Cosa vedere a Cavallino Treporti, Venezia

Cosa vedere a Cavallino-Treporti, Venezia | La seconda località balneare d’Italia


Condividi su:

Cosa vedere a Cavallino-Treporti

Leggi tutti gli articoli della Città Metropolitana di Venezia

Mappa di Cavallino-Treporti, Venezia

Icona articolo onemagImmersa completamente nella Laguna Veneta, Cavallino-Treporti è un’importante località balneare in provincia di Venezia, un comune sparso che oggi conta poco più di 13 mila abitanti. La località, in termini amministrativi, è di recente costituzione, dato che fino al 1999 l’area apparteneva al comune di Venezia. La località è suddivisa in tante frazioni sparse, due delle quali compongono il toponimo cittadino. Tuttavia, il capoluogo municipale è posto nella località di Ca’ Savio.

Cavallino-Treporti è la sesta località per numero di presenze in Italia, oltre 6 milioni di turisti annui registrati, dato che la pone al secondo posto tra le mete balneari in tutto il paese. L’alto numero di presenze è derivato dall’ottima offerta turistica data da Cavallino-Treporti, che unisce attività outdoor alla balneazione, il tutto in contesto di slow tourism, sempre più in voga tra i comuni minori d’Italia.

In realtà, i turisti che si recano a Cavallino-Treporti sono di prevalenza stranieri, perlopiù da Germania, Austria e Danimarca. Lungo lo splendido litorale, molto ampio e di fine sabbia dorata, ospita circa 30 tra villaggi e campeggi, alcuni dei quali tra i più grandi d’Europa, al contrario degli hotel, che generalmente sono di dimensioni ridotte.

A completare l’offerta di ricezione turistica vi sono numerose case e appartamenti messe a disposizione per la locazione estiva. Il tutto, sommato insieme, ha permesso di rendere Cavallino-Treporti una vera e propria punta di diamante del turismo balneare in Italia.

Piccola nota molto importante da tenere conto, Cavallino Treporti è dal 2006 che ininterrottamente, ogni anno, ha ricevuto il premio di Bandiera Blu, riconoscimento assegnato a quelle località che si riescono a distinguere per la qualità delle spiagge e della balneazione.

Cenni storici

Spiaggia di Cavallino-Treporti
Visuale sulla spiaggia di Cavallino-Treporti, in provincia di Venezia

Come anticipato, le origini di Cavallino-Treporti come comune indipendente sono recenti.
Tuttavia, il sito appartiene a un insediamento millenario, esistente sin dall’Impero Romano. Grazie a scavi archeologici presso il borgo lagunare di Lio Piccolo, sono state rinvenute due case patrizie d’epoca romana. Tuttavia, il periodo romano per questa zona non rappresentò un’epoca florida. Occorse attendere l’arrivo del dominio della Repubblica della Serenissima per vedere lo sviluppo di un insediamento di buon livello.

Basta anche solo vedere la cartina geografica per denotare la morfologia molto particolare di Cavallino-Treporti e della sua penisola. Ai tempi, infatti, il territorio era molto diverso, composto dalle Isole Treportine, rispettivamente quelle di Lio Piccolo, Mesole, Saccagnana e l’attuale centro di Cavallino Treporti, ai tempi nota come Isola della Chiesa.
Già nel XVI secolo le Isole Treportine erano state delineate come centro abitativo unificato, sebbene l’acqua ancora le raffigurava separate tra loro. Un forte cambiamento arrivò solo al tramontare della Serenissima, nel XIX secolo, quando l’area della località raggiunse un rilevante livello socio-economico, ma anche politico, con la sua forte vocazione rurale, incentrata sull’agricoltura e l’allevamento.

Nei primi anni del secolo scorso furono messe in atto consistenti opere di bonifica, a cui si aggiunsero con le guerre mondiali anche strutture militari fortificate. A partire dagli anni ’30 la vocazione agricola si affermò ulteriormente, venendo però affiancata dal primo sviluppo nell’industria del turismo. Gli anni ’50, invece, portarono alla zona eccellenti campeggi a cinque stelle ben attrezzati, rendendo Cavallino Treporti, la prima località europea per il turismo en plein-air.

OneMag-logoLink-uscita icona OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Chioggia | La graziosa Venezia in miniatura

Cosa vedere a Cavallino Treporti | Spiaggia e attrazioni

Cosa vedere a Cavallino Treporti | Luoghi da visitare
Cosa vedere a Cavallino Treporti | Luoghi da visitare

Cavallino-Treporti è una destinazione turistica dalla vocazione prevalentemente balneare. L’esteso litorale di sabbia dorata riesce a garantire relax e divertimento lungo quella che è una delle principali Bandiere Blu d’Europa. Ciononostante, esistono alcuni luoghi d’interesse storico e culturale, tra i quali spiccano – nel cuore centrale di Cavallino – il Palazzo Padronale e la Chiesa di Santa Maria Elisabetta, ambedue opere risalenti tra il XVII e il XVIII secolo.

Merita visitare anche il mercato tipico locale, che si tiene rispettivamente il martedì mattina a Cavallino e il giovedì a Treporti, situati nelle corrispettive piazze principali. Nei mercati si possono acquistare i tipici prodotti locali e freschi, oltre che chilometro zero, come le giuggiole o la sparasea – l’asparago verde -, le castraure – i carciofi -, e le pesche noci, oltre che numerose bancarelle di accessori e abbigliamento.

OneMag-logoLink-uscita icona OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Chioggia | La graziosa Venezia in miniatura

Saccagnana

Meritevole da visitare è la Chiesa della Santissima Trinità, eccellente opera di fine ‘600 posta poco fuori Treporti. Da qua si raggiunge velocemente Saccagnana, il cui nome deriva dai termini Sacca Magna, che significano grande secca. Da qua si possono prendere le motonavi per raggiungere le principali località veneziane, tra cui Burano, Murano e Torcello. Qua a Saccagnana si può visitare la suggestiva corte rurale del Prà, su cui si affacciano storiche abitazioni tipiche veneziane, da cui in lontananza si può intravedere la caratteristica facciata rosea della Villa Zanella.

Superata anche Saccagnaga, il paesaggio che si incontra diventa sempre più sottile, questo segna l’ingresso nella laguna. Questa sottile striscia di terreno separa l’acqua salmastra da quella dolce, su cui si può individuare un bivio: da una parte si giunge a Lio Piccolo, dall’altra Mesole.

OneMag-logoLink-uscita icona OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Murano, l’isola del vetro di Venezia

Lio Piccolo

Lio Piccolo è uno dei più antichi nuclei abitativi della zona, con origini in epoca romana, sebbene oggi si presenti come un pregevole borgo rinascimentale. Da non perdere qua è la piazza principale, su cui si affaccia il bel Palazzo Boldù, di fattura settecentesca, oltre che la chiesetta del borgo, costruita invece nel Seicento.

OneMag-logoLink-uscita icona OneMag-logo
Link-uscita icona Le strade più colorate d’Europa da visitare

Mesole

Ultima, importante, tappa da vivere a Cavallino-Treporti è quella nella località di Mesole, frazione altrettanto antica, dove è situato il suggestivo Convento dai camini rotondi, detto anche Casa Rui. Qua è anche custodito il piccolo ma pregevole Oratorio di Santa Maria del Carmine. I due edifici confermano l’ipotesi che il territorio appartenesse a una comunità di monache, che utilizzarono il fertile terreno per l’agricoltura. Tutt’oggi il paesaggio che caratterizza Mesole si compone di orti e frutteti.


 

Condividi su: