Colazione in hotel: ecco cosa occorre sapere

Colazione in hotel, cosa occorre sapere per iniziare in maniera ottimale la giornata. Ecco alcuni consigli per scegliere il giusto breakfast.

Il breakfast in Hotel, quello che forse non sapete

Chi viaggia spesso conosce le varie tipologie di colazione presenti negli alberghi.
Ma anche come turisti l’importanza del primo pasto è universalmente riconosciuta.

Prima di cedere alla tentazione di cibi grassi e malsani, con il rischio di compromettere l’intera giornata, prova a seguire questi consigli. Ti permetteranno di ottenere il meglio per te stesso senza appesantiti troppo e senza rischiare di mangiare davvero male.

Scegli un hotel con Wellness Breakfast

Scegli un hotel con Wellness Breakfast

Alcuni hotel offrono opzioni di colazione più sane di altri.
Spesso la categoria dell’hotel influenza anche la colazione ma andate sul sicuro scegliendo le catene o gli hotel che appartengono alla categoria Wellness. In questo caso troverete con certezza, o quasi, una prima colazione con prodotti salutari e leggeri.

Ovviamente non è necessario soggiornare in hotel costosi per ottenere prodotti freschi e digeribili. Diverse catene alberghiere di medio livello la offrono, come ad esempio Holiday Inn Express.

Scegli cibi integrali e non lavorati

La scelta di mangiare cibi non lavorati o integrali dovrebbe essere consuetudine. Quando però si è in viaggio, sia per lavoro che per svago, rimanere in forma è ancora di più indispensabile.

Scegliete sempre frutta fresca o uova appena preparate. Meglio evitare troppi dolci per non appesantirsi.
I cereali vengono considerati cibi lavorati poiché non si conosce con precisione il loro contenuto.
In generale scegliere di mangiare ciò che sembra fatto in casa, o comunque preparato non industriale, può rivelarsi perfetto per iniziare alla grande la giornata.

Evitare succhi e bevande zuccherate

Evitare succhi e bevande zuccherate

Assumere meno zuccheri significa migliorare il proprio livello di glucosio ma anche evitare di assumere delle calorie inutili.
Una tazza di succo di arancia zuccherato contiene oltre 100 calorie, un cappuccino zuccherato supera le 120. Un modo salutare è quello di consumarlo con latte parzialmente scremato a cui possiamo unire del cacao amaro e del dolcificante. In questo caso le calorie scenderanno a 70.
In alcuni hotel è possibile richiederlo, magari precisandolo in anticipo durante il check-in.

Cosa non mangiare nel aeroportiEcco cosa non mangiare mai nei ristoranti degli aeroporti
Quando si è in viaggio a volte occorre fare una pausa pranzo in aeroporto. Scopriamo cosa non mangiare durante il viaggio.

Continua a leggere


Da evitare
quindi se possibile quello delle macchinette presenti in sala colazione.

Bere acqua con un caffè risulta essere sicuramente ideale, anche in questo caso potreste decidere di non zuccherarlo oppure di farlo con un dolcificante. Il succo di frutta lo trasformiamo invece in una porzione di frutta fresca.
Alcuni hotel stanno introducendo delle verdure di stagione. Se le trovate sceglietele, vi riempiranno lo stomaco ma senza appesantirvi.

Pianifica la tua colazione

Frutta e verdura a colazione in hotel

Se vuoi rimanere in salute anche in viaggio puoi pianificare cosa scegliere per colazione già il giorno prima. Spesso è possibile verificare cosa l’hotel propone, o al limite domandarlo, in modo da evitare di cadere in tentazioni.

Ecco che potreste provare a valutare quale frutta o verdura è disponibile, cosa viene preparato in casa e quanto vorresti davvero mangiare.
Se si ha intenzione di mangiare meno a pranzo potreste valutare di apportare invece del 20-25% di calorie necessarie qualcosina in più, diminuendo quindi il valore a pranzo.

Ma solo se siamo in vacanza, a casa ritorniamo alle nostre sane abitudini.
Se invece la colazione proprio non è quella che ti aspettavi, prendi un caffè unito a qualcosa come faresti a casa e aspetta di rigenerarti a pranzo. Niente di peggio che iniziare male la giornata quando si è fuori casa.

Scopri di più:

Gli aeroporti preferiti dai viaggiatori
Come sopravvivere ai ritardi degli aerei

 

Condividi su: