Cosa vedere a Cortona,
la perla di Arezzo

Tutti gli articoli della provincia di Arezzo

icona-articoloAdagiato su un colle a a circa 600 metri della Val di Chiana aretina, troviamo il borgo di Cortona, splendida località dalle origini etrusche. La sua posizione è piuttosto centrale rispetto a un triangolo composto da Siena, Arezzo e Perugia, ubicazione che le ha permesso di essere scelta come antica roccaforte militare. Se durante le sue origini etrusche Cortona era un villaggio ricco e potente, l'arrivo dell'Impero Romano nel territorio e delle invasioni barbariche dopo, ha completamente fermato la sua espansione.

Libero comune dal XIII secolo e spesso coinvolta nelle guerriglie tra guelfi e ghibellini, Cortona nel XV secolo entrò a far parte della Repubblica Fiorentina. Dopo un periodo di serenità, venne coinvolta nel conflitto tra Firenze e la Spagna e durante la dominazione dei Lorena tornò nuovamente a svilupparsi. L'arrivo dei soldati di Napoleone, nel XVIII secolo arrestò nuovamente la crescita e, dopo essere tornata parte del Granducato, fu attiva nelle rivolte risorgimentali italiane. Oggi Cortona è meta apprezzata e conosciuta anche grazie alla pellicola americana del 2002 Sotto il cielo di Toscana, tratta dall'omonimo libro di rances Mayes. Pronti a scoprire cosa vedere a Cortona, Arezzo?

 

Cosa vedere a Cortona

Cosa vedere a Cortona, panorama sul borgo
Cortona, panorama sul borgo

Cortona è una meta ricca di attrazioni e per visitarla accuratamente occorrerà pianificare almeno una notte. Il ricco patrimonio artistico, culturale e archeologico è rappresentato dai resti lasciati dagli stessi etruschi per poi passare dalle opere di Botticelli senza dimenticarsi della Fortezza Medicea.

 

Il centro storico di Cortona

Cosa vedere a Cortona, veduta sul centro cittadino
Veduta sul centro di Cortona

Iniziamo a scoprire cosa vedere a Cortona accedendo al centro storico da uno dei varchi d'accesso, l'antica Porta Bifora. Chiamata anche Porta Ghibellina o Bacarelli, si tratta della porta meglio conservata delle sei presenti e l'unica realizzata durante il periodo etrusco. Da qua ha inizio la via Ghibellina che conduce, al termine, alla Piazza della Repubblica, la principale del borgo aretino.

 

Siamo nel vero fulcro storico della cittadina aretina, il luogo dove hanno sede alcuni tra i principali edifici storici della città come il Palazzo Comunale e il Palazzo del Capitano del Popolo, poi diventato Palazzo Passerini nel XVI secolo.

 

Il Palazzo Comunale e il Palazzo Passerini

Cosa vedere a Cortona, il Palazzo Comunale
Veduta sul Palazzo Comunale di Cortona

La prima attrazione che merita da subito visitare è il maestoso Palazzo Comunale, risalente al XII secolo.

Da sempre centro sociale e amministrativo del borgo, il Palazzo Comunale ha rappresentato il potere locale di Cortona nei suoi quasi 1000 anni di vita. L'edificio è introdotto da una scenografica scalinata che porta all'ingresso principale, mentre alzando lo sguardo potremo notare la splendida merlatura della Torre dell'orologio, di epoca diversa.

La torre venne aggiunta in seguito, durante la prima delle due ristrutturazioni avvenute nei secoli, rispettivamente nel 1500 e nel 1800. L'interno infine merita una visita per scoprire tramite le sue sale la storia del borgo. Tra queste sicuramente la più importante è la Sala del Consiglio, edificata assieme al suo camino in pietra nel XVI secolo.

Giusto di fronte troverete il → Palazzo Passerini, edificio del XIII secolo e inizialmente noto con il nome di Palazzo del Capitano del Popolo. Il suo attuale nome deriva dall'acquisto, nel 1411, della struttura da parte del Comune, facendo in questo modo decadere la carica di Capitano del Popolo. Estremamente cambiato rispetto alla struttura originale, a causa di numerosi interventi di rifacimento, oggi è una elegante dimora con appartamenti turistici in affitto.

 

Cosa vedere a Raggiolo
Ecco Raggiolo, il pittoresco borgo del Casentino (provincia di Arezzo) composto da un centro abitato storico di fattura rinascimentale.

Piazza Signorelli

Cosa vedere a Cortona, Piazza Signorelli
Veduta su Piazza Signorelli di Cortona

Conclusa la nostra visita al Palazzo Comunale, basterà girare a destra per raggiungere la piccola Piazza Signorelli, il secondo elegante salotto di Cortona.

Intitolata a Luca Signorelli, il maestro del rinascimento, è anche l'artista che ha donato il suo nome al locale teatro cittadino.  Tipicamente medievale, nella piazza affacciano eleganti edifici da cui partono ulteriori vicoli da scoprire. Proprio in una di queste, la via Casali, troverete l'omonimo Palazzo.

 

Palazzo Casali

Cosa vedere a Cortona, Palazzo Casali
Veduta sul Palazzo Casali di Cortona

Il Palazzo Casali ha origini Duecentesche e in passato era noto anche come Palazzo Pretorio. Qui hanno infatti soggiornato i commissari fiorentini nel periodo medievale e fino al Quattrocento era abitato dalla signoria dei Casali.

La sua storia lo ricorda come sede degli Uffici dello Stato, prima dell'avvenuta realizzazione del Regno d'Italia. Oggi invece è la sede del → MAEC

Il MAEC, il Museo dell'Accademia Etrusca

Cosa vedere a Cortona, Museo dell’Accademia Etrusca
Veduta sul Museo dell’Accademia Etrusca di Cortona

Nei sotterranei del Palazzo dei Casali ha sede il Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona, abbreviato MAEC, assieme alla Biblioteca dell’Accademia e l’Archivio Storico comunale. Nelle sale superiori sono invece esposte mostre a rotazione di arte contemporanea.

La parte più corposa delle esposizioni resta comunque il MAEC, grazie alla sua raccolta di testimonianze di civiltà etrusca e romana che rendono il museo uno tra i più interessanti della regione. Tra le opere da non perdere ci sono sicuramente la Musa Polimnia, gli utensili in ceramica, uno splendido lampadario in bronzo e altri materiali archeologici che ricostruiscono la vita quotidiana durante l'epoca etrusca.

Il Teatro Signorelli

Cosa vedere a Cortona, Teatro Signorelli
Veduta sul Teatro Signorelli di Cortona

Concludiamo la nostra visita alla Piazza Signorelli con l'omonimo teatro, realizzato alla metà dell'Ottocento e inserito nel progetto di riqualificazione della piazza, necessaria per lo sviluppo del borgo toscano.

I lavori iniziarono nel 1854 e venne costruito sul luogo dove in precedenza sorgeva la chiesa di Sant'Andrea. Il termine dei lavori avvenne tre anni dopo e la struttura, in stile neoclassico, assunse il nome di Teatro Imperale. Al suo esterno il Teatro Signorelli è riconoscibile per il suo loggiato caratterizzato da sette arcate. Ancora oggi è attivo con un ricco calendario di eventi in programma.

 

Arezzo, guida turistica di viaggio
Arezzo, guida del comune toscano con un centro storico ricco di cultura ed edifici religiosi. Tra le cose da vedere ad Arezzo...

Il Duomo di Santa Maria Assunta

Cosa vedere a Cortona, Duomo di Santa Maria Assunta
Facciata del Duomo di Santa Maria Assunta di Cortona

Lasciata la Piazza Signorelli percorreremo la Via Casale dove ci attende una tra le principali cose da vedere a Cortona, il Duomo di Santa Maria Assunta.

Costruito su fondamenta etrusche, le prime tracce scritte del Duomo risalgono al XI secolo. L'edificio si presenta con una facciata in pietra molto semplice, ma il vero valore artistico della struttura è custodito al suo interno. Qui infatti troveremo importanti opere come la Madonna della Manna, dipinto del XV secolo su una base in terracotta, un crocifisso ligneo del '600 e, sempre dello stesso periodo, una tela di Lorenzo Berrettini raffigurante la Madonna col Bambino e Santi.

Le ultime opere importanti sono posizionate nella navata destra, dove troveremo due tele seicentesche di Raffaello Vanni e Lorenzo Berrettini, accompagnate dalla Madonna del Pianto, dipinta durante il '300.

 

Il Museo Diocesano

Giusto di fronte ha sede la Chiesa del Gesù, oggi sede del → Museo Diocesano.

La sua esposizione, suddivisa in due spazio separati, mette in mostra alcune delle splendide opere degli artisti locali.  Tra queste sicuramente da ricordare  l’Annunciazione e il Trittico di Cortona del Beato Angelico, assieme a nove delle opere di Luca Signorelli.

 

Prato, la storia antica della Toscana
Prato, la città posta al centro della regione e con una ricco passato. Tra le cose da vedere a Prato...

Ritorniamo ora verso la Piazza della Repubblica dove raggiungeremo la Via Roma in cui potremo ammirare il retro del Palazzo Comunale. Proseguendo verso la via Maffei raggiungeremo la Chiesa di San Francesco.

 

Chiesa di San Francesco

Cosa vedere a Cortona, Chiesa di San Francesco di Cortona
Facciata della Chiesa di San Francesco di Cortona

Siamo su uno spiazzo artificiale realizzato in periodo romano dove troviamo un'altro edificio religioso, la Monumentale Chiesa di San Francesco.

La sua progettazione avvenne nel 1245 con uno stile sobrio poi in parte rivisto durante il XVI secolo quando vennero rimossi gli affreschi delle pareti. Al suo interno, a singola navata rettangolare, troviamo numerose opere che meritano di essere ammirate nel dettaglio.

Tra questi ricordiamo il dipinto del Cigoli raffigurante San Antonio da Padova e l'Annunciazione di Pietro da Cortona. Interessanti il cuscino funebre di San Francesco e un saio che secondo tradizione fu appartenuto proprio a San Francesco.

 

Cosa vedere a Montaione in Toscana
Montaione in Toscana è uno dei borghi più belli d'Italia e a breve distanza da Firenze. La sua nascita ricorda i primi insediamente romani, anche...

Piazza Garibaldi

Tornando nuovamente verso la Piazza della Repubblica percorreremo ora la Via Nazionale che ci condurrà nella terza e ultima piazza meritevole di attenzione, la Piazza Garibaldi.

Qui avrete modo di affacciarvi dalla splendida terrazza che vi permetterà di ammirare il meraviglioso panorama della Valdichiana e la Chiesa di San Domenico. A fianco l'edificio ecclesiastico hanno origine i giardini Parter con il lungo viale di oltre 3 km di lunghezza, un vero polmone verde in un'area in cui la natura è naturalmente protagonista.

 

Certaldo, il borgo dove è nato Boccaccio
Cosa vedere a Certaldo, nella Valdelsa, la valle toscana del fiume Elsa, troviamo il magnifico borgo medievale di Certaldo. Tra le cose da vedere a...

Altro da vedere a Cortona

Cosa vedere a Cortona, borgo storico
Scorcio nel borgo storico di Cortona

Se il tempo a vostra disposizione lo consente, vi sono altre attrazioni che potrete inserire tra le cose da vedere a Cortona.

 

La parte alta del borgo

Nella parte alta del borgo ha sede il Santuario di Santa Margherita, intitolato alla Santa Patrona della città. L'edificio è stato costruito dopo la sua morte giusto a fianco di una piccola chiesetta, quella dedicata a San Basilio e che la santa aveva restaurato dopo averla designata come suo luogo dove fare penitenza.

 

La frazione di Farneta

Nella vicina frazione di Farneta troverete invece l'omonima Abbazia, luogo di culto degli abitanti della piccola frazione. Si tratta anche della sede del Museo di Farneta, intitolato a Don Sante, uno tra i parroci più emblematici nella vita dell'Abbazia. Al suo interno troviamo una raccolta di vari cimeli recuperati durante gli anni, una rassegna di testimonianze paleontologiche a cui si aggiunge una piccola area archeologica dove troviamo una tomba romana. Distribuito lungo un terreno agricolo, al termine troverete un sentiero che vi condurrà alla località La Villa per poi riportarvi, mediante un percorso ricco di pannelli didattici, nuovamente all'Abbazia.

 

La località Sodo

Nella località Sodo ha invece sede il → Parco Archeologico, gestito dal MAEC visto in precedenza. Nonostante la maggioranza del territorio dove ha sede Cortona risalga nel periodo medievale, la sua fondazione etrusca e dominazione romana sono testimoniate da varie reliquie rinvenute durante vari scavi nel territorio. Nel Parco Archeologico il visitatore ha l'opportunità di vivere due percorsi, rispettivamente situati all'interno e all'esterno della cinta muraria. In questi percorsi è possibile ammirare in prima persona varie strutture, opere e reliquie dell'epoca antica, rinvenuti nel XX secolo e conservati egregiamente.

 

La frazione di Fratticciola

Infine, nella piccola frazione di Fratticciola, il Museo della Civiltà Contadina propone ai visitatori un'interessante esposizione in cui vengono raccolti cimeli e documenti che ripercorrono la storia dei contadini dall'epoca medievale sino ai giorni nostri. Grazie a questo percorso, i visitatori potranno scoprire la società agricola che caratterizzava le campagne del centro Italia, con particolare attenzione al XX secolo.
Oltre a numerosi documenti, nel Museo della Civiltà Contadina trovano spazio anche attrezzi utilizzati nel lavoro quotidiano, di dimensioni e tipologie diverse. Interessanti sono i vari aratri che vengono accompagnati dai carri, a cui si aggiungono anche illustrazioni su come venivano utilizzati, permettendo di scoprire uno dei più lavori più duri vissuti durante gli scorsi secoli.

Continua a scoprire la Toscana:

Ultimo aggiornamento 3 agosto 2022