Condividi su:

Cosa vedere a Murano,
l’isola del vetro

Tutti gli articoli della provincia di Venezia

icona-articoloPiù che un'isola, Murano è una serie di isolotti connessi fra loro da diversi ponti. Siamo a nord di ⇒ Venezia dove Murano, dal 1291, ha racchiuso l'intera produzione del vetro, spostata dal capoluogo come prevenzione di possibili incendi nel territorio di Venezia. La sua posizione, a breve distanza dal centro storico del capoluogo veneto, la rende una delle escursioni più praticate. Per visitare Murano sarà infatti sufficiente prendere un vaporetto pubblico che in una decina di minuti porteranno a destinazione.

Una volta raggiunta, Murano offrirà ai suoi visitatori una serie di botteghe artigianali in grado di mostrare come avviene la lavorazione del vetro. Qui vivono circa 4.000 abitanti che si contendono un territorio piuttosto piccolo, circa 1,5 km di diametro con un numero mediamente superiore di oltre 10 volte di turisti.
Pronti a scoprire cosa vedere a Murano?

 

Cenni storici

Cosa vedere a Murano, tipico palazzo storico
Palazzo storico in stile gotico veneziano a Murano

Murano fu fondata probabilmente in epoca barbara prima di diventare uno dei quartieri di Altino, la città romana che si trasferì dalla terraferma per fuggire dagli Unni.

Le prime notizie documentate la vedono annessa a Venezia, nell'840, quando la città prosperava come porto di pesca e con la sua produzione di sale, commercializzato attraverso il porto di Sant'Erasmo. Nel secolo XI, Murano vide un primo importante declino, contemporaneo allo spostamento degli abitanti verso Dorsoduro, il Sestiere di Venezia, che oggi ospita i principali musei della città.

Nel 1291 Venezia emise una legge allo scopo di prevenire possibili incendi e spostò tutte le fornaci. Era contemporaneamente una tutela alla produzione, un modo per evitare che si potessero facilmente scoprire i segreti della lavorazione del vetro. La legge imponeva, tra l'altro, l'assoluto divieto ai mastri vetrai di lasciare Murano. Qualora questo fosse avvenuto, l'intera famiglia sarebbe stata posta in stato di arresto fino al rientro del fuggitivo. In molti scelsero comunque di lasciare Murano trasferendosi in varie località e poter godere di una maggiore esclusività e quindi una offerta economica decisamente più interessante.

Nel XVI secolo, Murano era diventata una città del tutto autosufficiente e gli edifici qua costruiti rivaleggiavano spesso con quelli del capoluogo.

Dopo due secoli tuttavia anche Murano seguì la sorte di Venezia, entrando in profondo declino. La produzione del vetro non venne tuttavia mai rallentata e solo in pochi furono costretti a occuparsi di altre attività, come la coltivazione dei frutteti, grazie a un territorio piuttosto fertile. Nel XIX secolo anche questi terreni vennero tuttavia edificati, trasformandoli in laboratori per la lavorazione del vetro.

 

Museo Correr, l’esposizione perfetta per conoscere Venezia
Museo Correr, la guida al Museo di Venezia posto nella meravigliosa Piazza San Marco, uno tra gli 11 edifici gestiti dalla Fondazione Musei Civici di...

I mastri vetrai di Murano

Cosa vedere a Murano, i vetri tradizionali
Vetri tradizionali nel centro storico di Murano

Coloro che scelsero di proseguire la loro attività a Murano sapevano di potersi fregiare di un simbolo di eccellenza riconosciuta ovunque nel mondo. Erano loro infatti che possedevano il monopolio sui manufatti in vetro di alta qualità. Tra queste sono incluse quelle del vetro cristallino, del vetro smaltato, del vetro con lamelle dorate, vetro multicolore, vetro opaco bianco, e gemme d'imitazione fatte in vetro.

Oggi gli artigiani di Murano impiegano ancora queste tecniche antiche di secoli, creando ogni genere di oggetti. Dal vetro d'arte contemporaneo a bigiotteria in vetro, dai candelabri in vetro di Murano ai tappi per le bottiglie di vino. Basterà passeggiare tra i vicoli per scoprire decine di botteghe tutte pronte a mostrarvi le pregevoli creazioni, tra le principali ragioni per visitare Murano.

 

Cosa vedere a Venezia, la città più ambita del mondo
Benvenuti a Venezia, la città indimenticabile tra le più frequentate al mondo. Tra le cose da vedere a Venezia segnaliamo la Piazza San Marco...

Cosa vedere a Murano

Cosa vedere a Murano, il Canal Grande
Veduta sul Canal Grande di Murano

Sono sette gli isolotti che compongono Murano, ognuno raggiungibile attraverso un sistema di ponti.

Ognuno ha le sue botteghe artigianali e visitarle senza fretta richiederà non più di qualche ora. Meglio, qualora abbiate poco tempo a disposizione, iniziare di mattino, in modo da poter valutare come proseguire la vostra giornata o scegliere di approfondire con calma qualche particolare attrazione.

Scendete dal vaporetto alla fermata di Murano Colonna e da qua iniziate subito a scoprire le cose da vedere a Murano, partendo dalla Colonna Romana in granito che una volta era posizionata poco distante, nel rio dei Vetrai. Prendetela come riferimento perché da qua potrete velocemente imboccare proprio il rio dei Vetrai, un canale che ospita diversi laboratori artigianali e che, circa a metà, ospita un'altra attrazione, la Colonna del Bando, posta all'ingresso del Ponte de Mezo. La riconoscerete facilmente anche per la presenza, sull'apice, della statua del Leone di San Marco.

Attraversiamo proprio il Ponte de Mezo e raggiungiamo l’isola di Santo Stefano. Qui si potrà ammirare, purtroppo solo esternamente, l'Oratorio ex ospizio Briati. La struttura venne realizzata nel Settecento, durante il periodo di declino di Venezia e delle isole, per ospitare le vedove di Murano, in modo da dare loro conforto e aiuto economico.

 

Faro di Murano

Cosa vedere a Murano, il faro
Il faro di Murano

Rimaniamo sull'isola di Santo Stefano per dirigersi verso la parte più a est dell'isola, dove ha sede il Faro di Murano.

La sua storia risale al 1912 quando venne realizzato con tanto di alloggio per il guardiano che aveva l'unico scopo di accendere una lampada ad olio in cima al faro. Questo che invece oggi possiamo ammirare risale al 1934, interamente in pietra rispetto al precedente, che invece era realizzato in ferro e che per illuminare la costa utilizzava il fuoco vivo. Con il nuovo faro si scelse di passare all’illuminazione a gas.

Dagli anni Sessanta il gas è stato sostituito dalla più semplice energia elettrica e per vederlo in funzione dovrete attendere il tramonto, quando si illumina ogni sei secondi con un segnale bianco, ben visibile da lontano. Non visitabile al suo interno, il Faro di Murano è alto 35 metri e alla sua base noterete, come protezione, una serie di grandi massi in pietra.

 

Le terme in Veneto, una giornata di totale relax
Terme in Veneto: quali stabilimenti termali visitare nella regione con il maggior numero di centri termali in Italia, per godersi una giornata di completo relax...

Chiesa di San Pietro Martire

Cosa vedere a Murano, la chiesa di San Pietro Martire
La chiesa di San Pietro Martire di Murano

Ripercorriamo il Ponte de Mezo e torniamo verso il rio dei Vetrai dove si potrà proseguire la passeggiata per scoprire le cose da vedere a Murano.

Qui ha sede la chiesa omonima dell'isola di San Pietro, la Chiesa di San Pietro Martire, uno storico edificio inizialmente realizzato nel 1348 contemporaneamente a un convento di padri domenicani. Nel 1474 uno dei tanti incendi la rase al suolo e venne ricostruita solo nel 1511 come oggi appare. Facilmente riconoscibile per la sua facciata suddivisa in tre parti e con una struttura in mattoni, il suo interno è composto da tre navate e merita ammirare il presbiterio dove a fianco sono presenti due cappelle. Le due navate laterali propongono diverse opere tra cui il Battesimo di Cristo, attribuito al Tintoretto, posto su quella di destra.

Una volta usciti date uno sguardo al lato di sinistra della chiesa, dove troverete un porticato con archi in stile gotico. Si tratta di quanto rimane della Chiesa di Santa Chiara. Completate la visita con uno sguardo al campanile, realizzato agli inizi del Cinquecento.

 

Montagnana, il borgo medievale in provincia di Padova
Cosa vedere a Montagnana, il borgo medievale nella provincia di Padova visibile da lontano grazie alle possenti mura che lo circondano con un perimetro di...

Il Museo del Vetro a Palazzo Giustinian

Cosa vedere a Murano, il Museo del Vetro
Tradizionali vetri veneziani nel Museo del Vetro di Murano, Venezia

Dopo aver visitato la Chiesa di San Pietro Martire raggiungiamo, attraverso il ponte che conduce a Riva Longa, l'isola di San Donato.

Qui velocemente troverete un meraviglioso edificio in stile gotico, il Palazzo Giustinian, un tempo dimora del vescovo di Torcello Marco Giustinian, da cui prende il suo nome.

Palazzo Giustinian è noto per essere la sede del → Museo del Vetro, una esposizione che vi aiuterà a comprendere la ragione del prestigio di Murano. Il Museo ha una antica storia, fondato nel 1861 e che già dall'anno successivo ospitava una scuola per vetrai. Oggi il Museo offre una panoramica di oltre 7 secoli di produzione con esempi di manufatti vitrei dai tempi egizi fino al giorno d'oggi.

La sua apertura è quotidiana dalle 10 alle 18 con ultimo ingresso un'ora prima della chiusura. Il costo del biglietto è di 10 € con ingresso ridotto per i giovani e studenti a 7,50€. Disponibile anche una audioguida al costo di 4 €.

 

La storia del Ponte di Rialto a Venezia
Ponte di Rialto a Venezia, un ponte storico il cui precedente nome era Ponte della Moneta e che oggi richiama turisti da...

Basilica di Santa Maria e Donato,
il Duomo di Murano

Cosa vedere a Murano, la Basilica di Santa Maria e Donato
Veduta sulla Basilica di Santa Maria e Donato (Duomo di Murano)

Non allontaniamoci di troppo dal Museo del Vetro per raggiungere il prossimo tra gli edifici da vedere a Murano.

Siamo di fronte al Duomo di Murano, intitolato ai SS. Maria e Donato, in quello che è tra gli edifici più interessanti in stile veneto-bizantino della Laguna. La sua costruzione risale al VII secolo e in un primo momento era dedicato unicamente a Santa Maria. Solo nel 1125 venne aggiunto il titolo di San Donato, a seguito del trasporto da Cefalonia della salma del santo al suo interno.

Da non perdere la meravigliosa facciata principale, di origine ravennate, mentre all'interno la Basilica è a tre navate con un pavimento a mosaico che richiama quello di San Marco.

 

La Basilica dei Frari, un gioiello di Venezia
Cosa vedere alla Basilica dei Frari, un gioiello di Venezia, il complesso religioso dedicato all'Assunzione di Maria e secondo solo alla Basilica di San Marco...

Santa Maria degli Angeli

Cosa vedere a Murano, la Chiesa di Santa Maria degli Angeli
La Chiesa di Santa Maria degli Angeli di Murano vista dal Canal Grande

Rimaniamo sempre sull’isola di San Donato per raggiungere la prossima tra le cose da vedere a Murano, la Chiesa di Santa Maria degli Angeli.

La sua costruzione risale al 1188 ma venne ricostruita, e consacrata, tempo dopo, nel XVI secolo. Estremamente nota, grazie a una bolla papale che la volle unita alla chiesa di Santa Maria di Piave di Lovadina, venne visitata anche dal re di Francia Enrico III. Nonostante una prosperità cosi importante, nel 1848 venne chiusa e alcune delle opere qua conservate trasferite. Alla sua riapertura, 15 anni dopo, nulla di ciò che aveva reso l'edificio ecclesiastico importante rimase e oggi il suo interno non è visitabile se non su appuntamento.

Il Monastero di San Michele

Cosa vedere a Murano, il Monastero di San Michele
Veduta sul Monastero di San Michele di Murano

Proseguiamo la nostra passeggiata a Murano per raggiungere ora l'isola di San Michele dove poter ammirare l'ex Monastero di San Michele, in passato noto luogo di apprendimento e di divulgazione per la stampa e principale attrazione religiosa.

Il famoso cartografo Fra Mauro, le cui mappe furono essenziali per l'esplorazione europea, fu proprio un monaco in questa comunità. Il monastero fu soppresso nel 1810 dalle forze francesi sotto Napoleone, durante la loro corsa per la conquista della penisola italiana, e i monaci furono espulsi nel 1814.
Il terreno poi venne trasformato nel più grande cimitero di Venezia e oggi rappresenta una delle cose da vedere a Murano per le sue origini.

 

Cosa vedere a Portogruaro
Portogruaro, la cittadina situata a pochi passi dal Friuli, ma ancora in territorio veneto. Tra le cose da vedere a Potogruaro segnaliamo...

Palazzo da Mula

Cosa vedere a Murano, il Palazzo da Mula
Facciata del Palazzo da Mula a Murano, Venezia

Un meraviglioso palazzo che racconta la tipica architettura gotica veneziana è la nostra prossima e conclusiva tappa.

Dall'aspetto cinquecentesco, la struttura ha avuto origine nel XII secolo e restaurato più volte nel corso dei secoli. Siamo di fronte al Palazzo da Mula, uno tra gli edifici più grandi affacciato sul canale più ampio dell'isola di Murano e in passato dimora di numerosi nobili veneziani. Il Palazzo è intitolato ai Da Mula, famiglia di origine istriana che più di altre visse in questo edificio, prima di lasciarlo ai successivi nobili.

Dopo essere stato a lungo adibito a dimora, nel 1822 venne parzialmente adibito a struttura commerciale, in un secondo tempo, alla produzione del vetro artistico. Dopo essere stato restaurato, l'edificio è diventato di proprietà dell'amministrazione comunale che oggi lo occupa per alcuni uffici amministrativi e anagrafici, oltre a lasciare alcune aree per mostre e altre attività culturali. Merita osservare al suo interno il meraviglioso giardino e un cortile, due elementi che proprio a causa della struttura urbana erano davvero molto rari in questa città costruita interamente sul mare.

 

Continua a scoprire Venezia:


 

Advertisement
Condividi su: