Cosa vedere a Macerata, la destinazione da rivalutare

Cosa vedere a Macerata, la destinazione da rivalutare


Condividi su:

Cosa vedere a Macerata

Tutti gli articoli della provincia di Macerata
Cosa vedere a Macerata, mappa
© Yandex maps

icona-articoloMacerata è una città delle Marche abitata da poco più di 40.000 residenti. Il suo territorio si estende 2.774 km quadrati tra la provincia di Ancona, suo confine di nord e le città di Perugia, a ovest, e Ascoli Piceno a sud. A est la provincia di Macerata confina con il Mare Adriatico. La città è posta su un colle, a 314 metri di altitudine, da dove è possibile ammirare un panorama che è caratterizzato da ampie vallate verdi fino ad arrivare con lo sguardo alle spiagge del litorale.

La città è caratterizzata da una struttura urbana di origine medievale, dolcemente contornata dalle colline. Il simbolo della città è l’Arena Sferisterio, il teatro all’aperto che rientra indubbiamente tra le prime cose da visitare a Macerata. Macerata è anche celebre per essere la città universitaria tra le più antiche in Europa, difatti la sua università risale al 1290. Tra i palazzi color miele e i piccoli viali acciottolati Macerata è descrivibile come una tra le più interessanti destinazioni centro-italiane. Dale sue spiagge si sale invece lungo le due vallate dei fiumi Potenza e Chienti oppure, in alternativa, lungo le dolci colline che conducono ai monti dell’Appennino. Pronti a scoprire cosa vedere a Macerata?

 

Cenni storici

Le origini di Macerata risalgno al 1138 quando due centri abitati, quello di Castrum Maceratae e di Podium Sancti Juliani decisero di unirsi creando il comune di Macerata. I secoli immediatamente successivi videro il comune essere proclamato Città ospitando una sede vescovile. Governata dagli Sforza dal 1432 al 1444, Macerata vide un cambio importante della sua normale autonomia, periodo che si concluse con il passaggio nuovamente al gorverno pontificio. In questo periodo la città ottenne di diventare sede permanente della Corte Generale del rettore della Santa Sede e in questo modo uno dei capoluoghi della Marca Anconetana.

Il secolo successivo Macerata fu suo malgrado coinvolta nell’epidemia di peste e per scongiurarla i suoi abitanti realizzarono una piccola cappella dedicata alla Madonna, successivamente ricostruita nel XVIII per opera del Vanvitelli. Nello stesso periodo vennero eretti nuovi importanti monumenti come la piazza del Duomo, la Cattedrale e anche l’inizio della costruzione della Torre Civica. Nel XVI secolo venne inaugurata la sede universitaria e la realizzazione della Piazza della Libertà, oltre che altri importanti adeguamenti architettonici come il completamento della cinta muraria.

Dopo tanto sviluppo, i secoli successivi furono di arresto e di regressione, vedendosi privata da Roma del potere, incentrato unicamente nella capitale. La nobiltà locale, non potendo più esercitare alcun potere, scelse di mettersi in mostra realizzando residenze sempre più lussuose, tra cui merita citare il Palazzo Buonaccorsi. L’arrivo di Napoleone portò episodi di violenza ovunque da cui derivò la proclamazione della Repubblica Romana con Macerata capoluogo del dipartimento del Musone. Nel XIX secolo la città, nel tentativo di ribellione, tornò a essere nuovamente governata dalla Chiesa fino al 1860, anno in cui entrò a far parte del Regno d’Italia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Guida di Porto Recanati, la località balneare ai piedi del Monte Conero

Cosa vedere a Macerata

Dall’alto della sua collina dal quale domina due valli, Macerata è una delle città più nobili e antiche delle Marche, una meta dove storia e cultura riescono sublimente a fondersi per dare origine a un centro storico caratterizzato da musei, chiese e tante ricche testimonianze del passato. Per visitare con relativa calma Macerata, senza perdere qualcosa di fondamentale, è sufficiente una giornata ma se il tempo ve lo permette allungate e approfittate per vedere anche i suoi dintorni, altrettanto pregevoli. Pronti quindi a scoprire cosa vedere a Macerata?

 

Numero 1 (uno) OneMagLo sferisterio

Cosa vedere a Macerata, lo SferisterioNel cuore della città marchigiana di Macerata si trova la meravigliosa Arena Sferisterio. Progettata dall’architetto Ireneo Aleandri, l’Arena si presenta in stile neoclassico, tipico del XIX secolo. Inaugurata nel 1829 dopo sei anni di lavoro, l’Arena …

Leggi di più


Numero 2 (due) OneMag

Piazza della Libertà

Cosa vedere a Macerata, Piazza della Libertà

Raggiungendo il centro storico di Macerata, splendida città capoluogo dell’omonimo capoluogo marchigiano, è possibile visitare la Piazza della Libertà. Principale piazza cittadina, su Piazza della Libertà di Macerata si affacciano numerosi edifici e monumenti storici …

Leggi di più


Numero 3 (tre) OneMag

La Torre Civica

La Torre Civica è il principale edificio monumentale di Macerata, sul lato meridionale dell’ampia Piazza della Libertà, che si erge per oltre 60 metri d’altezza…

Leggi di più

 


Numero 4 (quattro) OneMag

Musei di Macerata

Recandosi nel cuore della città di Macerata è possibile il Palazzo Buonaccorsi. In questo palazzo settecentesco, costruito per il volere dell’omonima famiglia in coincidenza all’investitura a conte di …

Leggi di più


Quando visitare Macerata

Con un clima suddiviso tra continentale e mediterraneo, Macerata subisce la maggiore influenza dal mare, posto a una trentina di km di distanza. Tuttavia è la sua altitudine, seppur modesta e la presenza dei rilievi appenninici a determinare la metereologia della città.

Per questa ragione Macerata ha un clima invernale freddo, caratterizzato da frequenti piogge e anche la neve, pur saltuaria, ogni tanto fa capolino sulla città. In autunno e in primavera troviamo ulteriori giornate di pioggia ma le temperature sono quasi sempre gradevoli. Nel periodo estivo è sempre piuttosto calda e soleggiata con alcune giornate anche di caldo molto intenso, superiori ai 40°C ma nonostante ciò con episodi di afa piuttosto infrequenti. Anche nel periodo estivo possono verificarsi temporali, specie nel tardo pomeriggio/sera ma generalmente di breve intensità.

 

  Visitiamo Montecassiano, il piccolo borgo medievale di Macerata

Come raggiungere Macerata

Macerata è collegata dall’autostrada A14 che collega Bologna con Taranto dall’uscita Macerata-Civitanova Marche. In treno la fermata è quella di Civitanova Marche sulla linea ferroviaria Milano-Lecce, quindi con un bus oppure con un treno locale. I bus che coprono la tratta di Macerata sono numerosi e dalle principali città, come Roma e Firenze, troverete numerose linee. Dalla Capitale la città di Macerata è coperta, tra l’altro, dalla linea Roma-Marche Spa. L’aeroporto più vicino è quello di Falconara Marittina, Ancora, da cui poi si potrà proseguire con i numerosi bus in partenza o con treni regionali.

 

 

 

 

Condividi su: