Cosa vedere a Odense, Danimarca

Cosa vedere a Odense, la città della Danimarca patria del famoso scrittore danese Hans Christian Andersen. Tra le attrazioni principali troviamo la sua casa natale e il Giardino di Handersen, una meravigliosa area verde con all'interno negozi, locali e diverse statue, fra cui ovviamente quella dello scrittore danese. Da non perdere a Odense anche il più grande museo dedicato alle ferrovie di tutta la Scandinavia e la Cattedrale di San Canuto, l'edificio luterano iniziato nel 13° secolo e terminato nel secolo successivo. Ecco cosa vedere ad Odense, Danimarca. 5 min


0
Odense, Danimarca
Condividi su:

Guida di Odense,
la patria natale di Christian Andersen

 

icona-articoloOdense è la patria di Hans Christian Andersen, il più grande scrittore della Danimarca, e anche la terza città per importanza.
Lo scrittore, autore tra gli altri de La sirenetta, Il Soldatino di piombo e Il brutto anatroccolo, è sicuramente uno dei motivi principali per visitare Odense ma non è il solo.
Scopriamo cosa vedere a Odense, in Danimarca.

Cosa vedere a Odense

Posta nella Danimarca Meridionale, Odense è la terza città più grande della Danimarca e meta turistica in costante crescita.
Con i suoi 170.000 abitanti circa, Odense è una delle tante città danesi perfette per vivere, situata sull’isola di Fionia.
Il motivo principale di una visita è naturalmente ammirare tutto quanto legato alla storia di Christian Andersen.

 

La casa natale di Andersen

Cosa vedere ad Odense

Abbiamo già anticipato come Andersen sia il principale catalizzatore per una visita ad Odense. Tra queste l’attrazioni principali sull’isola di Fiona è una visita alla casa natale dello scrittore.

La sua inaugurazione risale al 1908 ed è diventata il primo museo al mondo interamente dedicato ad un singolo scrittore. All’interno una grande raccolta con tutte o quasi le edizioni delle fiabe prodotte nelle varie lingue e una grande raccolta di tanti oggetti di utilizzo comune dello scrittore.
Ideale per conoscere il più grande scrittore danese.

Giardino di Andersen

Cosa vedere ad Odense, il giardino di Andersen
Odense, il giardino di Andersen

Non lontano dalla Cattedrale, che vedremo più avanti nella lettura, troviamo una passerella che ci permettarà di accedere nel quartiere verde dedicato allo scrittore.

All’interno, oltre a numerosi piante e fiori, una serie di negozi da visitare e diverse statue, tra cui quella naturalmente quella dedicata a Hans Christian Andersern.

E’ il luogo ideale dove trascorrere una mezza giornata lontano dal traffico e dai rumori della città.

 

OneMag-logo
Visitiamo il più antico osservatorio d’Europa nella torre cilindrica di Copenhagen

Quartiere Handersen

Cosa vedere a Odense, case colorate
Odense, il quartiere Andersen

Completiamo l’angolo di Odense dedicato ad Andersen con una passeggiata nel quartiere a lui dedicato.
Dovrete superare la Hans Jensen Straede per trovarvi immersi in una zona completamente diverso rispetto alla parte nuova della città appena attraversata.

Qui lo scopo è quello di r icreare il periodo in cui Andersen ha vissuto,  con abitazioni colorate in parte adibite a residenza, altre trasformate in negozi per i tanti visitatori del quartiere.

Da non perdere per completare la visita ai luoghi dedicati ad Andersen anche la sua casa museo, l’abitazione in cui lo scrittore ha vissuto dal 1807 al 1819, ovvero dai 2 ai 14 anni.

OneMag-logo
Magnifico giardino e Museo di Storia nel Castello di Frederiksborg, sulle isole Slotsø

Museo Ferroviario Danese

Cosa vedere ad Odense

Dopo aver scoperto tutto di Hans Christian Andersen è ora il momento di scoprire cosa visitare a Odense. Una delle idee potrebbe essere visitare il l più grande museo dedicato alle ferrovie di tutta la Scandinavia.

La sua apertura originaria avvenne nel 1918 nella capitale Copenaghen per poi essere trasferito nel 1975 ad Odense.
Oltre ad essere una delle attrazioni più amate della città è anche uno dei musei più interessanti del paese.

L’esposizione, ampia 10.000 mq, mostra la storia di quasi 175 anni dei treni e dei traghetti in funzione in Danimarca.
All’interno è possibile passeggiare tra vagoni ferroviari, locomotive e carrozze, oltre a un grandissimo numero di modelli in miniatura, riproduzioni e illustrazioni.
Troveremo anche un’area esterna di 20.000mq, dedicata principalmente ai bambini con  un gigantesco parco giochi.

The Funen Village

Cosa vedere a Odense, Danimarca

Questo particolare museo all’aperto raffigura la vita della popolazione danese nel 19° secolo.

Le strutture rurali sono originarie del 1700 unite ad altri piccoli edifici a graticcio costruiti di recente ma nello stile dell’epoca.
Una fattoria predomina tutto il museo poiché concentra il visitatore a osservare la vita dei contadini del XVIII secolo.

Ogni dettaglio è curato con scrupolo, dai campi coltivati all’abbigliamento dello staff. L’impressione è quella di essere tornati effettivamente indietro nel tempo.
I tanti animali presenti, quali mucche, capre, maiali e cavalli, sono liberi di circolare ed è quindi possibile interagire con loro.
Il museo chiude ogni giorno alle 17. Si consiglia di visitarlo di prima mattina per non perdere alcun dettaglio.

Indirizzo: Sejerskovvej 20, 5260 Odense S, Danimarca

OneMag-logo
In viaggio con i più piccoli? Non perdetevi Legoland, a Billund

Cattedrale di San Canuto

Cosa vedere ad Odense, Cattedrale

Tra le altre cose da vedere a Odense troviamo la Cattedrale di San Canuto, il principale edificio religioso della città. E’ la cattedrale luterana oltre che la sede della diocesi di Fionia.
Le prime fondamenta risalgono al XIII secolo, anche se la costruzione si completò solo attorno al 1400.

L’architettura è di stile gotico e la costruzione è interamente composta da mattoni.

Nonostante i due incendi che colpirono il Duomo, il primo nel 1247, pochi anni dopo l’inizio della costruzione, molti componenti dell’edificio sono gli originali, come le inferriate di ferro battuto a mano sotto richiesta del re Cristiano IV.

Una nota interessante che rende la chiesa da visitare assolutamente è che all’interno sono tutt’ora sepolti i re Canuto il Grande e il fratello Benedikt, che ne richiesero la costruzione.
L’edificio venne consacrato da Canuto II, il primo santo cattolico danese, che fu ucciso nel corso di una ribellione all’interno di un’altra chiesa non molto distante dalla Cattedrale.

OneMag-logo
Danimarca, guida turistica di viaggio

Cosa vedere a Odense, lo Zoo


Lo Zoo di Odense è situato nella zona sud della città e attraversa entrambe le sponde del fiume dividendo il centro abitativo in due.

Sono presenti decine di specie differenti tra cui alcune esotiche o in via di estinzione con un totale di oltre 2 mila animali che vi trovano riparo.

La struttura è considerata il migliore centro faunistico della Danimarca, sia per la propria bellezza sia per come gli animali vengono allevati.
Da pochi anni è stata aperta l’area denominata Kiwara, che riproduce fedelmente l’habitat della savana africana, ospitando leoni, elefanti, antilopi e giraffe.

Castello di Egeskov

Cosa vedere a Odense, Castello di Egeskov

Tra le cose da vedere a Odense, giusto a pochi minuti di distanza, troviamo un castello considerato tra i più belli del continente europeo.
Si tratta del castello di Egeskov, da quasi 500 anni conserva al suo interno un totale di 66 stanze, tra cui 12 visitabili.

L’edificio è noto non solo per essere il castello d’acqua meglio conservato d’Europa, ma anche per ospitare diversi passaggi e scale segrete.
Per entrare nella struttura sarà necessario attraversare un ponte sopra il lago, essendo interamente circondato da un fossato ricco d’acqua.

Funky Monkey Park

Questo parco molto probabilmente non è presente in tutte le guide turistiche della città.
Ma tra le cose da vedere a Odense possiamo inserirlo nella sezione curiosità.

Si tratta infatti del più importante parco di climbing di Odense.

Il centro è adatto per molte famiglie, soprattutto quelle appassionate di sport.
Al suo interno offre sfide e avventure per piccoli e grandi, con 9 strutture per arrampicata, 16 funivie poste tra gli alberi e un totale di 86 ostacoli immersi tra gli alti alberi.
I turisti più temerari si addentrano al suo interno alla ricerca di un’esperienza di parkour adatta ad ogni gusto.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0