Corniglia Cinque Terre, guida al borgo ligure

Corniglia Cinque Terre, guida al borgo ligure


Condividi su:

Corniglia, Cinque Terre
Cosa vedere a Corniglia

Tutti gli articoli della provincia di La Spezia
Cosa vedere a Corniglia, mappa
© Yandex maps

icona-articoloCorniglia è l’unico borgo delle Cinque Terre a non essere sviluppato sulla costa. Il borgo è collocato sulla cima di un promontorio a un centinaio di metri d’altezza sul mare, grazie a cui è possibile godere alcuni dei migliori panorami in Liguria. Posizionato a circa 90 metri di altezza, è il più piccolo dei cinque borghi che compongono le Cinque Terre, forse proprio la ragione che spinge a visitarlo, un minuscolo dedalo di piazze e vicoli. Siamo nella provincia di La Spezia, geograficamente posizionata nel cuore del Parco Nazionale: a ovest si trovano Monterosso al Mare e Vernazza, mentre a est Manarola e Riomaggiore.

 

Cosa vedere a Corniglia, Scalinata Lardarina
Corniglia, Scalinata Lardarina

Visitare Corniglia può risultare complicato su un paio di aspetti.
Nonostante il comune sia diviso dalla principale arteria stradale via Stazione, la sosta automobilistica è consentita esclusivamente ai residenti. Le alternative sono quindi recarsi nel borgo via treno, grazie alla stazione situata a valle, o utilizzare il parcheggio della stessa stazione.

A dividere la stazione ferroviaria al centro di Corniglia troviamo la Scalinata Lardarina, scenografica tanto quanto temibile: composta da ben 377 gradini. Fortunatamente i gradini della Scalinata Lardarina sono bassi, caratteristica che favorisce la visita di Corniglia anche ai meno allenati. Affrontare la Scalinata Lardarina è un prezzo adeguato per lo spettacolo che viene offerto in cima al promontorio, tanto da far guadagnare a Corniglia il soprannome de La terrazza delle Cinque Terre.

 

Corniglia, il territorio

Cosa vedere a Corniglia, Panorama

Senza un porto di cui disporre e quindi privi di qualsiasi attività legata direttamente alla pesca, i residenti di Corniglia focalizzano la propria economia sul turismo e sull’agricoltura.

Avvantaggiati dalla posizione collinare del comune, gli agricoltori di Corniglia si sono specializzati nella viticoltura, grazie alla costruzione delle cosiddette fasce, ovvero i terrazzamenti che permettono la crescita delle viti. Immancabile, nella guida di Corniglia, i riferimenti alla gastronomia ligure, piatti della tipica tradizione come le acciughe sotto sale oppure i piatti preparati con il pesto o ancora una insalata di polpo, giusto per citarne alcuni.  Tutti perfetti da essere accompagnati con la locale produzione di bianco Vernaccia di Corniglia.

Corniglia è inoltre uno dei più antichi borghi d’Italia.
Grazie a scavi archeologici effettuati nei pressi del comune, sono stati rinvenuti alcuni manufatti di cui si stima l’origine in epoca romana. In particolare, su alcuni vasi di terracotta erano incise le parole Gens Cornelia, facendo dedurre che il nome del comune derivi dalla famiglia Cornelia.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Scopriamo cosa vedere a La Spezia, la vivace città portuale ligure

Cosa vedere a Corniglia

Corniglia è il borgo centrale tra le località che appartengono al Parco Nazionale, subito dopo Vernazza e prima di raggiungere Manarola, se si proviene da Genova. Corniglia è in realtà la frazione di Vernazza, caratterizzato da un rilassante centro storico ricco di chiese che meritano essere visitate. Una volta raggiunta Corniglia godrete di un panorama esclusivo, quello della rocca su cui il borgo è posizionato e che permette di ammirare la costa del Levante Ligure. Pronti a scoprire cosa vedere a Corniglia?

 

Via Fieschi e Largo Teragio

Il borgo è sviluppato su due strade principali, la via Stazione, che da est a ovest percorre la località fino a terminare in stazione, e la via Fieschi, che percorre da nord a sud il centro cittadino.

Visitando Corniglia ci si imbatte immediatamente in Largo Teragio, la piccola piazza esclusivamente pedonale dominata dall’Oratorio Santa Caterina e caratterizzata al suo centro dal Monumento ai Caduti. Largo Teragio è contornato da splendidi edifici colorati, al cui pianterreno hanno sede numerosi esercizi commerciali, tra cui ristoranti e negozi d’artigianato, oltre a un gran numero di hotel e B&B. Da Largo Teragio è possibile percorrere una breve scalinata che conduce ai resti di una storica torre, unica parte ancora oggi visibile di una fortificazione della Repubblica di Genova eretta alla metà del XVI secolo. Percorrendo un’altra scalinata, in discesa, è possibile recarsi alla Marina di Corniglia, l’unico attracco per le piccole imbarcazioni, riservato esclusivamente ai 300 residenti del comune.

Cosa vedere a Corniglia, Terrazza Santa Maria Seguendo sempre via Fieschi si giunge alla scenografica Terrazza di Santa Maria, nell’estremità occidentale del comune, molto probabilmente il miglior punto panoramico di Corniglia. Qui godremo di uno splendido panorama che, durante le giornate soleggiate, permetterà di scorgere verso sud fino a intravedere Manarola e Riomaggiore. Dalla Terrazza di Santa Maria avremo modo di scorgere la baia della Marina di Corniglia, sulla sinistra, e la Spiaggia di Gùvano, in direzione opposta.

Addentrandosi nell’immediato entroterra di Corniglia, proseguendo su via Fieschi, è possibile visitare la caratteristica Chiesa di San Pietro, costruita nel 16° secolo, sul sito di una preesistente basilica, in stile barocco con dettagli di arte gotica-ligure e pregevoli marmi di Carrara.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Cinque Terre, il borgo di Monterosso al Mare

La spiaggia di Corniglia

Spiaggia di Corniglia

La spiaggia di Guvano, meglio conosciuta semplicemente come spiaggia di Corniglia, è definita la migliore spiaggia naturista delle Cinque Terre. Per accedere alla spiaggia di Corniglia è necessario seguire un tunnel collocato all’estremità posto alla fine di una stretta viuzza. Grazie alla posizione nascosta rispetto al centro urbano, la spiaggia di Guvano è diventata a partire dagli anni ’70 meta prediletta dalla comunità hippy naturista. Mediamente, la spiaggia di Corniglia è meno affollata rispetto ad altre spiagge liguri, seppur comunque trafficata.

L’alternativa è lo spiaggione di Corniglia, più accessibile e agevole da raggiungere rispetto alla spiaggia di Guvano. Situato di fronte alla stazione ferroviaria, si raggiunge seguendo una scaletta che divide le file di bungalow. Lo spiaggione di Corniglia è composto da grossi sassi bianchi ed è riparato da una grande scogliera. Interessante anche il sentiero che, direttamente dalla spiaggia, permette di raggiungere a piedi il borgo di Manarola.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  I 12 migliori sentieri escursionistici in Italia

Cosa fare a Corniglia

Escursioni a Corniglia

Sentiero Azzurro, Corniglia Cinque Terre

Corniglia è meta prediletta dagli appassionati di trekking. La favorevole posizione centrale e rialzata le ha permesso di guadagnarsi il titolo come fulcro delle attività escursionistiche nelle Cinque Terre. Il sentiero più rinomato e attraversato è il sentiero Azzurro, che permette di raggiungere Vermazza.

Altro sentiero escursionistico, ancor più scenografico seppure impegnativo, è quello che conduce sino al Santuario di Nostra Signora delle Grazie e, proseguendo, si raggiunge il valico della Cigoletta, a 600 metri d’altezza dal mare.

Eventi e Manifestazioni a Corniglia

Il Santo Patrono di Corniglia, San Pietro, viene festeggiato il 29 giugno. Le celebrazioni per San Pietro prevedono un’interessante processione che attraversa per intero la via Fieschi. Inoltre durante questo evento i commercianti allestiscono varie bancarelle in cui acquistare specialità gastronomiche e artigianali delle Cinque Terre.

Da non perdere anche la celebrazione di San Bernardino, datata 8 settembre, che prevede il pellegrinaggio verso il Santuario Mariano, situato a poca distanza dal paese, nell’entroterra di Corniglia Cinque Terre.

Ultimo aggiornamento 9 settembre 2021


 

Condividi su: