0
Condividi su:

La guida di Enkhuizen in Olanda

icona-articoloCi troviamo ad Enkhuizen, una città  dell’Olanda settentrionale bagnata dal lago IJsselmeer. Nonostante la bassa densità di popolazione, si parla di 18.383 abitanti in oltre 115 km², questo centro abitato presenta numerose attrazioni tra cui un parco di divertimento e lo Zuiderzeemuseum, uno dei migliori musei del Paese.

La città nasce come piccolo insediamento sulla costa del IJsselmeer. Successivamente nel XVII secolo, il Secolo d’Oro olandese, ebbe un forte sviluppo grazie alla posizione strategica sulla costa. Infatti a quando non cadde in rovina nel XV secolo, la città si arricchì ospitando le numerose navi mercantili di passaggio.

Oggi Enkhuizen è tornata fiorente grazie al turismo dovuto alle sue innumerevoli attrazioni e il suo porto ospita una delle maggiori flotte del IJsselmeer.

Cosa vedere a Enkhuizen

Museo Zuiderzee

Cosa vedere a Enkhuizen

Una delle maggiori attrazioni della città è il Museo Zuiderzee. Questo complesso museale è stato costruito nel 1983 in due spazi separati con lo scopo di illustrare la vita nella città e il suo sviluppo tra l’800 e il ‘900.

La prima sezione del museo, il Buitenmuseum, si traduce in “museo all’aperto” e presenta un’accuratissima ricostruzione di un villaggio risalente al 1880. La seconda sezione invece è il Binnenmuseum, o “museo al coperto” e offre mostre sull’agricoltura, la navigazione e la pesca con il loro sviluppo e le loro innovazioni.

– Buitenmuseum, il museo all’aperto

Cosa vedere a Enkhuizen

Come anticipato, il Buitenmuseum è un museo all’aperto che ospita la ricostruzione di un villaggio del Zuiderzee, un antico golfo nei Paesi Bassi.

Il museo è stato costruito prestando un’estrema cura nei dettagli, come dimostrano le decorazioni in cima alle staccionate fino scelta delle piante. Per ricostruire il villaggio sono state trasportate tramite autocarri case, capanni e fattorie da tutta la regione e risalenti ad un periodo che va dal 1880 al 1932.

All’interno del villaggio ci si orienta grazie ad una guida illustrata e tutti i personaggi indossano gli abiti tipici della mansione nel passato.

Nonostante l’accostamento di strutture provenienti da luoghi totalmente diversi, come le fornaci in calce accostate alle case a schiera, la città mantiene una sua armonia. Inoltre gli artigiani per tutta la giornata proporranno dimostrazioni sui metodi del loro lavoro nel passato.

E’ infine presente il Marker Haven, una ricostruzione di un porto del 1830 dove è presente un campo giochi.

– Binnenmuseum, il museo al coperto

Cosa vedere a Enkhuizen

A soli 300 metri di distanza dal Buitenmuseum si trova il Binnenmuseum, il museo al coperto.

La mostra sorge su un’antica abitazione fornita di magazzino, appartenente probabilmente ad uno spedizioniere olandese. All’interno sono presenti diverse sale allestite con dipinti, stampe e documenti che raccontano lo sviluppo della pesca e dell’agricoltura nella città.

Sono anche presenti documenti riguardanti la costruzione delle dighe che delimitano il lago IJsselmeer, assieme a collezioni che mostrano costumi, porcellane, argenti e gioielli a dimostrazione della ricchezza raggiunta nel Secolo d’Oro.

Drommedaris

Cosa vedere a Enkhuizen

Situata vicino al vecchio porto, il Drommedaris è stata una torre difensiva appartenente all’antica cinta muraria della città.
La torre è stata costruita nel 1540 e sorgeva accanto all’entrata sud della città. La sua funzione inizialmente era di difendere e supervisionare l’ingresso a Enkhuizen ed al suo porto, mentre successivamente divenne una temibile prigione di stato.

La forma attuale dell’edificio è dovuta alla ristrutturazione avvenuta nel XVII secolo che però ha mantenuto i muri in mattoni con particolari in pietra caratteristici della torre. Un’altro dettaglio da notare è il carillon presente nella torre e formato da 44 campane che ancora oggi suona ad ogni ora.

Oggi la torre è usata come centro culturale ed offre un cinema, sale con concerti e spettacoli teatrali ed, infine, una caffetteria.

Museo Flessenscheepjes, il Museo delle Navi in Bottiglia

Enkhulzen il Museo Flessenscheepjes

Istituito nel novembre del 1991, il Museo Flessenscheepjes contiene la più ampia collezione di navi in bottiglia di tutto il mondo.

All’interno del piccolo museo sono infatti custodite oltre 1000 navi in bottiglia, con i più svariati tipi di imbarcazioni. Tra questi esemplari sono presenti navi in bottiglia risalenti quasi a 750 anni fa.
Nel museo sono anche presenti mostre a tema che espongono diverse tipologie di imbarcazioni e presentazioni video che illustrano il processo di creazione di questi oggetti
.

Sprookjeswonderland

Passando ora al divertimento dei più piccoli, la città ospita lo Sprookjeswonderland. Questo parco a tema offre splendide passeggiate in mezzo ad attrazioni ambientate nelle più celebri fiabe.
Qui infatti potremo trovare zone per i bambini allestite come nella fiabe di Biancaneve, Hansel e Gretel, la Bella Addormentata e tante altre. Assieme a queste sono anche presenti animali vivi, come caprette, cigni, lama e e pesci con cui è possibile interagire.
Nel parco è inoltre presente una zona pic-nic e un ristorante.

OneMag-logo
Cosa vedere ad Amsterdam, la guida completa

Waag

Enkhuizen, Waag

Tornando ora alla realtà, e precisamente quella del Rinascimento, ad Enkhuizen è presente il Waag.
Questo edificio nato nel XVI secolo è conosciuto per aver ospitato in passato la pesa pubblica della città. La struttura è stata conservata fino ad oggi col suo aspetto rinascimentale tipico del nord dei Paesi Bassi.
Oltre a questa dal 1636 era presenta anche una sala operatoria nel primo piano dell’edificio assieme alla sala riunioni e l’aula dei chirurghi.

OneMag - Logo Micro
Monnickendam, l’antica località portuale olandese

Chiesa di Westerkerk

Enkhuizen, la chiesa Westerkerk

L’ultima attrazione che si consiglia di visitare a Enkhuizen è la chiesa in stile gotico di Westerkerk. Questa chiesa protestante è infatti la più grande costruita nell’attuale Olanda e risale al XV secolo.

La costruzione dell’edificio iniziò nel 1620 e finì nel 1631, seguendo il progetto di Hendrick de Keyser. La pianta è rettangolare e l’imponente struttura raggiunge i 27 metri di altezza. Tra gli elementi che distinguono questa chiesa spiccano i 36 finestroni che ne illuminano le pareti bianche all’interno.

Gli interni sono caratterizzati da colonne, archi, scanalature e la struttura portante in pietra arenaria dipinta di grigio scuro. La chiesa presenta 3 navate coperte da volte a botte in quella centrale e da volte a vela nelle laterali. Vale la pena di dare uno sguardo anche all’elaborato tramezzo del coro e all’imponente pulpito.

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0