Cosa vedere a Casablanca, la perla del Marocco Orientale

Cosa vedere a Casablanca, la perla del Marocco Orientale, una città cosmopolita più moderna che storica da non perdere per scoprire il Marocco del futuro. Ecco cosa vedere a Casablanca

Cosa vedere a Casablanca, la città
più grande del Marocco

Siamo sulla costa atlantica del  Marocco dove troviamo Casablanca, la città portuale più importante della nazione insieme a Tangeri.
Decidere di visitare Casablanca è una scelta dettata più dalla voglia di scoprire il Marocco moderno rispetto a conoscerne la sua storia.

Tra le cose da vedere a Casablanca, infatti, non annoveriamo un grande numero di edifici storic ma sopratutto strutture moderne, una città che gradualmente si trasforma sempre più in cosmopolita e si differenza dal resto del Marocco.

Ecco cosa vedere a Casablanca.

Moschea Hassan II

Cosa vedere a Casablanca

La Moschea Hassan II è uno degli edifici religiosi più grandi e moderni del Marocco, nonché simbolo di Casablanca, costruita durante il regno del re Hassan II, in onore del suo 60° compleanno. Progettata su un sito di una ex piscina comunale, la costruzione iniziò nel luglio del 1986 e terminò nell’agosto del 1993.

Il terreno su cui poggia la moschea, visto la vicinanza all’Oceano Atlantico, è particolarmente friabile. Per tale motivo per costruire le fondamenta vennero richiesti 26.000 metri cubi di cemento e 60.000 di armatura. Tuttavia, la grande quantità dei materiali non è stata sufficiente e nel 2006 è avvenuto un ulteriore rafforzamento del terrapieno.

Per realizzare il minareto è stata allestita una gru con un’altezza record, pari a 210 metri, e le decorazioni esterne della moschea sono considerate come uno dei migliori lavori artigianali del Marocco contemporaneo.

Inoltre, la Moschea Hassan II rappresenta l’edificio con maggior manodopera richiesta per la costruzione, con circa 10.000 operai e artigiani che accumularono complessivamente 80 milioni di ore lavorative.

Museo ebraico marocchino

L’unico museo ebraico nel mondo di lingua araba, fondato nel 1997, è situato in un’affascinante villa con giardino. Questo edificio, dal 1948, era precedentemente adibito ad orfanotrofio ebreo ed aveva ospitato fino a 160 ragazzi contemporaneamente.

Il museo è stato fondato da Simon Levy, ex professore all’Università di Rabat e creatore della Fondazione per la tutela della cultura ebraica nel paese. Levy, deceduto nel 2011, era noto per essere stato un’attivista per l’indipendenza e per i diritti umani.

All’interno sono esposti oltre 2000 anni di storia ebraica in Marocco. Storia concentrata principalmente a Casablanca, località che da sempre ha accolto ed ospitato la più grande comunità ebraica in un paese di lingua araba. Infatti, prima dell’indipendenza dell’Israele dichiarata il 14 maggio 1948, a Casablanca vi abitavano oltre 250.000 ebrei, su un totale di 350.000 in tutto il Marocco.

La collezione, egregiamente curata, espone numerosi cimeli di ogni genere, quali abiti decorati, strumenti tradizionali e oggetti religiosi. Tra i cimeli di maggiore rilievo citiamo la bimah (piattaforma elevata) del 1944 della sinagoga Beni-Issakhar a Casablanca.

L’edificio, sviluppato su 700 metri quadrati, è caratterizzato da una grande sala principale e da altre tre aree espositive. La sala principale è nota per le esposizioni d’arte dei marocchini ebrei, quali dipinti, fotografie e sculture. Le sale espositive contengono invece i cimeli sulla vita religiosa e familiare ebraica.

Cattedrale del Sacro Cuore

La Cattedrale del Sacro Cuore è definita dai turisti come una tra le migliori cose da vedere a Casablanca. Si tratta di un’antica struttura che testimonia la presenza storica della popolazione cattolica nel territorio marocchino, che da sempre convinve pacificamente con quella ebraica e musulmana.

La costruzione della Cattedrale del Sacro Cuore avvenne nel 1930 dal progetto dall’architetto Paul Tournon. Il suo scopo ecclesiastico, però, è stato annullato successivamente all’indipendenza dalla Francia, nel 1950, anno in cui la Cattedrale venne sconsacrata. Internamente sono osservabili numerosi elementi che caratterizzano le imponenti cattedrali francesi, tra cui numerosi dettagli gotici. Purtroppo con la sconsacrazione la maggior parte delle opere di rilievo sono state rimosse.

La Corniche

La Corniche è una delle zone più amate della città di Casablanca, situata sul lungomare è una dei quartieri più lussureggianti di tutto il Marocco.

Qua sono situati numerosi hotel di lusso, litorali paradisiaci e ristoranti alla moda, oltre ad alcuni night club e discoteche che vivacizzano la vita notturna di Casablanca.

Però La Corniche è anche uno dei migliori luoghi in cui trovare un’ottima tranquillità, con numerosi punti panoramici e panchine che punteggiano i 3 chilometri dell’area.

Torri Gemelle (Casablanca Twin Tower)

Cosa vedere a Casablanca

Le Twin Tower di Casablanca sono il simbolo d’eccellenza dello sviluppo economico del Marocco. Progettate dall’architetto spagnolo Ricardo Bofill, gli edifici più alti del Marocco sono stati inaugurati nel 1998 e si presentano con 115 metri di altezza e 28 piani.

Le Casablanca Twin Tower rappresentano non solo una delle migliori cose da vedere nella città, ma coronano anche una delle aree per lo shopping più amate del nord Africa.

All’ultimo piano dei grattacieli troviamo il bar Sky 28, caratterizzato da una magnifica terrazza che si affaccia sulla città.

MaroccoLe 10 città più belle del Marocco
Le 10 città più belle del Marocco, da Fes a Marrakech passando per la città azzurra Chefchaouen ecco le 10 città imperdibili del Marocco.

Continua a leggere

Morocco Mall

Il Morocco Mall è il centro commerciale più grande di tutta l’Africa, situato nell’area delle Twin Tower. E’ sicuramente tra le cose da vedere a Casablanca se volete prendervi una pausa o naturalmente fare shopping.

All’interno sono situati i negozi dei marchi di maggiore rilievo mondiale, dall’abbigliamento alla tecnologia, oltre ad innumerevoli ristoranti e attività che possono essere svolte.

Sono presenti anche un cinema multisala in 3D ed un gigantesco acquario.

Scopri di più:

Chefchaouen, la città azzurra del Marocco
Marocco, ecco le tante ragioni per visitarlo

 

Condividi su: