Cortona, la perla di Arezzo

Cortona, il borgo in provincia di Arezzo, considerato il centro culturale per il turismo in Valdichiana in Toscana, posto a circa 600 metri di altezza, posizione ideale per ammirare l'intero paesaggio e scorgere il Lago Trasimeno. Tra le cose da vedere a Cortona segnaliamo il Duomo, costruito su un precedente edificio etrusco e risalente all'XI secolo. Centro sociale ed amministrativo, tra le cose da vedere a Cortona è imperdibile il Palazzo Comunale, simbolo del potere cittadino nel millennio di esistenza. Ecco cosa vedere a Cortona, la perla di Arezzo.

Cosa vedere a Cortona, la perla di Arezzo

Ci troviamo nel cuore dell’Italia sul confine orientale della Toscana, dove nella provincia di Arezzo è presente il borgo di Cortona.
Ci troviamo nella Valdichiana dove il borgo di Cortona è circondato da una cinta muraria, realizzata durante il dominio etrusco e proseguita nel periodo romano.
Costruita su un colle, Cortana è a circa 600 metri di altezza, posizione ideale che permette una visuale perfetta da numerosi punti cittadini.
In passato utilizzata come arma difensiva, oggi l’altitudine permette di ammirare i paesaggi della Valdichiana e, nelle giornate di sole, anche una parte del vicino Lago Trasimeno.

Cosa vedere a Cortona

Il Palazzo Comunale

Cosa vedere a Cortona in Toscana

Da sempre il centro sociale ed amministrativo del borgo è senza dubbio il maestoso Palazzo Comunale. Questa struttura ha infatti rappresentato il potere locale di Cortona nei suoi quasi 1000 anni di vita.
L’edificio è introdotto da una scenografica scalinata che porta all’ingresso principale, mentre alzando lo sguardo potremo notare la splendida merlatura della Torre dell’orologio. Questa deve la sua diversità col resto dell’edificio alla prima delle 2 ristrutturazioni avvenute nei secoli, rispettivamente nel 1500 e nel 1800.
L’interno infine merita una visita per scoprire tramite le sue sale la storia del borgo. Tra queste sicuramente la più importante è la Sala del Consiglio, edificata assieme al suo camino in pietra nel XVI secolo.

Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona

Cosa vedere a Cortona in Toscana

Spostiamoci ora verso un’altro palazzo interessante dal punto di vista storico, il Palazzo Consoli. Sebbene in passato la sua importanza non è paragonabile a quella del Palazzo Comunale, oggi assume grande valore culturale grazie alle esposizioni nelle sue sale.
Qui è infatti presente nei sotterranei il Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona, abbreviato MAEC, assieme alla biblioteca dell’Accademia e l’Archivio Storico comunale. Nelle sale superiori sono invece esposte mostre a rotazione di arte contemporanea.

La parte più corposa delle esposizioni resta comunque il MAEC, grazie alla sua raccolta di testimonianze di civiltà etrusca e romana che rendono il museo uno tra i più interessanti della regione.
Tra le opere da non perdere ci sono sicuramente la Musa Polimnia, gli utensili in ceramica, uno splendido lampadario in bronzo e altri materiali archeologici che ricostruiscono la vita quotidiana durante l’epoca etrusca.

Il Duomo di Santa Maria Assunta

Cosa vedere a Cortona in Toscana

Tra le cose da vedere a Cortona è imperdirbile il principale edificio religioso del borgo. Siamo in pieno centro storico dove troviamo il  Duomo di Santa Maria Assunta. Costruito su fondamenta etrusche, le prime tracce scritte del Duomo risalgono al XI secolo.

L’edificio si presenta con una facciata in pietra molto semplice, ma il vero valore artistico della struttura è custodito al suo interno. Qui infatti troveremo importanti opere come la Madonna della Manna, dipinta nel XV secolo su una base in terracotta, un crocifisso ligneo del ‘600 e, sempre dello stesso periodo, una tela di Lorenzo Berrettini raffigurante la Madonna col Bambino e Santi.
Le ultime opere importanti sono posizionate nella navata destra, dove troveremo due tele seicentesche di Raffaello Vanni e Lorenzo Berrettini, accompagnate dalla Madonna del Pianto, dipinta durante il ‘300.

OneMag - Logo Micro
Prato, la storia antica della Toscana

Il Museo Diocesano

L’ultima struttura culturalmente importante del borgo è il complesso dell’ex Chiesa del Gesù, composto dalla chiesa, l’oratorio e la chiesa inferiore.

Qui si sviluppa il Museo Diocesano, un’esposizione divisa in 2 spazi separati che mostra alcune delle splendide opere degli artisti locali.  Tra queste sicuramente da ricordare  l’Annunciazione e il Trittico di Cortona del Beato Angelico, assieme a nove delle opere di Luca Signorelli, un’artista nato proprio nel borgo.

Scopri di più:

Cosa vedere a Montaione in Toscana
San Gimignano, il borgo dalle 14 torri medievali
Montemerano, il borgo toscano a forma di cuore
Pienza, il borgo rinascimentale di Papa Pio II

 

Condividi su: