Cosa vedere a Colico e dintorni

Cosa vedere a Colico e dintorni


Condividi su:

Cosa vedere a Colico, la cittadina nella
provincia di Lecco

Tutti gli articoli della provincia di Lecco
Cosa vedere a Colico, mappa
© Yandex maps

icona-articoloColico è una piccola cittadina situata sulle sponde del lago di Como nella provincia di Lecco. Siamo in una cittadina lacustre che nel periodo estivo attira numerosi turisti affascinati dalla zona, quella che di fatto rappresenta l’ultimo comune della provincia di Lecco sulla sponda orientale del lago di Como. Colico si trova vicino al Monte Legnone, nel complesso alpino delle Orobie e sovrasta il paesino con i suoi quasi 2700 metri di altitudine. La città è storicamente legata alla provincia di Como e per questo motivo appartiene infatti alla stessa diocesi, quella lariana.

 

Cosa vedere a Colico

Cosa vedere a Colico, l'Abbazia Cistercense di Santa Maria di Piona
L’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Piona

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Colico dall’Abbazia Cistercense di Santa Maria di Piona. Questo gioiello nascosto si trova sulla piccola lingua di terra che va a picco nel lago. L’Abbazia attualmente è abitata dai monaci cistercensi ma è possibile ammirarla dopo aver percorso la stradina boschiva dove si possono anche incontrare i caprioli ed i daini. La costruzione di questa meraviglia risale al XII secolo. All’interno del complesso si trova la chiesa di San Nicola che è il punto centrale dell’Abbazia, il chiostro quadrangolare con influenze gotiche, che ci accoglie con le statue dei due leoni. Per avere la propria autonomia economica i monaci oggi producono i liquori a base di erbe locali acquistabili sul posto durante la visita.

Altra attrazione turistica è sicuramente il → Forte Montecchio Nord.Qui possiamo osservare una delle opere più grandi della Frontiera Nord del Regno d’Italia. L’imponente struttura conserva all’interno gallerie, bunker ed i passaggi dell’epoca del presidio sulle vie d’accesso alla Pianura Padana. La terrazza che conserva i cannoni offre la vista spettacolare sul lago di Como.

Per rilassarsi merita trascorrere qualche ora nella spiaggia di Colico, raggiungibile a poca distanza dal lungolago. E’ il luogo ideale dove ammirare il lago di Como in uno spazio lungo e caratterizzato da un tappeto erboso. Qui si potrà anche praticare kitesurf, uno tra gli sport preferiti dai giovani del luogo.

I consigli delle nostre guide

OneMag - Guide / Esperti |Elisa Giorgia Manfredoni
Elisa Giorgia Manfredoni

Un tuffo nell’affascinante rinascimento nei luoghi manzoniani per eccellenza: quelli sparsi nella città di Lecco. La città di Lecco vanta un passato notevole ed è stata al centro della narrativa del celeberrimo romanzo de I Promessi Sposi, che noi tutti conosciamo. Rivivere, passo dopo passo, le stesse strade vissute da Manzoni è un’esperienza indescrivibile. Un vero e proprio museo a cielo aperto!

I dintorni di Colico

La discesa all’Orrido di Bellano



Non lontano da Colico, in direzione Varenna, troviamo il Castello di Corenno Plinio, nel comune di Dervio. La costruzione del edificio risale al 14° secolo ed è un tipico esempio di castello-recinto. La cinta muraria del castello è irregolare coronata da merli e costruita sulla roccia scoscesa.

Proseguendo verso Bellano troviamo una gola naturale che si è formata circa 15 milioni d’anni fa. L’Orrido di Bellano -nome del dirupo- può essere percorso a piedi con visite guidate della durata di 30 minuti circa.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cosa vedere a Montevecchia e nel suo famoso Santuario

Il percorso è costituito dal passaggio a base di listarelle di legno aggrappate alle rocce dell’orrido. E’ da qui che si gode il panorama mozzafiato sulle selvagge cascate che nel tempo hanno creato questa meraviglia della natura. Nei secoli passati qui si trovavano le infrastrutture per la lavorazione dei minerali e le filande.

Per finire la visita del circondario merita uno strappo alla Casa del Diavolo che è situata all’entrata dell’Orrido di Bellano. E’ una torretta esagonale di quattro piani costruita proprio su uno dei speroni rocciosi del fiume e decorata con le raffigurazioni demoniache su tutta la facciata. A causa della struttura non propriamente stabile la Casa del Diavolo, purtroppo, non è accessibile al pubblico.

Ultimo aggiornamento 25 agosto 2021


 

Condividi su: