Cosa vedere a Bardonecchia

Cosa vedere a Bardonecchia, la città piu a ovest d'Italia in provincia di Torino, sulle cime della Val di Susa. Bardonecchia sorge in una bellissima conca ed è nota per essere stata la prima città dove si è praticato lo sci alpino. Nel centro storico di Bardonecchia sono invece da vedere, tra le altre, la Chiesa di Sant’Ippolito e il Forte Brafaman, un antico castello. Ecco cosa vedere a Bardonecchia, provincia di Torino.

icona-articoloE’ la città più occidentale di Italia: la meravigliosa Bardonecchia è un piccolo comune di poco più di tremila abitanti in provincia di Torino, sulle cime più alte della Val di Susa.
La sua altitudine, a 1312 metri, lo pongono come una meta turistica perfetta sia in estate che in inverno. Ci troviamo a 90 km ad ovest di Torino, a breve distanza con il confine francese.

Famosa in tutto il mondo per essere la patria dello sport: invernale o estivo che sia. Bardonecchia sorge al centro di una bellissima conca che nei mesi più freddi rappresenta un ottimo punto di partenza per raggiungere le migliori piste da sci della nazione, e d’estate rappresenta un’oasi perfetta per le corse in bicicletta.

Per renderci conto dell’ottima posizione geografica di Bardonecchia, basti pensare che in estate è il luogo del ritiro precampionato delle migliori squadre di calcio di serie A: Juventus e Sampdoria in cima alla lista, oltre a essere stata spesso una tappa del Giro d’Italia. Inoltre, come se non bastasse, Bardonecchia è stata la prima città italiana a praticare lo sci alpino, oltre cento anni fa.

Il turismo a Bardonecchia

Cosa vedere a Bardonecchia

Con il passare degli anni, tutta la zona ha cominciato a incentrare tutti i suoi sforzi sul turismo: Bardonecchia può offrire un’infinità di alberghi e strutture ricettive di ogni tipo, oltre a ristoranti, pizzerie, enoteche, discoteche e cinema, si aggiungono piscine e campi sportivi per ogni disciplina.
Come se non bastasse Bardonecchia può vantare anche un’ottima tradizione musicale e teatrale, ospitando con invidiabile cadenza festival e spettacoli di ogni genere. 

Anche il centro storico di Bardonecchia può offrire alcuni spettacoli culturali niente male, come la Chiesa di Sant’Ippolito che ospita un meraviglioso campanile trecentesco, e il Forte Bramafam antico castello secolare che dall’alto domina tutta la conca di Bardonecchia.
Proprio nella piazza della Chiesa troviamo il Museo Civico, un edificio destinato alla raccolta della cultura locale e anche reperti a carattere religioso. Nei suoi due piani viene proposta l’intera storia rurale di Bardonecchia con un percorso che parte dal 1954.

Tra le cose da vedere a Bardonecchia troviamo anche il Palazzo delle feste, quello che oggi è il Centro Congressi, un palazzo in stile Liberty costruito ad inizio secolo scorso.
Da quello che è noto come il Borgovecchio, ovvero il nucleo cittadino originario costruito attorno alla chiesa, possiamo raggiungere la frazione Les Arnauds. Con una piacevole passeggiata si potrà anche ammirare le due Valli della Rho e del Frejus, percorribili anche a cavallo, i cui colli uniscono Bardonecchia con Modane, la prima cittadina francese che si incontra dopo aver superato il tunnel del Frejus.
Sempre dal centro storico possiamo raggiungere il Borgonuovo, area di Bardonecchia nata nella seconda metà del 1800 durante i lavori del traforo del Frejus. Qui ha sede il nucleo turistico di Bardonecchia, tra negozi e locali che si affacciano lungo un perimetro a traffico limitato.


Bellissimo anche il patrimonio naturalistico della città: i numerosi torrenti rendono tutto il territorio adorabile e perfetto per praticare lunghe passeggiate di trekking, tra sentieri che si arrampicano sui monti, dove potrete immortalare i momenti migliori della vostra vacanza con un panorama alle vostre spalle che non troverete facilmente in altri luoghi del mondo.

La gastronomia di Bardonecchia

Nella Val di Susa sono da provare i Gofri, ovvero delle cialde preparate con acqua, farina e lievito di birra, da provare sia nella versione salata con aggiunta di affettati e formaggio, sia nella versione dolce con miele o marmellata.
La gastronomia di Bardonecchia si apprezza anche con i primi piatti. Sono da provare le Cahlette, ovvero degli gnocchi fatti con patate, uova cipolla e lardo e la Soupe grasse, una zuppa realizzata con burro, brodo, cipolla, noce moscata e bacche di ginepro e la cui base è data dalla segale.
Altro primo piatto tipico della gastronomia di Bardonecchia e della Val di Susa sono le Ghinefle
, sfiziosi gnocchi di patate preparate in diverse varianti che comprendono generalmente delle verdure di stagione.
In inverno è da provare il risotto con le castagne o la minestra con orzo e castagne, altre specialità suggerite da provare a Bardonecchia.
Come tipico secondo piatto, consumato sopratutto nelle giornate più fredde, troviamo la Fricassà mescià, un gustoso fritto misto di carne preparata secondo il proprio gusto.
A livello dolciario sono da provare, tipici di tutta la regione, i canestrelli oppure le paste di Meliga, deliziosi biscottini preparati con farina di mais che vengono gustati sia dopo cena che per la colazione.

Il clima di Bardonecchia

Cosa vedere a Bardonecchia
Disagi all’uscita autostradale durante l’inverno

Il clima di Bardonecchia rispecchia naturalmente quello della Val di Susa e, più in generale, quello tipico delle Alpi.
I mesi meno piovosi sono quelli più caldi, ovvero luglio ed agosto, anomalia rispetto alle altre località dolomitiche dove, invece, nei due mesi centrali estivi riscontriamo la massima piovosità. Questa caratteristica permette quindi a Bardonecchia di godere di un gran numero di giornate soleggiate durante il perioco estivo.
La stagione estiva, quella con il maggior grado di calore, inizia dai primi giorni di giugno per terminare verso la metà di settembre. In questo periodo la media giornaliera si assesta a 14°C, con la possibilità di picchi di calore a 19°C e con una minima che non scende sotto i 7°C.
La stagione più fredda, quella preferita per le attività sportive, inizia invece verso la terza decade di novembre per terminare agli inizi di marzo. In questo periodo la temperatura media è di 1°C  e si potranno osservare giornate, specie tra dicembre e gennaio, con temperature minime al di sotto dei -10°C e massime di -3°C.

Scopri di più:

Cosa vedere a Saluzzo, il borgo piemontese
Valsesia, turismo nella valle più verde d’Italia

 

Condividi su: