Cosa vedere a Nicosia, la capitale dell’isola di Cipro

Conosciamo Nicosia, la meta turistica sempre più apprezzata e capoluogo di Cipro, l'unica capitale del mondo ad essere divisa in due parti e ad avere due nomi che la contraddistinguono. La prima, Nicosia, è sotto il controllo del governo cipriota mentre la seonda, Lefkosia, è gestita dal governo turco e all'interno della città esiste una vera e propria linea di confine, chiamata linea verde. Tante sono ad ogni modo le attrazioni da visitare, oltre alle spiagge e al mare che rappresenta la prima ragione di una vacanza a Cipro. Ecco cosa vedere a Nicosia, la capitale dell'isola di Cipro.

Cosa vedere a Nicosia, la città divisa in
due parti e con un secondo nome,
quello di Lefkosia

icona-articoloQuando si parla di cosa vedere a Nicosia parliamo inevitabilmente di  Cipro, la terza isola del Mar Mediterraneo per dimensioni e meta turistica sempre più visitata.
L’isola è nota per essere stata il luogo di nascita della Dea Afrodite e basta una passeggiata per l’isola per comprendere perché, nella mitologia, abbia proprio scelto questo luogo.

Cosa vedere a Nicosia

Lefkosia e Nicosia, le capitali di Cipro

Panorama di Lefkosia, Cipro

Lefkosia è la città più grande di tutta l’isola e questo nome non è il nome locale, come si potrebbe pensare. La città di Nicosia ha infatti una peculiarità che non ha eguali: è l’unica capitale del mondo divisa in due parti.

La zona più a sud della città è infatti politicamente associata alla Repubblica di Cipro.
La zona a nord, invece, è dal 1974 politicamente gestita dal governo turco. Quindi i ciprioti del sud chiamano Lefkosia la propria città ed i ciprioti del nord la chiamano invece Nicosia.

Nel mezzo della città troviamo quindi una recinzione militare, una frontiera a tutti gli effetti denominata linea verde che suddivide in due parti la capitale del Cipro.
La frontiera non ha niente a che vedere con le separazioni tipiche delle nazioni europee: qui troviamo proprio del filo spinato a suddividere la capitale. Dal 2008 l’accesso è meno complesso di una volta grazie ad una apertura dei confini in Ledra Street ma questo non garantisce un passaggio assicurato, lo agevola semplicemente.

Ledra Street

Nicosia, Ledra street

Ledra Street è la via principale della città, sopratutto dal punto di vista dello shopping.
Siamo in pieno centro storico e qui troviamo questa strada pedonale con l’unico accesso nella parte turca della capitale.

Passeggiando per Ledra Street avrete modo di visitare la torre di Shacolas con un osservatorio da dove ammirare tutta la città. Sempre da Ledra Street partono una serie di piccoli vicoli ricchi di storia e tradizione.

Eleftheria Square

Nicosia, Eleftheria Square

Dalla Ledra Street facile trovare la piazza principale di Nicosia, ovvero Eleftheria. E’ qui che avrete modo di vedere il Municipio della città ed è il principale centro politico di tutta Cipro.
Da qui partono le manifestazioni politiche ma anche tutte le principali rappresentazioni ufficiali dell’isola.
In italiano il nome può essere tradotto come Piazza Libertà.

Museo di Cipro

Il Museo Archeologico di Cipro

Sempre a poca distanza da via Ledra potrete visitare il Museo di Cipro, il più importante museo archeologico dell’intera nazione. Numerosi i reperti conservati dopo i tanti scavi avvenuti durante gli ultimi decenni.

Il palazzo del Museo di Cipro è stato aperto nel 1924 e i primi scavi sono invece iniziati intorno alla seconda metà dell’Ottocento. Grazie a questi scavi e alla mostra saremo in grado di conoscere la storia di tutta l’isola e la sua enorme eredità culturale.
Quattordici sono le stanze rappresentanti altrettanti periodi storici.
Il museo è aperto tutti i giorni tranne il lunedì.

Mura Veneziane

Nicosia, Mura Veneziane

Tra le cose da vedere a Nicosia, la capitale dell’isola di Cipro, non possono mancare le mura veneziane della città.

Siamo nella metà del 1500 quando gli ingegneri Barbaro e Savorgnano costruirono una fortezza tutto intorno la città. Il tutto era stato progettato come difesa, in special modo contro gli ottomani, che proprio in quegli anni erano soliti partire alla conquista di nuove città. Tuttavia lo sforzo si rese inutile: nel 1570 l’invasione avvenne comunque.

Delle mura veneziane di Nicosia oggi possiamo vedere 10 degli 11 bastioni all’epoca concepiti: 5 sono nella parte turca e 5 nella parte greca.

Porta Famagosta

Questa nota attrazione è proprio la porta militare di accesso delle Mura Veneziane al deposito delle munizioni.
Delle 3 porte di accesso solo Porta Famagosta ha conservato un fascino anche ai giorni nostri.
In precedenza questo accesso era chiamato Porta Giuliani proprio dal nome dell’ingegner Giulio Savorgnano, l’ideatore delle mura.
Recentemente ha subito un profondo restauro permettendo di mostrare l’interno della fortezza. Oggi è utilizzata come centro culturale ma anche per performance di artisti locali.

Laiki Geitonia

Il quartiere Laiki Geitonia di Nicosia

Siamo in una zona nella città vecchia di Nicosia dove troviamo questo quartiere ricco di stradine pedonali ricche di negozi con souvenir locali e tradizionali.

Vale assolutamente passeggiare in questi vicoli anche per trovare uno dei tantissimi ristoranti tradizionali di Cipro.

Moschea Selimiye

Nicosia, Moschea Selimiye

Nasce come cattedrale della chiesa cristiano ortodossa e viene convertita, a seguito della conquista ottomana, in moschea. Oggi è il vero simbolo della città nella zona turca.

L’edificio è sicuramente meritevole di una visita: la fusione di due strutture religiose hanno creato una struttura insolita ed affascinante.
Ai giorni nostri è ancora un luogo di culto attivo ma è possibile visitarla, sempre rispettando le regole del buon gusto in fatto di vestiario e con il capo coperto.

 

potrebbe interessarti:
Akamas, la penisola paradisiaca a Cipro

Museo Bizantino

Museo Bizantino, Nicosia

Tra le tante cose da visitare a Nicosia, la capitale dell’isola di Cipro, merita una visita il Museo Bizantino, la cui sede è all’interno della Fondazione Culturale Makarios.
Dentro il museo è possibile vedere la collezione più ricca e rappresentativa dell’arte bizantina dell’isola. Troviamo infatti circa 230 icone che rappresentano il periodo tra il IX al XIX secolo oltre a vasi sacri o libri.

Da non perdere i famosi mosaici risalenti al VI secolo che hanno una storia interessante. Sono infatti stati asportati dalla chiesa di Kanakaria, venduti all’estero, e quindi ulteriormente recuperati. Il furto è avvenuto nel 1974, poco dopo l’installazione dei turchi, e ritrovati solo nel 1991 a seguito di operazioni di polizia estremamente strategiche.

Nicosia è quindi una capitale che merita assolutamente una visita.

Nonostante le spiagge ed il mare rendano sempre più convincente una vacanza a Cipro, è proprio nella capitale che troverete la vera cultura cipriota.
Sarà una pausa interessante dalla zona costiera considerando sopratutto che il turismo qua è meno attivo rispetto alle zone di mare.
Passeggiate, siate curiosi e cercate di entrare nella tradizione locale sia bevendo un caffè o mangiando una veloce insalata nelle taverne locali.

Scopri di più:

Kyrenia, la città sul mare di Cipro Nord
Quando visitare Cipro?

 

Condividi su: