Condividi su:

Cosa vedere a Belem, Brasile

Tutti gli articoli del Brasile

icona-articolo

Ci troviamo nella capitale dello stato del Parà, nel nord del Brasile, dove troviamo Belem, una città che riesce a sorprendere anche il visitatore più esperto.
Soprannominata la città del mango, per via dell’importante presenza di tali alberi lungo i viali cittadini, Belem è posta ai bordi dell’Amazzonia, spesso proprio scelta come meta di partenza per scoprire la vasta regione del Sud-America nota per il Rio delle Amazzoni.
Pronti a scoprire cosa vedere a Belem, Brasile?

Cenni storici

Mappa di Belem, BrasileLa sua storia ha origine nel 1616 quando il comandante Francisco Caldeira Castelo Branco raggiunse la baja di Guajara. Lo scopo della sua missione era quello di interrompere i commerci sul Rio delle Amazzoni. I portoghesi erano convinti di essere proprio alla foce del fiume ma in realtà si trovavano a qualche centinaia di km a sud-est.

Fu proprio il comandante a dare ordine di costruire il Forte do Presepio, oggi completamente ristrutturato e sede anche di un piccolo museo. Dalle sue mura nacque, poco alla volta, la città di Belem, oggi abitata da oltre 1,5 milioni di residenti.
Le venne attribuito prima il nome di Feliz Lusitania per poi diventare Nossa Senhora de Belém do Grão Pará, poi in Santa Maria de Belém.
La prima fonte di sopravvivenza fu lo zucchero, presto accompagnato sia dal cotone che dal cacao.

Nonostante l’iniziale prosperità economica, Belem conobbe presto una grave crisi economica che si trasformò anche in un periodo di instabilità politica. La metà del XIX secolo è ricordata come tra le più difficili, sfociata poi in una rivoluzione.
A conclusione della rivolta, il governo locale decise di affiancare al commercio delle materie prime fino a ora considerate uniche ed essenziali, il commercio della gomma.
Ne conseguì una profonda rivalutazione commerciale che durò ininterrottamente fino al primo conflitto mondiale.
Oggi Belem è il porto principale per tutte le produzioni dell’Amazzonia, tra cui pesce, legno e frutta secca, di cui sono grandi esportatori.

OneMag-logo
Link-uscita icona Brasile: l’imbarazzo della scelta dei luoghi da visitare

Cosa vedere a Belem, Brasile

Cosa vedere a Belem, veduta panoramica

La città di Belem, in Brasile, è ancora oggi una città le cui radici coloniali sono ben presenti. Passeggiando lungo i viali alberati, ricchi di alberi di mango, avrete modo di ammirare una città ben tenuta, con piazze e parchi del secolo scorso che sorgono vicino alle tante abitazioni in stile tardo-barocco.
Le vie strette e la case generalmente a massimo due piani, completano uno scenario che è completato delle tante chiese e naturalmente dal Forte do Presepio, quello che è stato il primo edificio costruito in città.

Il centro storico di Belem

Scopriamo cosa vedere a Belem partendo dalla Cidade Velha, la città vecchia e nucleo storico. Di dimensioni piuttosto ridotte, il fulcro di Belem si scopre interamente a piedi, dedicandovi in base al tempo a disposizione un paio d’ore oppure anche quasi una intera giornata.
Belem è una città fondamentalmente tranquilla ma come in tutte le destinazioni piuttosto affollate meglio evitare le zone non turistiche e uscire la sera tardi. Prestate attenzione ai borseggi e alla micro-criminalità, piuttosto diffuse.

OneMag-logo
Link-uscita icona Le 10 cose da non perdere in Sud America

Piazza della Repubblica

Cosa vedere a Belem, Piazza della RepubblicaPartiamo a scoprire cosa vedere a Belem dalla sua piazza principale, la Piazza della Repubblica. Riccamente decorata con alberi e monumenti, merita proprio da qua iniziare ad ammirare i tanti edifici coloniali, a cui si alternano edifici più moderni.
Tra le costruzioni più interessanti merita il Theatro da Paz, costruzione del XIX secolo inaugurata nel 1874 quando Belem era in pieno sviluppo a seguito del commercio della gomma.

Superata la Piazza della Repubblica dirigetevi verso il viale Presidente Vargas, l’arteria cittadina principale. Qui avrete modo di incontrare alcuni dei tanti alberi di mango che delineano il soprannome della città. Lungo l’Avenida avrete modo di ammirare le tante vetrine di negozi ma anche qualche bottega artigianale e vari locali, alcuni dei quali potrebbero rivelarsi comodi per la serata.

A conclusione del viale raggiungerete la Estação das Docas, un nuovissimo complesso turistico aperto nel 2000.  Ci troviamo sul lungofiume dove quest’area, un tempo sede dei magazzini portuali, oggi è diventata la zona più elegante e ricercata della città. Anche qui troverete numerosi locali e ristoranti ed è il luogo preferito per sedersi a tavola con un drink oppure presenziare a uno dei tanti eventi che vengono organizzati.
Provate anche a cercare il piccolo museo allestito al suo interno, dove sono conservati alcuni reperti navali recuperati dopo il recente restauro.

OneMag-logo
Link-uscita icona San Paolo, l’alternativa a Rio de Janeiro

Il Mercato Ver-O-Peso

Cosa vedere a Belem, il Mercato Ver-o-Peso
Veduta del Mercato Ver-o-Peso dal Rio delle Amazzoni

Terminata la visita alla Estação das Docas è d’obbligo proseguire lungo il fiume fino a raggiungere uno dei mercati più importanti del Sud America. Definito da molti il più grande mercato all’aperto, il mercato è cosi chiamato per via dell’usanza di applicare le imposte secondo il peso delle merci vendute.
Ovviamente enorme, il mercato all’aperto è suddiviso in vere e proprie aree ricche di bancarelle che vendono di tutto, dagli alimentari ai souvenir.
Qui è da prestare particolare attenzione ai borseggiatori ed è suggerito evitarla di sera tarda.

Continuiamo lungo il Rio delle Amazzoni per arrivare alla Praca do Relogio, da inserire tra le cose da vedere a Belem per le lavorazioni dei marinai spesso intenti a pulire il pesce.
L’attrazione che segue è invece la principale di Belem, quindi dedicategli la giusta attenzione.

OneMag-logo
Link-uscita icona Brasile, i luoghi da non perdere

Catedral Metropolitana di Belém

Catedral Metropolitana di Belém

Tra le più iconiche attrazioni di Belem troviamo la Cattedrale Metropolitana, il principale edificio di culto della città, situata in Praça Frei Caetano Brandao con al centro la statua dell’omonimo vescovo. Dalla Cattedrale Metropolitana parte la più importante manifestazione religiosa di tutto il Brasile: il Círio di Nazaré.
L’edificio gode di una caratteristica struttura che mescola gli stili barocco e neoclassico, firmato dall’architetto italiano Landi. Al suo interno, infine, troviamo il più grande organo di tutta l’America Latina.

Altri luoghi di interesse a Belem

All’uscita dalla cattedrale passa di fianco alla Chiesa di Santo Alessandro che oggi ospita il museo di arte sacra e affronta Rua Padre Champagnat, in cui si trova il museo del Círio di Nazaré. Alla fine della leggera discesa sbucherai nell’alberata Praça D. Pedro II, praticamente l’altro lato di Praça do Relogio.

Entra nella via di fronte e affronta il mercato in Rua Conseilheiro Joao Alfredo. Per qualche centinaio di metri troverai solo negozi negli edifici e bancarelle in mezzo alla strada. Alza la testa e non perdere le colorate case coloniali che sbucano tra i palazzi più moderni e anonimi. Ricorda le solite misure di sicurezza già valide per il Mercado Ver-o-Peso.

Per digerire un po’ continua a camminare ancora per qualche metro tra le bancarelle fino alla Praça das Merces. L’affollato slargo è piena di rumorosi venditori, ma ai lati è incorniciata da una chiesa e da begli edifici coloniali con facciate colorate o ricoperti di piastrelle.

L’itinerario finisce qua, la Estaçao das Docas è a 50 metri, in un paio d’ore hai fatto un giro circolare fino a tornare a poche decine di metri dal punto di partenza. Puoi dedicare l’altra metà della giornata a un museo o un parco.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cosa vedere a Belo Horizonte, la guida completa

Musei

Cosa vedere a Belem: i musei cittadini
Cosa vedere a Belem: i musei cittadini

Museo d’arte, nel bel Palácio Antônio Lemos che una volta era la sede del municipio. Gli interni sono molto sontuosi, con saloni e giardini che ricordano Versailles.

Museo dello stato di Pará, che occupa l’edificio una volta residenza dei governatori. Ospita alcuni reperti trovati a Belém e nel resto dello stato, ma la sua vera attrazione sono gli interni del Palácio Lauro Sodré.

Il Museo Emilio Goeldi, fondato nel 1895, è stato il primo centro dedicato allo studio di flora, fauna e cultura amazzoniche. Oggi è anche considerato il migliore. Ospita mammiferi che difficilmente potrai vedere nelle tue escursioni nella foresta amazzonica: tapiri, formichieri e giaguari. Tutti gli animali sono stati salvati dalla deforestazione o dai bracconieri e sono curati giornalmente da biologi e veterinari.

OneMag-logo
Link-uscita icona Brasilia, guida turistica della città del futuro

Parchi

Cosa vedere a Belem: i parchi cittadini
Cosa vedere a Belem: i parchi cittadini

Il Bosque Rodrigues Alves è uno zoo che attira molte famiglie di Belém nel weekend. Prova ad andarci in settimana se vuoi vedere gli animali ospitati con più calma.

Mangal das Garças, un giardino botanico con esotiche specie di uccelli ed enormi iguane.

Parque da Residência: questi giardini che circondano la vecchia residenza dei governatori offrono una pausa dal caos cittadino. Un vecchio vagone ferroviario è stato trasformato in gelateria.


 

Condividi su: