Chascona, la casa museo di
Pablo Neruda a Santiago del Cile

Tutti gli articoli del Cile

Icona articoloChascona, la casa di Neruda a Santiago del Cile, è un tenero omaggio alla sua Matilde Urrutia. Lo comprendiamo proprio dal nome con cui la struttura è ancora oggi conosciuta, l’affettuoso nomignolo con il quale il poeta e scrittore chiamava la sua amata di sempre. Chascona è infatti la definizione perfetta per Matilde, la donna ‘dai capelli arruffati’. Oltre a questo di semplice c’è ben poco.

La casa di Neruda è infatti tutt’altro che banale o semplice, una sorta di labirinti colmati in parte dalle scale che cercano di bilanciare i vari livelli in cui l’abitazione è costruita.

La Chascona a Santiago del Cile

Chascona a Santiago del Cile, ingresso

La Chascona, la casa museo di Pablo Neruda, difficilmente rientra fra gli itinerari consueti tra le cose da vedere a Santiago del Cile, ma non lasciatevi influenzare. Prendete il giusto tempo per visitare questa meravigliosa abitazione, una delle attrazioni che invece dovreste mettere ai primi posti tra le attrazioni culturali della capitale cilena.

Situata nel quartiere Bellavista, forse il luogo residenziale più di classe di tutta la capitale cilena, ed è comodamente raggiungibile con la metropolitana scendendo alla fermata di Baquedano. E’ a pochi km dal centro città e se la giornata lo permette potrebbe essere anche semplice arrivarci con una bella passeggiata.

L’abitazione, una volta raggiunta, si erge su tre piani e intorno avrete modo di ammirare il giardino. State ammirando quello che oramai da tempo è stata inserita nell’elenco dei Monumenti Nazionali del  Cile e al suo interno trovate le stanze originali abitate dal poeta e dalla sua amata.
Da notare le finestre, realizzate a forma di oblò, che rendono chiara l’intenzione di far sembrare l’abitazione l’interno di una nave.

OneMag-logo
Link-uscita icona Cile, cosa non perdere assolutamente

Il Museo

Chascona, la casa di Pablo Neruda

Oggi la casa è destinata a edificio museale ed entrarvi significa passeggiare in una abitazione singolare, come il carattere dell’artista.

Nella zona giorno sono da notare i camini mentre la zona notte regala una ampia panoramica grazie alla finestra posta sopra la cascata. Gli altri ambienti sono in linea con lo stile di Neruda, una sala da pranzo dove il tema principale è la natura morta o lo studio, dove è ancora possibile trovare proprio il tavolo da lavoro utilizzato per lungo tempo.

Il museo regala una completa immersione nella vita del poeta grazie agli accessori e agli oggetti personali da lui utilizzati. Oltre agli immancabili libri, singolari le tazze di vetro, oggetti da collezione di Neruda che era solito raccogliere in ogni tappa affrontata per lavoro o per semplice turismo. Interessanti anche le tante sculture africane in legno.

La Chascona non era l’unica abitazione di Neruda, altre due erano infatti i suoi due luoghi di pace, la Sebastiana e la Isla Negra. Entrambe al momento sono visitabili unicamente dietro prenotazione e compilazione del formulario al → sito web ufficiale. Tuttavia era proprio la Chascona la preferita dell’artista nato nel 12 Luglio del 1904 con il nome di Ricardo Eliecer Neftalí Reyes Basoalto, noto a tutto il mondo come Pablo Neruda. Qui morì nel settembre del 1973.

OneMag-logo
Link-uscita icona Rapa Nui, la grande Isola di Pasqua

Informazioni utili sulla Chascona di Santiago del Cile

Consigliabile, ma non obbligatorio, prenotare con anticipo di almeno un giorno, specie se vi trovate in alta stagione.

All’interno è vietato l’uso della macchina fotografica e pertanto non sono facilmente reperibili immagini, tranne che quelli presenti nelle guide ufficiali in vendita in loco.

location_icon onemagFernando Márquez de La Plata 0192, Santiago, Providencia, Región Metropolitana, Cile
+56 2 2777 8741

Orario_icona onemagAperto da martedì a sabato
dalle 11.00 alle 16.00

prezzi_icona onemag$7.000 (circa 8,20€, cambio gennaio 2021)
$2.500 (ingresso ridotto per studenti con credenziali e ai visitatori cileni con età superiore a 60 anni)

Icona web onemagSito ufficiale

 

Ultimo aggiornamento: 6 Gennaio 2021