Città di Castello, la pace immersa nella valle umbra

Città di Castello, la pace immersa nella valle umbra


Condividi su:

Città di Castello, Perugia

Tutti gli articoli della provincia di Perugia
Cosa vedere a Città di Castello, mappa
© Yandex maps

icona-articoloTra i luoghi dove pace e serenità regnano da sempre, Città di Castello è un comune abitato da poco meno di 40.000 residenti posto nella provincia di Perugia. Siamo nell’alta valle del Tevere e Castello, come viene familiarmente chiamato, è una località quasi da cartolina, posizionato all’interno di una immensa valle verde dove è appunto la quiete la protagonista assoluta. La sua posizione, nell’Alta Valtiberina, lo vede a circa 20 km da Sansepolcro e perfetto per scoprire l’Alta Umbria, quel fazzoletto di territorio dove la provincia di Perugia incontra la Toscana e le Marche. La Romagna è poco più distante ma la sua influenza è altrettanto visibile. Città di Castello è definibile come un ponte naturale tra Mar Adriatico e Mar Tirreno, la città storicamente aperta a nuove culture, sempre pronta a miscelare nuove tradizioni. Pronti a scoprire cosa vedere a Città di Castello?

 

Cenni storici

Cosa vedere a Città di Castello, centro storico

Città di Castello, nonostante i relativamente pochi abitanti, ha un territorio vastissimo, una placida valle che permette di avere una densità a metro quadro tra le più basse di tutto il Centro Italia. Nata ai tempi degli Umbri, Città di Castello ha avuto i suoi primi trascorsi etruschi ma è solo dopo essere diventata città municipio romana che ha avuto i suoi primi sviluppi.

Nota prima come Tifernum Tiberinum, poi Castrum Felicitatis e infine Castrum Castelli, la città è diventata libero comune nel XII secolo. Nel periodo medievale diventò indipendente e, in varie occasioni, invece soggetta al Papato. Nel XVI secolo, durante il periodo Borgia, passò sotto l’egidia dello Stato pontificio dove vi rimase fino al 1860 con la proclamazione del Regno d’Italia. La sua storia così antica e ricca di avvenimenti ha regalato alla cittadina umbra un enorme patrimonio artistico e culturale.

 

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Gubbio, il magico borgo medievale del monte Ingino

Cosa vedere a Città di Castello

Cosa vedere a Città di Castello, Piazza Matteotti

Una storia cosi travagliata ha naturalmente molto da offrire al turista. Difficile riuscire a scegliere cosa vedere a Città di Castello in poche ore, bisognerebbe pianificare almeno un paio di giornate per riuscire ad avere una panoramica almeno completa. Ecco le principali attrazioni, quelle che possono essere visitate in una giornata.

 

Il Duomo

Cosa vedere a Città di Castello, il Duomo

Ponetelo subito tra le prime cose da vedere a Città di Castello. Il Duomo è tra le opere architettoniche davvero imperdibili grazie a una miscela di stili che ci ricordano come nei secoli è stato più volte restaurato. La sua facciata, ancora incompiuta, risale al Seicento mentre la parte superiore è stata lavorata parecchi anni dopo, nel XV secolo. Il suo campanile risale invece al XII secolo e la cupola invece ricostruita nel Settecento dopo che un terremoto l’aveva distrutta. I suoi interni sono invece rinascimentali con alcuni interessanti affreschi.

Sempre gli affreschi sono tra i protagonisti del vicino Museo, tra cui una tela del Pinturicchio raffigurante una Madonna con Bambino e San Giovannino. Nel museo è anche presente una interessante collezione di ori e argenti, oltre che numerosi cimeli sacri.

 

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Cosa vedere al Lago Trasimeno, il quarto lago italiano

Palazzo dei Priori

Cosa vedere a Città di Castello, Palazzo dei Priori

A breve distanza dal Duomo troviamo il Palazzo dei Priori, noto anche come Palazzo Comunale. Iniziato a costruire nel 1322, venne interrotto dopo 16 anni di lavori risultando completo solo fino al primo ordine di bifore. Tra le cose da vedere a Città di Castello, il Palazzo dei Priori attrae per il suo stemma cittadino presente in diversi punti dell’edificio. Nella porta minore è invece da notare la figura della Giustizia, che simboleggia lo scopo dell’edificio. L’intero edificio non è mai stato completato e ancora oggi è rimasto all’epoca della sua parziale conclusione, nel 1328.

Una volta entrati non perdetevi, dopo aver superato la maestosa scalinata risalente al Cinquecento, il Salone del Consiglio, in passato si suppone interamente affrescata, visti i rimasugli rinvenuti. Nella sala a fianco, la Sala della Giunta, troverete invece una tela di Vincenzo Barboni, pittore locale, risalente al 1832.

 

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Ecco Gubbio, il monte medievale sul Monte Ingino

Palazzo Vitelli alla Cannoniera

Cosa vedere a Città di Castello, Palazzo Vitelli alla CannonieraUscendo dal Palazzo dei Priori, percorrete la via Battisti per raggiungere l’altro grande palazzo da inserire tra le cose da vedere a Città di Castello. E’ il Palazzo Vitelli alla Cannoniera, l’attuale Pinacoteca Comunale, costruito nel 1532 dopo 11 anni di lavori. Il suo nome ricorda che la struttura fu voluta dalla famiglia Vitelli mentre il nome cannoniera ricorda che poco distante aveva proprio sede un deposito di cannoni.

Passato di mano diverse volte, il Palazzo Vitelli alla Cannoniera venne completamente restaurato da uno dei suoi proprietari, l’antiquario Elia Volpi, e dal 1912 il Palazzo è di proprietà comunale. L’edificio venne infatti donato dall’ultimo proprietario con lo scopo di realizzarne la Pinacoteca. Al suo interno diversi sono i capolavori ospitati, ma sono imperdibili anche gli affreschi che rappresentano varie imprese di Cesare e Alessandro Magno, Scipione e Annibale. A livello di opere conservate in Pinacoteca troviamo materiale prodotto da Vivarini, Raffaello e Ghirlandaio.

 

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Benvenuti a Rasiglia, il medievale borgo umbro

Il Palazzo del Podestà

Cosa vedere a Città di Castello, Palazzo del Podestà

Poco distante troviamo la Piazza Matteotti dove ha sede il Palazzo del Podestà realizzato da Angelo da Orvieto in seguito al Palazzo dei Priori. La realizzazione fu voluta dalla famiglia dei Tarlati di Pietramala, i signori di Città di Castello dal 1324 al 1335, anche se la sua conclusione avvenne dopo, nel 1368. Visibili ancora oggi, sotto i portali, i fregi e gli stemmi dei Podestà che nel tempo hanno governato la città. La sua facciata è stata realizzata in blocchi di pietra arenaria.

A breve distanza da Piazza Matteotti raggiungeremo invece la Torre Civica, risalente al XIII secolo, nota come Palazzo Vescovile e posizionata proprio a fianco il palazzo del Vescovo. Siamo in uno degli edifici che nel tempo hanno racchiuso il potere governativo della città e in passato adibito anche a carcere.

 

OneMag - Logo Micro
Link-uscita icona  Massa Martana, il pittoresco borgo medievale di Perugia

Chiesa di San Domenico

Proseguiamo la nostra visita tra le cose da vedere a Città di Castello raggiungendo il Tempio di San Domenico, costruita nel Quattrocento.

Anche per questo edificio, numerosi furono i vari interventi durante i secoli, tra cui il più importante, avvenuto nel 1724, quando venne rimaneggiata per essere trasformata in stile barocco. Parte di queste elaborazioni sono state però rimosse nel secondo decennio del secolo scorso, riportando alla luce numerosi affreschi parziali.

La sua facciata risulta incompiuta, come anche il suo portale principale.  Al suo interno potrete invece ammirare la struttura a unica navata che conserva numero affreschi risalenti al Quattrocento. L’altare maggiore conserva invece il corpo della Beata Margherita mentre da ammirare le porte intagliate che conduce alla sacrestia, impreziosita da numerosi armadi del Settecento.

Chiesa di San Francesco

Cosa vedere a Città di Castello, Chiesa di San FrancescoAltro edificio religioso da non perdere tra le cose da vedere a Città di Castello è la Chiesa di San Francesco. Consacrata nel 1921, la chiesa è stata più volte restaurata e della costruzione originale oggi rimangono unicamente le tre absidi e il fianco destro della struttura. L’interno invece, a unica navata, è stato completamente rivisto nel 1702 e vent’anni dopo.

La chiesa di San Francesco ospita la cappella della famiglia Vitelli, realizzata a metà del 1500.


 

Condividi su: