire all'allenza tra un centinaio circa di città del Nord Europa che le permise di commercializzare in un territorio vastissimo.

La città divenne governata dagli svedesi tra il 1621 e il 1710 per divenire poi controllata dal governo russo. Fu in questo periodo che Riga sviluppò ulteriormente il suo porto riuscendo a renderlo tra i più importanti del Baltico. Nel 1918, con la caduta degli Zar, la Lettonia divenne indipendente e scelse il lettone come lingua ufficiale, abbandonando sia il russo che il tedesco. Con la Seconda Guerra Mondiale la capitale tornl dapprima sotto l'influenza sovietica e quindi nazista, tornando al termine sotto il controllo dell'URSS.

Per trovare la definitiva indipendenza occorre attendere il 1991, quando Riga divenne nuovamente capitale e oggi è una tra le capitali europee da scoprire e conoscere.

 

10 cose da vedere in Lettonia
Lettonia, un terriorio pianeggiante e in parte paludoso, posto sul Golfo di Riga...

Cosa vedere a Riga

Cosa vedere a Riga, la veduta sulla città vecchiaLa capitale della Lettonia è ricca di numerose opportunità di svago e intrattenimento. Le sue dimensioni più ridotte rispetto ad altre capitali europee, permettono di viverla inserendo anche una passeggiata nel suoi parchi e giardini.

Ovviamente inizieremo a scoprire le cose da vedere a Riga dal suo imperdibile centro storico, ricco di testimonianze storiche e culturali del passato. La città vecchia non è tuttavia certo l'unica zona da scoprire, sarà affascinante passeggiare nelle tante vie costellate di edifici in stile Art Nouveau, magari in sella a una bicicletta. Se volete portarvi a casa un ricordo del vostro viaggio, numerose sono le opportunità di shopping dove acquistare un souvenir ma anche dove comprare un simpatico oggetto d'arte.

Due sono le zone in cui idealmente Riga è suddivisa, spaziate fra loro dal canale Pilsetas, come due sono le comunità presenti, quella di origine russa e quella di madrelingua lettone.

  • Maskavas Forstate è la zona russa della città, l'area che merita di essere visitata per le sue antiche tradizioni. Non si tratta di un quartiere turistico ma tra le cose da vedere a Riga, se il tempo ve lo consente, inseritelo sicuramente. Si tratta di un quartiere che contiene antiche case ancora in legno che in qualche modo richiamano la tipica architettura sovietica. Non aspettatevi gli enormi palazzoni di cemento tipici della Russia ma avrete sicuramente modo di respirare un'aria più "sovietica" che nel resto della città.

    Θ

  • Se invece volete proprio immergervi in quello che era il periodo sovietico, provate allora a cercare il quartiere Teika. Il primo impatto sarà probabilmente quello di essere arrivati in un quartiere dormitorio ma se andrete più a fondo riuscirete proprio a immaginarvi come la vita potesse essere prima del 1991, l'anno di indipendenza della Lettonia. Qui le case sono invece quasi tutte in cemento e, nonostante siano estremamente più ridotte rispetto ai cubi di Mosca, hanno una somiglianza maggiore alla tipica rigida architettura sovietica.
    Θ
  • Altro quartiere che potrebbe essere inserito tra le cose da vedere a Riga è quello di Mezaparks. Traducibile come parco forestale, questa è probabilmente la miglior zona della città in cui abitare, specialmente nel periodo estivo. Qui è splendido fare jogging al mattino, complice l'area verde, ma è da considerare anche in inverno quando la neve colora l'area completamente di bianco. Tra le attrazioni segnaliamo lozoo di Riga, tra gli zoo europei dove gli animali hanno uno spazio sufficiente per muoversi senza costrizioni particolari.
    Θ
  • Altrettanto interessante per scoprire un volto diverso di Riga è l’isoletta di Kipsala, posta sulla riva sinistra del fiume Daugava. Qui vi attendono le storiche case di legno e la zona è il quartiere lussuoso della città, ricca di ville ma anche sede di numerose ambasciate. Da qua è possibile ammirare il porto, quello che ospita le tanti navi da crociera e rilassarsi lungo la piccola spiaggia artificiale, dove è possibile giocare a beach volley.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo il Mercato Centrale di Riga, uno dei quartieri più movimentati della città

La città vecchia di Riga
Guida al centro storico della capitale della Lettonia

Cosa vedere a Riga, mappa dei quartieriIl punto di partenza da dove inizieremo a scoprire Riga è comunque il fulcro storico, un labirinto di incantevoli strade acciottolate ed edifici dai colori vivaci risalenti al XIII secolo.
Il centro di Riga è suddiviso in due aree principali, quella medievale e quella più recente, ricostruita in stile Art Nouveau nella seconda metà del XIX secolo.

Tra le tante attrazioni che avremo qua modo di visitare citiamo il il Duomo, la Casa delle Teste Nere, la Chiesa di San Pietro e altro ancora. Sono questi di fatto le principali cose da vedere a Riga, anche se vi accorgerete presto che sono tante altre le ragioni di un viaggio nella capitale lettone.

 

La Piazza del Municipio

Cosa vedere a Riga, Piazza del MunicipioLa Città Vecchia di Riga ospita una tra le piazze più storiche della Lettonia, la Piazza del Municipio.

Realizzata nel XIII secolo, la piazza oggi ha numerosi edifici ricostruiti a seguito dei bombardamenti del secondo conflitto mondiale. Mantiene tuttavia la medesima importanza che aveva nella sua storia, ovvero centro amministrativo ed economico della città. Qui si svolgevano i mercati ma qua veniva allestito anche il patibolo per eseguire le condanne a morte dei colpevoli di più crimini.

 

Il Duomo di Riga

Cosa vedere a Riga, la CattedraleIniziamo a scoprire cosa vedere a Riga dal suo Duomo, la più importante cattedrale protestante della Lettonia.

Realizzato in diversi stili, romanico gotico e barocco, la sua guglia è uno dei simboli della città. Nota come Rīgas Doms, la sua costruzione risale al 1211 per volere del vescovo cattolico Albert, il fondatore di Riga. Nel 1215 il Duomo subì un devastante incendio che la danneggiò in maniera importante e venne quasi completamente ricostruito. Nel 1400 venne ampliato con l'aggiunta della navata ovest e nel 1547, nuovamente, un incendio la distrusse quasi completamente. La guglia e la torre furono le parti maggiormente coinvolti e per la sua ricostruzione si dovette attendere parecchio. Nel 1727, finalmente, il Duomo di Riga vide nuovamente la sua posizione nel centro storico cittadino.

Merita visitarlo anche per ammirare uno degli organi più importanti realizzati nell'Ottocento in Europa. Realizzato nel 1884, il celebre organo qua conservato fu prodotto dalla Walcker di Ludwigsburg, una tra le case produttrici di organi più celebri al mondo, operante dal 1780.

 

La Casa delle Teste Nere

Cosa vedere a Riga, la Casa delle Teste NereL'attrazione principale di Riga è tuttavia la Casa delle Teste Nere, un palazzo posto in Piazza del Municipio e in passato sede di una corporazione, quella delle Teste Nere per l'appunto. Qui i mercanti infatti si ritrovavano per discutere di affari e per implementare i commerci.
Oggi è sede dell'ufficio turistico della città.

 

Chiesa di San Pietro

Cosa vedere a Riga, la Chiesa di San PietroImmediatamente riconoscibile per la sua torre di 123 metri, la → Chiesa di San Pietro è la struttura più alta di Riga.

Inserita tra i Patrimoni UNESCO dal 1997, l'edificio venne realizzato per il culto cattolico e nel 1523, durante la Riforma Luterana, divenne consacrata come chiesa protestante. Iniziata a costruire nel 1209, durante il XV secolo venne ampliata e i vari restauri e adeguamente terminarono solo il secolo successivo. La sua svettante torre venne realizzata nel 1491 ma nel 1660 l'intera struttura crollo, venendo ricostruito nel 1740 in stile barocco.

Incendiato durante la Seconda Guerra Mondiale, il campanile venne riaperto con l'aggiunta di un ascensore che permette di raggiungere agevolmente la sua cima. Una volta raggiunto il punto più alto, oltre a godere di un imperdibile panorama, potrete ammirare il galletto, altro simbolo di Riga, che troverete spesso citato e riportato in altre attrazioni della città. Oltre ai servizi di culto, questo edificio in stile Liberty del XIII secolo ospita anche mostre d'arte, festival e concerti.

 

Il Museo dell'Occupazione della Lettonia

Cosa vedere a Riga, il Museo dell’Occupazione della LettoniaAltro edificio museale di rilevante importanza posto nel luogo dove in passato si svolgeva il mercato di Piazza del Municipio  è il Museo dell'Occupazione della Lettonia, un momento di storia della città che racconta l'occupazione nazista e sovietica.

Riconoscibile per la sua struttura, un blocco cubico risalente agli anni '70 dello scorso secolo, il museo ripercorre quasi 50 anni di storia, quello in cui la Lettonia entrò a far parte del regione sovietico. Furono anni difficili, il popolo lettone venne praticamente annientato e solo nel periodo della Seconda Guerra Mondiale la sottomissione venne mene.

Il Museo dell'Occupazione della Lettonia occupa una parte di rilievo tra le cose da visitare a Riga per conoscere la recente storia di un popolo oppresso. Anche l'edificio che ospita l'esposizione è in stile sovietico, realizzato nel 1971 come Museo dei Fucilieri Rossi, il corpo militare poi annesso all'Armata Rossa.

 

La Cattedrale della Natività di Cristo

Cosa vedere a Riga, Cattedrale della Natività di CristoAll'interno dell'Esplanade, il grande parco di quasi 9 ettari realizzato inizialmente nel 1783 e completamente rivisto nel 1950, ha sede bellissima Cattedrale della Natività di Cristo.

Si tratta di una delle più grandi chiese ortodosse delle repubbliche baltiche e il più grande edificio religioso della capitale della Lettonia, protagonista di una storia tormentata iniziata con il suo costo di realizzazione, tra i più dispendiosi mai realizzati sia a Riga che nella Lettonia. Numerosi gli interventi realizzati nei secoli, tra restauri e rifacimenti, diventando persino un planetario, voluto dai sovietici durante la loro dominazione. Dal raggiungimento dell'indipendenza, la Cattedrale è tornata a essere nuovamente lo storico edificio religioso che oggi possiamo visitare.

 

Gauja, la valle imperdibile della Lettonia
Visitiamo Gauja, la valle più bella della Lettonia con una ricca fauna e flora. Tra le cose da vedere a Gauja segnaliamo il...

Il centro storico di Riga
Proseguiamo l'itinerario

Cosa vedere a Riga, il Castello

La visita tra le cose da vedere a Riga prosegue continuando a esplorare la Città Vecchia.

Interessante da ammirare è il Monumento alla Libertà, posto tra il centro e la città vecchia, alla fine di Brivibas Street, un monumento in granito e rame di 42 metri di altezza che onora i soldati caduti in guerra. Conosciuto anche con il nome di Milda, si trova a qualche minuto a piedi dalla Piazza del Municipio.

Giusto di fronte troviamo uno degli angoli verdi più apprezzati dagli abitanti, il Bastejkalna Park. Si tratta di uno degli spazi verdi più storici della capitale e scelto nelle belle giornate per un picnic o semplicemente per rilassarsi su una delle tante panchine. Dal parco si potrà velocemente accedere al fiume Daugava, dove è possibile partecipare a una delle tante crociere organizzate della durata di circa un'ora e raggiungere il Mercato Centrale. Ospitato in quattro hangar, merita inserirlo tra le cose da vedere a Riga per il suo assortimento di prodotti tipici alimentari ma anche per i ristoranti che servono piatti lettoni tradizionali e rivisitati.

 

Art Museum Riga Bourse

Cosa vedere a Riga, Art Museum Riga BourseTra le numerose cose da vedere a Riga, ci spostiamo di poco dal Duomo per raggiungere il celebre → Art Museum Riga Bourse.

Il museo è tra i principali dei Paesi Baltici e al suo interno ha sede una importante collezione d'arte. La sua sede è quella in passato occupato dall'edificio della Borsa di Riga, costruito il 1852 al 1855, in stile rinascimentale veneziano.
Oggi, dopo una completa restaurazione, ospita nei suoi 6 piani moderne sale espositive, varie esposizioni, sale per conferenze e un negozio di souvenir.

L'esposizione è concentrata sull'arte dal XIX al XXI secolo ma il richiamo principale sono i dipinti della scuola nordeuropea del XVII secolo. Interessante anche la magnifica collezione di porcellane dell'Europa occidentale del XVIII-XX secolo.
Al terzo piano dell'edificio merita invece approfondire la collezione proveniente dall'Estremo e dal Medio Oriente
.

 

Altri musei di Riga

Altro museo fondamentale da scoprire a Riga è il Museo Etnografico Lettone. Posto a una quindicina di km fuori dal centro storico della capitale lettone, è possibile raggiungerlo con i mezzi pubblici cittadini. Al suo interno si troverà la riproduzione di un tradizionale villaggio medievale.

Sempre fuori dal centro storico, il Museo dei Motori è dedicato agli appassionati di motori. Al suo interno si trova infatti la più ricca collezione di veicoli d’epoca di tutti i paesi baltici.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopri tutto sul Museo dell'Occupazione di Riga

Altro da vedere a Riga

Cosa vedere a Riga, panorama aereoNonostante le dimensioni piuttosto ridotte, Riga è ricca di attrazioni da visitare.

Dirigiamoci nuovamente verso il Daugava per raggiungere il Teatro dell'Opera, fondato nel 1863 e un tempo sede della prima centrale elettrica cittadina. Il suo interno è ricco di dettagli che aiuteranno a comprendere il passaggio tra la cultura sovietica e quella più tradizionale lettone, con tende di velluto rosso che risaltano le pareti e i tanti lampadari. La visita è possibile con un tour guidato che permetterà di ammirare anche le quinte del palco e scoprire la preparazione di uno spettacolo.

Spostiamoci nella vicina Alberta Street per raggiungere il → Museo dell'Art Noveau, antica residenza dell'architettone lettone che ha progettato interamente l'edificio. Merita ammirare la scala a chiocciola, uno dei tanti capolavori dell'Art Nouveau, quella che permette di muoversi tra i piani della struttura. Ogni singola stanza è stata ristrutturata e oggi ospita una pregevole collezione di arredamento del 1900, con tanto di utensili tipici dell'epoca. Il museo è chiuso al lunedi.

Tra gli edifici storici non perdiamoci la Torre delle Polveri, un tempo parte della cinta muraria della città e oggi sede del Museo della Guerra. Durante la vostra passeggiata nel centro storico non perdetevi la Porta Svedese, costruita nel 1698 come parte delle mura difensive della città e varco che permetteva l'accesso alle baracche poste fuori dalla città. Sempre nel centro cittadino merita una visita la Chiesa della Madonna Addolorata, una tra le struttura più antiche di culto cattolico. Realizzata in barocco e in stile neo-rinascimentale, è tra le attrazioni più visitate di Riga.

Per concludere non perdiamoci una visita al Castello di Riga, edificato nel Trecento e completamente ricostruito nel XIX Secolo, oggi sede del Museo Straniero delle Arti e del Museo Nazionale di Storia della Lettonia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Jurmala, la meta balneare lettone tanto apprezzata dai russi

Come raggiungere Riga dall'Italia

Cosa vedere a Riga, Lituania

Grazie a diverse compagnie low cost, Riga è una meta che raccoglie sempre più turisti.

L'aeroporto della città (RIX) è posto a una decina di km a ovest della città collegato direttamente con diverse città italiane, tra cui Milano Roma, Olbia, Venezia, Verona.
Durante il periodo estivo le città collegate aumentano.
Giunti in aeroporto sarà possibile arrivare a Riga con i bus mentre da qua partono anche i pullman che portano in diverse altre città, tra cui Minsk, Varsavia San Pietroburgo.

Se volete raggiungerla in treno, Riga è ben collegata con tutte le città della Lettonia e con alcune tra le principali città della Russia, Estonia e Bielorussia.

In auto sarà comodamente raggiungibile da Lituania, Russia e Bielorussia attraverso gli efficaci collegamenti stradali. Ricordatevi che in centro storico le auto non sono ammesse e che i parcheggi pubblici sono piuttosto costosi.
Gli Stati Baltici aderiscono all'Area Schengen, quindi non incontrerete particolari controlli di frontiera. Se però arriverete da Russia e Bielorussia dovrete affrontare il controllo doganale.

 

 


 

Condividi su: