Cosa vedere a Brunico, la migliore qualità di vita in Italia

Cosa vedere a Brunico, la migliore qualità di vita in Italia in un comune ricco di innovazione ma anche di tradizione. Scopriamo Brunico.

Ecco Brunico, la migliore
lifestyle d’Italia

Brunico, un comune in provincia di Bolzano: vanto storico e culturale dell’intero Trentino Alto Adige, ma anche un importante polo economico per tutto il circondario.
Storicamente punto di riferimento per tutta la Val Pusteria, Brunico oggi conta oltre 16mila abitanti, attestandosi come uno dei luoghi più importanti al confine con l’Austria.

Brunico, la città all’avanguardia

Un comune intriso di serenità, in passato ha meritato il titolo di essere il borgo di Italia con la migliore vivibilità del paese, oltre ad attestarsi come esempio di felicità ed ecosostenibilità.

Non tutti sanno che Brunico, oltre agli scenari fantastici e una storia ricca di eventi, è anche uno dei paesi più all’avanguardia di tutta l’Italia: l’80% della case di Brunico sono riscaldate grazie a un impianto alimentato a legna e biomassa; inoltre, in passato ha vinto il primo premio nella gara di Renewable Energy Competition.

D’altronde che Brunico sia un luogo eccellente, e non solo d’inverno, lo dimostrano anche due delle squadre di calcio più importanti di Italia, la Roma e l’Inter, che ogni anno scelgono questo posto per svolgere il consueto ritiro precampionato, in un luogo dove l’aria è pura e il silenzio è sacro. 

Turismo invernale ed estivo a Brunico

Inutile specificare che ogni inverno la città è presa d’assalto a causa della vicinanza con le migliori piste da sci del mondo, negli ultimi anni però Brunico sta sviluppando un importante turismo estivo, dal momento che sa offrire al visitatore un ottimo mix di parchi naturali da visitare, oltre a tanti musei, teatri e monumenti dall’elevato interesse culturale.

Cosa vedere a Brunico

Brunico, castello

Cosa vedere a Brunico, partendo dal centro storico della città, attraversato dalla Stadtgasse che rappresenta di per sé uno spettacolo meraviglioso e apprezzabile al 100 percento solo quando splende il sole. Il visitatore sarà infatti accecato dalla bellezza dei palazzi con le finestre sporgenti e coronate da eleganti merlature, come un’antica città medievale.

A rendere ancora più fascinoso il territorio, le antiche porte della città, di cui la più orientale porta direttamente al castello di Brunico, un’importante costruzione del 1251, che ancora oggi regala ai suoi visitatori la splendida vista dalla sua imponente torre di controllo.

Posizionato sopra una piccola altura, il Castello venne costruito come protezione dal vescovo di Bressanone Bruno von Kirchberg che voleva controllare i suoi possedimenti. Proprio da questa costruzione nacque la città di Brunico.
Una visita nel suo interno permetterà di ammirare gli stemmi dei vescovi che nei secoli fi anno abitato. Ognuno di loro ha apportato delle modifiche personali alla costruzione, chi ampliando chi restaurando chi affrescando delle stanze.

Ma il Castello di Brunico non è l’unica fortezza a dominare il territorio: vi basterà sollevare lo sguardo per individuare subito anche il Castel Badia, il Castello di Tures e il Castel Lamberto

Dove sciare in TrentinoDove sciare in Trentino Alto Adige, le mete preferite
Dove sciare in Trentino Alto Adige, le mete preferite per una vacanza tutto neve e relax. Scopriamo le mete tra Ortisei, Canazei e le altre valli.

Gli edifici religiosi di Brunico

Brunico, chiesa

Tra le cose da vedere a Brunico non possono mancare gli edifici religiosi.
Non meno belle infatti le Chiese di Brunico, su tutte la chiesa di Santa Maria Assunta, una piccola bomboniera in stile neoromanico; e la chiesa di Santa Caterina am Rain, che risale al 1368, conserva ancora numerosi affreschi di notevole pregio artistico e rappresenta con la sua deliziosa architettura un bellissimo esempio di stile barocco austro-ungarico.

Infine, merita una visita il monumento all’Alpino, ovvero una statua voluta dal regime fascista e adesso vandalizzata e messa al contrario. Il comune di Brunico ha voluto lasciare la statua capovolta e spiegare con una targa il significato ideologico di quel gesto. 

Scopri di più:

I migliori hotel spa in Trentino Alto Adige
Il fascino di Bolzano

 

Condividi su: