Cosa vedere a Praga e dintorni

Praga è uno dei luoghi turistici europei più importanti. Tra le cose da vedere a Praga citiamo il Ponte Carlo, il ponte più celebre della città e anche il più grande, la Torre panoramica di Petřín, realizzata nel 1891 in occasione dell’Esposizione Giubilare, l'Orologio astronomico, il più antico orologio astronomico del mondo ancora funzionante, il Castello di Praga, il complesso di castelli più grande del mondo, il Teatro Nazionale, un sontuoso edificio simbolo della cultura ceca, e la Chiesa di Nostra Signora di Týn, il principale edificio religioso della città. Conosciamo la capitale ceca e scopriamo cosa vedere a Praga.12 min


0
15 shares
Cosa vedere a Praga

Cosa vedere a Praga

Guida completa di Praga e dintorni

icona-articoloPraga è la capitale della Repubblica Ceca con complessivamente 1.300.000 abitanti.
Conosciuta con il soprannome di Città dalla cento cupole, Praga è vero e proprio museo all’aperto, uno dei luoghi turistici e culturali in assoluto più importante dell’Europa centrale.

La capitale della Repubblica Ceca è anche una delle mete che negli ultimi decenni ha visto crescere in maniera esponenziale il turismo.
Dal 1992 il centro storico è inserito nella lista dei Patrimoni Mondiale UNESCO.

Dove si trova Praga

Cosa vedere a PragaLa capitale della Repubblica Ceca si trova nella Boemia centrale ed è attraversata dal corso della Moldava, il fiume che divide la città in due parti.
Fino al 1992 era la capitale della Cecoslovacchia, dalla cui suddivisione nacquero la Repubblica Ceca e la Slovacchia, oggi entrambi due paesi appartenenti alla UE ma con la Repubblica Ceca che ha deciso di non adottare l’Euro come moneta, proseguendo con la corona.
La città è posta nel cuore dell’Europa, a circa 400 km da Monaco e 700 da Venezia.

Cenni storici

Cosa vedere a Praga, veduta dall'altoLa storia di Praga ha inizio con l’insediamento, nel IV secolo a.C., prima dei celti e successivamente di popolazioni di ceppo germanico.
I secoli successivi videro invece insediarsi le tribù slave, abitando nella zona di Malà Strana. La loro presenza è confermata da due fortezze, una sulla zona dove oggi è situato l’attuale castello e l’altra sulla collina di Vyžehrad.

Nei secoli successivi Praga si è sviluppata come sede vescovile e Boleslao II, re di Polonia, ha eretto il Monastero di San Giorgio. La città è cresciuta anche commercialmente diventando sede di commercianti di tutta Europa.
Nel XII secolo fu il re Vladislao II a costruire il primo ponte in pietra sul fiume Moldava, successivamente crollato a seguito di una piena e dal quale venne poi realizzato il Ponte Carlo.

Nel XVI secolo la città venne acquisita sotto il controllo ausburgico e iniziarono i primi periodi di crisi, dalla quale Praga si riprese solo durante l’Ottocento.
Il termine del primo conflitto mondiale vede Praga diventare capitale della Cecoslovacca, diventando poi capitale della Repubblica Ceca nel 1993.

Praga, il Museo del KGB

Il comunismo governò la Cecoslovacchia dal 1948 al 1989, privando i cittadini dei loro diritti e delle loro libertà.
Oggi, questi sono solo ricordi che possono essere scoperti nel Museo del Comunismo e il Museo del KGB.
Il primo presenta reperti della vita di tutti i giorni del tempo, tra cui un’aula scolastica ed una serie di documentari.

Nel 1999 la Repubblica Ceca entra a far parte della NATO e nel 2004 entra a far parte dell’Unione Europea.

Attrazioni di Praga, guida per quartieri

Praga, architettura della città vecchia

Praga è perfetta per essere esplorata a piedi.
Lungo i viali e le sue meravigliose strade avrete modo di ammirare, senza fretta, i tanti monumenti ricchi di storia e di cultura.
Addentratevi nei vicoli per trovare un ristorante o un locale dove trascorrere qualche minuto di relax e iniziare a scoprire cosa vedere a Praga.
Fortunatamente tutte le principali attrazioni della città sono molto vicine fra loro, rendendo la passeggiata sempre più interessante.
Per scoprire Praga è bene conoscere i principali quartieri del centro città.

  • Staré Město: Da quartiere del Castello, i primi abitanti dell’XI secolo iniziarono a insediarti lungo la parte orientale del fiume Moldava, quella che oggi è il quartiere più turistico della città.
    Al suo interno troviamo tra gli altri la Piazza della Citta Vecchia con il suo Municipio, l’Orologio Astronomico, la Torre dell’Orologio e la Chiesa di Nostra Signora di Týn;
  • Malá Strana: fondato nel 1257 nei pressi del Quartiere del Castello e separato da Staré Město dal Ponte Carlo, Malà Strana è la Città Piccola di Praga, noto anche come Piccolo Quartiere. Il quartiere di Malà strana è sviluppato in collina e, tra tutte le aree di Praga, fu quello meno danneggiato dai bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.
    Imperdibili al suo interno sono la Piazza della Città Piccola, la Chiesa di San Nicola, la Torre Petrin e i giardini di Vojan.
  • Hradčany: il quartiere di Hradčany rappresenta il primo nucleo urbano costruito, nel XIV secolo, al di fuori delle mura del castello. Hradčany è infatti il quartiere dove ha sede il castello, realizzato nel IX secolo. Interessanti sono anche la Cattedrale di San Vito, la Basilica di San Giorgio e il Vicolo d’Oro.
  • Josefov: il quartiere di Josefov è l’area ebraica della città, realizzato in epoca medievale quando le due comunità ebraiche si unirono fra loro. Al suo interno troviamo 6 sinagoghe e il vecchio cimitero. Nel XIX secolo è stato completamente ricostruito, conservando esclusivamente gli edifici religiosi.
  • Nové Město: sviluppato lungo la sponda orientale del fiume Moldova, Nové Město è la Città Nuova di Praga, costruita attorno a Piazza San Venceslao e fondata da Carlo IV nel 1348. Qua troviamo un gran numero di hotel, negozi e locali. Imperdibile è la Casa Municipale, la sala per concerti classici, il Museo Nazionale, il Teatro Nazionale e numerosi musei.
  • Vyšehrad: tra i più antichi nuclei di Praga, costruito tra il XI e il XII secolo, Vyšehrad fu in passato la prima sede dei principi cechi. Oggi è un’interessante nucleo storico, al cui interno troviamo l’omonima fortezza di Vyšehrad, la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, il Parco Vyšehrad e il Cimitero di Vyšehra

La città vecchia, il quartiere ebraico e il Ponte Carlo

La Città Vecchia, con la sua omonima Piazza, è il fulcro della città.

Cosa vedere a Praga, Piazza della Città VecchiaLa Piazza della Città Vecchia è situata nel quartiere di Staré Město.
La piazza è stata restaurata recentemente e potrebbe essere il punto di partenza per scoprire le attrazioni di Praga.

 Il punto di partenza per scoprire Praga, la Piazza della Città Vecchia

logo-markerImperdibile nella Piazza Vecchia le guglie della Chiesa di Nostra Signora di Tyn.


Chiesa di Nostra Signora di Týn

Cosa vedere a Praga, la Chiesa di Nostra Signora di Týn

La Chiesa di Santa Maria di Týn è uno degli edifici religiosi più caratteristici e nel contempo più misteriosi di tutta Praga. La sua imponente altezza le permette di essere sicuramente ammirata rispetto alle case che la circondano alcune che richiudono la facciata.

Al suo interno troverete un ricco patrimonio di opere che spaziano tra l’epoca gotica, barocca e rinascimentale. Accedervi, nonostante siamo a due passi dalla Torre dell’Orologio, non è semplicissimo. Dovrete infatti trovare un piccolo vicolo che vi permetterà di accedere dalla porta principale della Chiesa.

Da ammirare le due torri, le due guglie che sovrastano la Chiesa di Tyn con i suoi 80 metri di atezza. Da segnalare la particolarità unica che rappresenta una delle tante caratteristiche dell’edificio. La prima torre, quella a sud, è infatti più sottile rispetto a quella di nord. Una metafora che indica la bellezza maschile e quella femminile.


logo-marker Nella Piazza troverete anche una tra le attrazioni da sempre più ammirate a Praga, l’orologio astronomico.


Orologio astronomico di Praga

Cosa vedere a Praga, l'Orologio astronomico

L’orologio astronomico di Praga fu costruito nel 1410.
Venne parzialmente distrutto durante la seconda guerra mondiale, ma fu prontamente restaurato, riportandolo all’antico splendore.

Orologio astronomicoQuesto è il più antico orologio astronomico del mondo ancora funzionante.

Situato nella Piazza della Città Vecchia, l’orologio non solo mostra la classica ora giornaliera, ma anche le fasi del sole e della luna e il movimento dei pianeti nel cielo.

Ogni ora, dalle 9 alle 23, le varie parti dell’orologio si mettono in movimento dando origine ad uno spettacolo unico da non perdere.
Salendo sulla torre che lo ospita avrete invece una delle migliori visioni panoramiche di tutta Praga.


Le sei sinagoghe del Quartiere Ebraico Josefov

Poco distante dalla Piazza della Citta Vecchia troviamo il Quartiere Ebraico, Josefov, con le sue sei sinagoghe e il Cimitero Ebraico.
Ecco le sinagoghe da visitare nel quartiere Josefov di Praga:

  • Sinagoga Pinkas: Posta nelle vicinanze del Cimitero Ebraico, la Sinagoga Pinkas è tra le più note di Praga. La sua notorietà la si deve sia ai numerosi disegni conservati, realizzati dai bimbi imprigionati nel campo di concentramento Terezin, sia ai nomi di tutti i 77.297 ebrei assassinati dai nazisti;
  • Sinagoga Maisel: L’interno della Sinagoga Maisel ospita invece numerosi oggetti ebraici, come libri ma anche tessuti e vari oggetti decorativi. La sua realizzazione risale al XVI secolo ma è stata completamente ricostruita in stile neogotico, nell’Ottocento, dopo che un incendio la distrusse completamente;
  • Sinagoga Spagnola: Il suo nome richiama il suo stile moresco, derivato direttamente dall’Alhambra di Grenada, il simbolo della città spagnola e maggior monumento all’arte araba oggi esistente. Al suo interno potrete ammirare un percorso che vi condurrà a conoscere lo stile di vita più recente degli ebrei;
  • Sinagoga Klausen: Il suo interno custodisce una importante collezione di testi ebraici e, come in quella di Pinkas, altri disegni dei bimbi prigionirei del Terezin. Anche questa sinagoga è posta nelle vicinanze del Cimitero Ebraico;
  • Sinagoga Alta: Anche in questo caso il nome richiama la sua caratteristica. Nel caso della Sinagoga Alta il nome deriva dall’altezza di due piani dove nel primo sono conservati tessuti e in quello terreno un negozio di souvenir;
  • Sinagoga Vecchia-Nuova: La più nota sinagoga di Praga è stata costruita nel 1270, tra i primi edifici gotici della città. Per accedervi dovrete munirvi di un biglietto a parte.

Il cimitero ebraico

Cosa vedere a PragaFondato nel 1439, il Vecchio cimitero ebraico di Praga è tra i monumenti più simbolici del Josefov nonché il più celebre in Europa. Per oltre 3 secoli il vecchio cimitero ebraico fu l’unico luogo in cui gli ebrei venivano seppelliti a Praga.

A causa delle sue ridotte dimensioni, mai ampliate dalla sua costruzione, nei secoli è venuto a sopperire lo spazio necessario per le tombe, costringendo i famigliari a sovrapporre i sepolcri. Incredibilmente, durante l’occupazione nazista a Praga il cimitero venne del tutto risparmiato. Questo perché sarebbe servito come testimonianza di un popolo che si sarebbe dovuto estinguere da lì a breve tempo.

In totale oggi si contano circa 12 mila lapidi, sebbene gli studi affermino che gli ebrei sepolti superino i 100 mila. La più antica lapide risale al 1439, mentre la più recente al 1787.


Nel primo tratto di itinerario abbiamo scelto di proporvi da subito il Ponte Carlo.
Non è strettamente correlato a nessuno dei due quartieri che finora abbiamo visto, la Piazza della Città Vecchia e il Josefov, ma è una delle attrazioni che probabilmente vorrete rivedere.
Se ne avete la possibilità percorretelo sia di giorno che di notte: l’illuminazione e la minore affluenza di turisti lo renderanno ancora più speciale.

Ponte Carlo

Praga, Ponte Carlo

Il Ponte Carlo è il ponte più famoso di Praga nonché anche il più grande e permette di attraversare il fiume Moldava.
Venne costruito nel 14esimo secolo ed è fiancheggiato da tre torri e 30 statue in stile barocco.

Il ponte pedonale è lungo oltre 600 metri ed è uno dei luoghi di Praga più fotografati.
Spesso nell’immediata vicinanza del ponte diversi artisti e artigiani vendono le proprie opere d’arte, alcune delle quali raffiguranti lo stesso ponte.

Scopri tutto sul Ponte Carlo di Praga

Hradčany e il quartiere Piccolo, Malá Strana

Iniziamo a conoscere il Quartiere Piccolo, il Malá Strana.
Come prima cosa merita assolutamente iniziare la passeggiata dal Castello.


Castello di Praga

Castello di Praga

Costruito nel 880, il castello di Praga è il complesso di castelli più grande del mondo, difatti è presente anche nel Guinness dei primati.
Il primo edificio ad essere eretto all’interno dell’area del castello fu la Chiesa della Vergine Maria della quale purtroppo ora si possono vedere solo alcuni resti.

 Dopo aver visitato il Castello non mancare di passeggiare nei Giardini Reali

La Basilica di San Giorgio

Cosa vedere a PragaNel decimo secolo venne fondata la Basilica di San Giorgio e nel castello vide la luce il primo convento ceco, denominato il convento di San Giorgio che oggi ospita una galleria d’arte.
Durante l’intero scorso millennio il complesso venne ristrutturato diverse volte. L’ultima grande restaurazione del Castello è stata a metà del 18esimo secolo, quando la struttura venne messa in condizione per essere abitata.


Il simbolo di Praga e di tutta la Repubblica Ceca è la Cattedrale di San Vito, edificata dopo oltre 600 anni di lavorazione.

Scopri il simbolo di Praga, benvenuti nella Cattedrale di San Vito

logo-markerDopo aver visitato il Castello e i giardini, scendete a Malostranské náměstí, il vero fucro del quartiere Piccolo. Merita fermarsi sull’isola di Kampa, posta a lato del Ponte Carlo, occasione magari per ripercorrerlo.


Isola di Kampa

Cosa vedere a PragaAll’interno del fiume Moldava troviamo questo isolotto, posizionata sul lato del quartiere di Malá Strana. La si può raggiungere direttamente dal Ponte Carlo oppure passeggiando lungo il fiume dal lato in cui trovate il Castello.
In quest’isola trovarono riparo i soldati spagnoli durante la Battaglia della Montagna Bianca, nel 1620.

Programmate qualche ora per inserirla tra le cose da vedere a Praga, qui troverete infatti un meraviglioso parco con due sculture di bronzo e il Museo di Arte Moderna, inaugurato nel 2003.
Entrambi non eccessivamente grandi, meritano comunque di essere visitati.


logo-markerPer completare la vostra visita del quartiere Malá Strana troviamo due altre attrazioni da non perdere, la Torre panoramica di Petřín e la Chiesa della Vergine Maria della Vittoria


Torre panoramica di Petřín

Cosa vedere a Praga, la Torre panoramica di Petrin

La torre panoramica di Petřín è una piattaforma di osservazione di acciaio.
È situata in cima all’omonima collina ed è considerata da molti la migliore struttura su cui ammirare l’intera capitale ceca.

E’ uno dei tanti simboli di Praga e la sua costruzione risale al 1891 in occasione dell’Esposizione Giubilare. E’ considerata come la Torre Eiffel della Repubblica Ceca ed è alta 63,5 metri ed in cima si raggiunge la medesima altezza sul livello del mare della Torre parigina.

Per arrivare al ballatoio posto proprio in alto occorre salire una scala con ben 299 gradini. Ottima da visitare di sera.

Scopri tutto sulla collina di Petrin a Malà Strana, Praga

Chiesa della Vergine Maria della Vittoria

Cosa visitare a Praga, la Chiesa della Vergine Maria della Vittoria

Sempre nel quartiere di Malá Strana, la Chiesa della Vergine Maria della Vittoria, chiamata anche Chiesa della Vergine Maria Vittoriosa, è un edificio ecclesiastico celebre per i suoi sfarzosi interni.

Successivamente ad un’importante battaglia avvenuta in questo territorio nel 1620 fu progettata una cappella dedicata a San Venceslao. Tuttavia dopo qualche anno per ordine di Ferdinando II questa fu sostituita da un monastero ed una chiesa.

Raggiungibile facilmente con il tram, visto la vicinanza con la fermata di Bila Hora, i suoi interni sono caratterizzati da magnifici altari dorati sfarzosamente decorati. Non da meno anche i cicli di affreschi rappresentanti numerosi episodi sacri.

Nové Město e Vyšehrad

Gli ultimi quartieri di Praga sono anch’essi interessanti da visitare. Se rimanete più giorni nella capitale della Repubblica Ceca vi suggeriamo di inserire questi quartieri nell’ultimo giorno di visita.

Nel quartiere di Nové Město, lungo la sponda orientale del fiume Moldova, è la Città Nuova di Praga. Qui troviamo due importanti attrazioni da non perdere, il Museo Nazionale e il Teatro Nazionale.

Teatro Nazionale

Cosa vedere a Praga, il Teatro NazionaleIn Repubblica Ceca il fascino del teatro ha avuto estrema importanza, più di Vienna e Parigi. Le varie opere teatrali nate a Praga e dintorni hanno poi avuto ampio risalto in Europa e non solo, diventando di importanza storica mondiale. Il cuore pulsante è sicuramente il Teatro Nazionale di Praga.
E’ un sontuoso edificio simbolo della cultura ceca tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.
Quello che oggi ammiriamo è la ricostruzione, avvenuta solo due anni dopo la prima edificazione, a seguito di incendio che lo ha devastato internamente e provocato seri danni anche alla struttura esterna.

Presenziare ad uno spettacolo teatrale in questo tempio della cultura è un momento di vera emozione e vi farà ricordare Praga in una modalità insolita rispetto alle consuete vacanze. E se il tempo non vi permetterà di sedervi nelle sale del teatro, ammiratelo dall’esterno. Sia di giorno che di notte è una bellezza iconica da ammirare.

Museo Nazionale

Cosa vedere a Praga, il Museo Nazionale

Si tratta del più ampio museo della Repubblica Ceca e al suo interno ospita importanti collezioni di minerali, reperti archeologici, esemplari zoologici, oggetti etnografici e documenti o fonti varie riguardo la storia della Cecoslovacchia.

L’edificio principale della struttura del museo si trova in cima alla Piazza Venceslao. Il museo ha altre sedi più piccole concentrate interamente su un argomento preciso.

Completa la tua conoscenza di Praga con il Trade Fair Palace, la Galleria d’Arte di Praga

Nel quartiere di Vyšehrad, uno dei più antichi della città, troviamo alcune ulteriori attrazioni da non perdere, come la Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, la fortezza di Vyšehrad e il Parco Vyšehrad.

Fortezza di Vyšehrad

Costruita nel X secolo, la Fortezza di Vyšehrad è il secondo maniero più antico della città, seguito dal Castello, realizzato un secolo prima. In passato la Fortezza di Vyšehrad era adibita a residenza per i regnanti boemi, che favorirono la suggestiva posizione in cima a una collina affacciata sul fiume Moldava.

La Fortezza di Vyšehrad è il centro nevralgico di uno dei più antichi quartieri di Praga e offre uno spettacolare panorama sull’intero circondario. La fortezza assunse il suo attuale aspetto però solo nel XIX secolo, quando venne creato il cimitero nazionale di Vyšehrad, che sostituiva il preesistente cimitero rurale.

Da non perdere nella fortezza la Rotonda di San Martino, il più antico edificio della città a conservare il suo aspetto originale. La Rotonda di San Martino, in stile romanico, risale infatti all’anno Mille, e da allora non mutò nel suo aspetto.


Le altre attrazioni di Praga

Praga e Franz Kafka

Praga e Franz Kafka

Tra le cose da vedere a Praga, merita sicuramente un viaggio recarsi nella casa di Kafka, uno dei più grandi scrittori di tutti i tempi, divenuto famoso soltanto dopo la sua morte, quando la sorella ritrovò dei manoscritti nel cassetto. Johannes Urzidil una volta disse: Kafka era Praga, e Praga era Kafka.

E la sera, quando i piedi vi faranno male per aver camminato tanto e desidererete soltanto togliere le scarpe e andare a dormire: non potrete farlo. Se Praga di giorno è uno spettacolo, di notte è un autentico paradiso.

Palazzo d’estate Hvezda

Praga, il Palazzo d'estate HVĚZDARaggiungibile in appena 15 minuti di tram dal centro città, il Palazzo d’estate Stella è una delle residenze storiche più affascinanti del territorio periferico di Praga.
Nessun cartello segnaletico cita durante il percorso la presenza di questa magnifica villetta, contornata da un’enorme giardino ben curato. Risalente al 1555 dall’arciduca Ferdinando del Tirolo, è situata all’interno di una grande riserva di caccia, oggi trasformata in parco pubblico.

Numerosi viali acciottolati si sviluppano dalla villa dalle pareti bianche, una struttura a pianta esagonale costruita ai piedi della Montagna Bianca.
Adibito fino al 1874 come caserma, il Palazzo venne restaurato unicamente nella metà dello scorso secolo. Interamente sono osservabili numerosi decori in stucco rappresentanti scene mitologiche.

Da non perdere anche il museo dedicato allo scrittore Alois Jirásek e all’artista Mikoláš Aleš, che espone vita ed opere dei personaggi.

Il Monastero di Břevnov

Cosa visitare a Praga

Il Monastero di Břevnov, traduzione di Břevnovský klášter, fu fondato nel 993 dal principe Boleslao II e da Sant’Adalberto, Vescovo di Praga, come prima vera istituzione monastica in Boemia.

Nel Settecento, i Dientzenhofer, una celebre famiglia di architetti, costruirono un complesso ecclesiastico in questo territorio, seguendo uno stile barocco. L’edificio più grande è la Chiesa di Santa Margherita, che appare alla vista appena attraversata la porta d’entrata del monastero.

Nonostante le dimensioni, l’interno non possiede navate laterali ed è caratterizzata da un decoro interno più sobrio. Da notare il triforio, gli stalli del coro e la pala d’altare di Petr Brandl, risalenti al 17° secolo.

Nella cripta sono osservabili i resti di una chiesa dell’11° secolo, rinvenuti negli anni Sessanta del secolo scorso. Gli altri edifici sono protagonisti di un graduale restauro ed I monaci benedettini sono tornati al monastero nel 1990.

Il Monastero di Zbraslav

Zbraslav, monastero

Il Monastero di Zbraslav, traduzione di Zbraslavský klášter, fu fondato, 12 km a sud della città, nel 1292, come luogo di sepoltura dei sovrani boemi, ma oggi vi riposano solo Venceslao II e IV. Le guerre portarono al disastro strutturale il monastero, fino a quando non fu ricostruito come castello agli inizi del Settecento.

Dal 1998 al suo interno è ospitata la collezione d’arte islamica ed orientale della Galleria Nazionale di Praga. Il primo piano è in gran parte dedicato all’arte giapponese, con oggetti in lacca e statue di Buddha.

Nella sala cinese al secondo piano oggetti rituali in bronzo vecchi più di 3200 anni, statuine funerarie e ceramiche ed esemplari di arte buddhista trovano casa. Sullo stesso piano, collezioni minori d’arte tibetana, indiana e islamica.

Castello di Troja

Cosa visitare a Praga

Il Conte Václav Vojtěch Šternberk costruì Villa Troja negli anni Ottanta del 1600 come residenza estiva sul confine della città, facilmente raggiungibile dallo Hradčany.

Il primo edificio fu progettato da Gian Domenico Orsi, ma la bella costruzione a forma di scatola che si ammira oggi, con pareti bianco calce e murature in pietra color ruggine, è la versione boema di una villa romana di Jean-Baptiste Mathey. Statue in pietra adornano il magnifico scalone esterno a due rampe.

La sala più peculiare della Villa è il salone dei banchetti riccamente affrescato. Le pitture sulle pareti ritraggono le conquiste degli Asburgo e le vittorie di Leopoldo I sui Turchi ottomani nel Seicento.

La villa ospita una mostra di arte ceca, da fine Ottocento a inizio Novecento, con importanti opere di Václav Brožík. I giardini pensili risalgono agli inizi del Settecento.

Altro su Praga

Festival a Praga

Festival di Praga

Naplavka, l’area del lungomare di Praga, si anima durante i mesi estivi, con decine di festival, musica dal vivo, birrerie all’aperto e altri eventi dal vivo.
Qui si festeggia davvero di tutto: festival della birra, di cibi vegetariani, di musica o di qualsiasi altro motivo per cui si ritiene di dover festeggiare.

Da non perdere in autunno il Festival del Vino ed in inverno i mercatini di Natale. Uno tra i più grandi d’Europa si trova proprio nella piazza della città vecchia.


 


Like it? Share with your friends!

0
15 shares