Cosa fare e vedere a Sharm El Sheik, perla del Mar Rosso

Cosa fare e vedere a Sharm El Sheik, perla del Mar Rosso


Condividi su:

Cosa vedere a Sharm El Sheik

Tutti gli articoli dell’Egitto
Cosa vedere a Sharm El Sheik, mappa
© Apple Maps

icona-articoloSharm el Sheik è tra le località balneari più note dell’Egitto, da anni definita la perla del Mar Rosso. La sua posizione è all’estremità sud del Sinai, protetta a nord-ovest dalla omonima catena montuosa e accanto al Parco Nazionale Rah Mohammed con cui confina a sud-ovest. Dal lato opposto invece il confine è dettato dalla cittadina di Nabq, la cui baia racchiude l’omonimo Parco Nazionale, altra area protetta di questa zona dell’Egitto.

Fino al 1968 Sharm el-Sheikh era una piccola comunità di pescatori. Oggi è una delle località balneari più famose in Egitto e principale centro turistico della penisola del Sinai. Qui si viene, oltre che per le spiagge, anche per le immersioni, specialmente nelle acque del parco Marino di Ras Mohammed. Pronti a scoprire cosa vedere a Sharm el Sheik?

Cosa vedere a Sharm el Sheik

Na’ama Bay (Baia di Naama)

Cosa vedere a Sharm El Sheik, Na'ama Bay

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Sharm el Sheik da quello che è il fulcro della vita della cittadina, la zona nota come Naama Bay. Posizionata nelle vicinanze di una spiaggia caratterizzata da numerose palme, Naama Bay è l’area destinata allo shopping. Qua, sul Bd. Principe Del Bahrain, troviamo infatti i numerosi negozi pronti a vendervi davvero di tutto. Non solo, l’area è anche quella ricca di ristoranti ma anche di resort di lusso e l’epicentro della movida serale, il luogo dove ritrovarsi per trascorrere una serata spensierata.

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo cosa vedere in Egitto

I luoghi naturali nei dintorni di Sharm el Sheik

Cosa vedere a Sharm El Sheik, il canyon colorato
Il canyon colorato

Dopo aver visitato quella che è l’area turisticamente più frequentata, è arrivato il momento di esplorare i dintorni. Tra le cose da vedere a Sharm el Sheik vi sono infatti le aree naturali, le vere e proprie attrazioni che spesso non vengono prese in considerazione ma che invece meritano completamente il viaggio.

Iniziamo da Ein Khudra, posto nelle vicinanze della strada che collega Nuweiba, città costiera nella parte orientale della Penisola del Sinai a Dahab, altra cittadina sempre affacciata sul mar Rosso, nella parte più a sud della penisola del Sinai. Qui troviamo. Siamo in una delle oasi più interessanti da visitare nell’area del Sinai e storicamente nota per essere stato il luogo di sosta dei pellegrini in viaggio verso Gerusalemme.

Nel percorso tra Dahab e Santa Caterina, il monastero posto nel centro della penisola in un’area completamente desertica, troviamo il Deserto Blu. Chiamato in questo modo per il caratteristico colore blu delle rocce, qui troviamo imponenti sculture di granito che convivono a fianco di splendidi fiori rosa. Il colore delle rocce deriva da un’idea di un artista belga, Jean Verame, che per celebrare la conclusione della guerra tra Egitto e Israele ha avuto il permesso di realizzare una sua particolarissima opera, dipingere di azzurro intenso quattromila massi rocciosi. Nonostante parecchie rimostranze, oggi l’opera occupa quasi 15 kmq e regala un panorama davvero insolito.

Non dobbiamo spostarci di molto per visitare invece il Canyon Colorato, una distesa di rocce colorate naturali le cui tonalità variano dal giallo, al viola, al rosso fino a raggiungere anche colori vicino al magenta e all’oro. Lo trovate a 12 km a nord di Nuweiba, altra località costiera, e a un’ora e mezzo di viaggio da Sharm el Sheik, da compiere in jeep. Siamo in un’area naturale formatasi dopo il ritiro delle acque primordiali che erano presenti nell’area del Sinai. In alcuni punti le rocce sono alte fino a quaranta metri e rappresentano una delle meraviglie naturali imperdibili dell’Egitto.

Concludiamo la nostra escursione alle aree naturali presenti nei dintorni di Sharm el Sheik con l’area naturalistica nota come Ein Kid. Siamo in una vera e propria macchia di vegetazione posta alla fine di un lungo sentiero circondato da rocce che offrono un contrasto di colori davvero unico e singolare. Qui sono presenti anche alberi da frutto e palme da dattero che circondano un pozzo che permette di prelevare l’acqua dal sottosuolo e che nel tempo ha permesso alle varie carovane di beduini di fare una sosta.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo la moschea di Ibn Tulun al Cairo

Parco Nazionale Ras Mohamed

Cosa vedere a Sharm el Sheik, Parco Nazionale Ras Mohamed

Tra le cose da visitare nei dintorni di Sharm el Sheik è imperdibile il Parco Nazionale Marino Ras Mohamed. Istituito nel 1983, il parco comprende l’area tra il Golfo di Suez con il Golfo di Aqaba, una ventina di km da Sharm el Sheik. Si può raggiungere sia via terra che via mare e il parco comprende sia una riserva naturale marina che terrestre.

I deserti sono interrotti da spiagge di sabbia bianchissima dove poter praticare sia snorkeling che immersioni. L’ecosistema marino propone un migliaio di tipologie diversi di pesci, duecento specie di coralli e ancora molluschi, tartarughe, ricci e cosi via.
E’ qua che si trova una delle barriere coralline più spettacolare del mondo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Idea di viaggio imperdibile, le Piramidi di Giza

Moschea Al-Mustafa

Cosa vedere a Sharm el Sheik, Moschea di Al Mustafa

Torniamo a Sharm el Sheik per visitare una delle attrazioni più interessanti, la Moschea di Al-Mustafa. Siamo di fronte a un edificio la cui sorprendente architettura la rende di diritto tra le cose da vedere a Sharm el Sheik. All’esterno ci si potrà lasciar affascinare dalla splendida facciata in marmo e dalla cupola imponente, nei cui dintorni sono presenti numerosi minareti. All’interno, la moschea è suddivisa in due sale: una grande sala di preghiera per gli uomini e quella più piccola, nella parte orientale dell’edificio è riservata alle donne.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo Il Cairo, l’affascinante capitale dell’Egitto


La Cattedrale Celeste

Cosa vedere a Sharm el Sheik, la Cattedrale Ortodossa celeste

Ricca di affreschi realizzati in meno di 2 anni, la Cattedrale celeste è la più grande, nonchè più recente, chiesa di Sharm el Sheik. Completata nel 2010, è stata candidata come una delle più belle chiese del mondo, grazie anche ai suoi tanti murale rappresentanti scene bibliche. La sua costruzione è avvenuta a tempo di record, meno di 2 anni per realizzare l’edificio ortodosso che oggi fa bella mostra di se nel quartiere di Hay el Noor, poco distante dalla moschea di Al-Mustafa, appena descritta.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Visitiamo il Tempio di Kom Ombo, nei dintorni di Assuan


Il vecchio mercato di Sharm El Sheik

Cosa vedere a Sharm el Sheik, veduta ristorante sul mare dal vecchio mercato

Il centro storico di Sharm el Sheik, popolarmente conosciuto come il vecchio mercato, è un luogo culturalmente ricco e vivace, pieno di colori, suoni e profumi.
E’ un ottimo posto per fare shopping ed immergersi nell’atmosfera egiziana. Gli oggetti più noti di Sharm sono erbe e spezie e il vecchio mercato ne ha ovviamente una gran quantità.

Il suo personale gentile è anche estremamente disponibile a spiegare tutte le tipologie di prodotti. Naturalmente preparatevi a contrattare: risparmierete e sarete immersi nella cultura tipica del commercio egiziano.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Khan el-khaili, guida al più famoso mercato egiziano

I parchi acquatici di Sharm el Sheik

Cosa vedere a Sharm el Sheik, parco acquatico

Se siete in vacanza con bimbi, una giornata in uno dei parchi acquatici potrà diventare una delle loro giornate più belle. Vi suggeriamo due parchi in modo particolare da inserire tra le cose da vedere a Sharm el Sheik, Aqua Blue e Dolphinella.

Dolphinella è un parco acquatico caratterizzato dalla presenza dei delfini, tre spettacoli ogni giorno in cui è possibile ammirare le acrobazie da loro compiute e divertirsi con uno show adatto a ogni tipo di pubblico. Al termine si potranno avvicinare e realizzare delle foto ricordo indimenticabili.

L’Aqua Blue si trova invece ad Hadaba ed è un vero paradiso acquatico che facilmente si trasformerà in una delle esperienze indimenticabili. Ricco di scivoli, piscine e giochi d’acqua, sono proprio gli scivoli a richiamare il maggior pubblico, specie in quello noto come Kamikaze, uno di quelli riservati a bimbi che hanno compiuto almeno 12 anni. Nessun problema, nell’Aqua Blue trovano spazio ben 44 scivoli d’acqua.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Entriamo nel Museo Egizio de Il Cairo, il più importante al mondo

Le spiagge di Sharm el Sheik

Cosa vedere a Sharm el Sheik, spiaggiaNon vi è alcun dubbio che il maggior richiamo turistico di Sharm el Sheik siano le sue spiagge. Complice la relativa vicinanza con l’Italia, la località viene frequentata praticamente in ogni periodo dell’anno, grazie alla possibilità di godere di temperature gradevoli anche in inverno. Ecco alcune delle migliori spiagge da frequentare a Sharm el Sheik, un paradiso posto sul Mar Rosso.

La spiaggia principale di Sharm el Sheik è quella più frequentata e anche la più grande inserita nel parco di Ras Mohamed. Si raggiunge con un comodo bus che in pochi minuti dal centro di Sharm el Sheik vi condurrà direttamente in questa lunga distesa di sabbia dorata. La spiaggia è libera e senza attrezzature.

Nella già citata cittadina di Nabq troviamo una delle migliori spiagge da frequentare da Sharm el Sheik. Siamo in una zona particolarmente ventosa e questo facilita gli appassionati di sport velici ma anche ottima per coloro che amano il diving, grazie alla presenza di vari relitti nel profondo del mare. Caratterizzata da ampie secche, la spiaggia di Nabq è ottima per chi è in vacanza con i piccoli, che potrà lasciare proprio in una di queste piscine naturali poco profonde.

Tra le spiagge considerate più belle d’Egitto, troviamo la spiaggia di Naama Bay, già prima citata per la sua movida serale e come parte più moderna della località. La spiaggia è invece perfetta per tutti coloro che cercano una spiaggia giusto di fronte a un mare calmo e con acqua pulitissima. Non troppo distante ha sede anche la spiaggia di Ras Um Sir, meno caotica rispetto a Naama Bay e con il pregio di poter scegliere tra stabilimenti balneari e il loro comfort oppure la spiaggia libera, altrettanto pregevole. Ricca di una barriera corallina colorata, superabili con i pontili, qui è possibile incontrare l’innocuo squalo balena. Tra le spiagge di Sharm el Sheik è quella che ha l’acqua più calda in assoluto, trasformandola in un vero e proprio unico momento di relax.

Spostiamoci infine una decina di km a nord di Sharm per raggiungere la spiaggia di Ras Nasrani. A differenza delle precedenti, questa striscia di sabbia è circondata da alberghi e resort e offre un mare stupendo con le tipiche comodità offerte dalla presenza degli hotel. Qui si viene anche per lo snorkeling e per le immersioni, oltre che per un pomeriggio di relax con il vantaggio di potersi sedere a pochi passi per gustare un fresco gelato o un cocktail.

Ultimo aggiornamento 19 maggio 2021


Condividi su: