Cerknica e il suo peculiare lago

La città di Cerknica in Slovenia dista circa una cinquantina di chilometri da Trieste ed è nota per il suo lago particolare e molte possibilità turistiche nella natura. Tra le cose da vedere a Cerknica segnaliamo il museo dedicato al lago e il il Parco regionale della Notranjska. Tra le cose da non perdere assolutamente, inoltre, ricordiamo la gola di Rakov Škocjan e le famose grotte di Križna Jama, le meglio conservate di tutta la regione. Ecco cosa vedere a Cerknica.4 min


Cosa visitare a Cerknica

Guida di Cerknica, Slovenia

icona-articoloCi troviamo nell’area sud-occidentale della  Slovenia, dove ad una cinquantina di chilometri da  Trieste è possibile visitare il peculiare lago Cerknica, Circonio in italiano, e l’annesso omonimo comune.

La città si sviluppa per ben 250 chilometri quadrati di gran parte a ridosso di una collina. Il comune di Circonio è il prodotto dell’unione di ben 64 insediamenti, definiti da molti turisti come dei veri gioielli del turismo in Slovenia.
Basta anche una breve passeggiata lungo la costa del particolare lago pluviale per concepire la bellezza ed il fascino che possiede quest’area. In inverno con alberi e viali imbiancati, con la serenità ed il magnifico silenzio, in estate invece con una foresta dipinta da una colorazione smeraldina stupenda e da quel brusio di animali ed onde che caratterizza il tutto.

In Slovenia è possibile visitare laghi di una maggiore grandezza, che però difficilmente superano di bellezza quello di Cerknica. Preparate il vostro zaino e vestitevi comodi, il comune ed il lago Circonio vi aspettano.

Cosa vedere a Cerknica

Lago di Cerknica

Cosa visitare a Cerknica

Chiunque faccia visita spesso al lago di Cerknica ha notato un dettaglio molto importante, il suo continuo e repentino cambio della sua profondità. Infatti già in tempi antichi il lago cambiava di stagione in stagione, sino ad arrivare alla prosciugatura totale.

Il lago si sviluppa in un ampio spazio di 38 chilometri quadrati, tuttavia la sua profondità, durante la piena, si stabilizza attorno ai tre metri. Il particolare fenomeno del netto abbassamento deriva dal terreno sottostante, che in certi periodi fa penetrare l’acqua.

La superficie massima che ha raggiunto l’acqua nella sua storia è stata pari a 40 chilometri quadrati. Parallelamente, durante i periodi di siccità è possibile anche guidarci visto la dimensione decimata. Agli occhi risulta indubbiamente uno spettacolo incredibile, ma è anche un’importante riserva naturale, fondamentale per la tutela della ricca biodiversità che risiede nel territorio.

Nell’area infatti vi è un’alta concentrazione di specie selvatiche, tra cui oltre 270 specie di avifauna, 45 di mammiferi e ben 15 di anfibi, rari da trovare in altre aree del paese.

Per riempire il lago bastono anche solo un paio giorni di abbondante piogge ma per prosciugarlo servono invece quasi 4 settimane, visto il lento processo della filtrazione.

OneMag-logo
Caporetto, la città slovena della celebre battaglia

Museo del lago

Cosa vedere a Cerknica

Come è facile dedurre, questo lago è il centro turistico della città e delle sue zone limitrofe. Parte di questa notorietà è data dalla valorizzazione e tutela di questo ambiente, motivo per cui è stato istituito il museo del lago.

Il museo si trova nel villaggio costiero di Dolenje Jezero, nel confine sud di Cerknica. Al suo interno quello che viene subito all’occhio è un modellino in scala 1 a 2500 del lago. Questo raffiugura il lago assieme alle sue tre isole ed al fiume Strzen che lo alimenta nei periodi di piena.

Nella mostra è possibile comprendere a fondo la storia e la geologia del lago, grazie anche alla presenza di illustrazioni dettagliate e video esplicativi. Durante questa visita, dalla durata di circa un’ora, infatti verrà esposto il sistema idrologico del lago e il suo funzionamento durante le diverse stagioni.

Sempre all’interno del museo del lago sono visitabili mostre sulla crescita e lo sviluppo di ogni aspetto della pesca locale, assieme a sale dedicate all’evoluzione delle tecniche per la costruzione delle imbarcazioni. Quindi se siete interessati a conoscere al meglio la storia, la vegetazione e l’idrologia di questo particolarissimo lago, famoso a livello internazionale, questo museo è la soluzione perfetta per voi.

OneMag-logo
Cosa vedere ad Idria in Slovenia

Parco regionale della Notranjska

Parco regionale della Notranjska

Finita la visita alla maggior attrazione di questa città, possiamo continuare le passeggiate attraverso la natura carsica della zona adiacente al lago, dove si sviluppa il Parco regionale della Notranjska.

Il parco si estende per ben 220 chilometri quadrati e vanta numerosi fenomeni carsici dovuti alle rocce calcaree nel terreno. Tra questi c’è ovviamente il lago intermittente, le numerose grotte, tra cui spicca la grotta di Križna, e la gola di Rakov Škocjan.

La riserva presenta inoltre paesaggi boschivi, zone umide e frutteti assieme ad attrazioni di tipo culturale come gli antichi edifici preservati e le vecchie ruspe utilizzate nella zona.

Questo luogo permette infine agli appassionati della natura il birdwatching, mentre per gli sportivi ci sono percorsi appositi dove praticare ciclismo e jogging.

OneMag-logo
Lubiana, cosa vedere nella capitale slovena

Gole di Rakov Škocjan

Rakov Škocjan

All’interno del parco citato poc’anzi si trova la gola di Rakov Škocjan, un elemento caratteristico del paesaggio carsico.

Le gole lunghe complessivamente 2,5 chilometri si trovano a ovest della città e sono state scavate nel corso dei secoli dal fiume Rak, prima di diventare immissario del fiume Pivka. Assieme alle gole si sono formate numerose grotte, le grotte di Škocjan appunto, assieme a cavità e sorgenti abitate dall’uomo per oltre 5000 anni.

La zona offre infine numerosi sentieri escursionistici e percorsi ciclabili attraverso e intorno alla gola.

OneMag-logo
Bled, lago e città ai piedi delle Alpi Giulie

Grotte Križna Jama

Cosa visitare a Cerknica

Sempre nel Parco Regionale della Notranjska, sono presenti le famose grotte di Križna Jama, le meglio conservate di tutta la regione. Preparatevi a dover indossare torcia e salvagente, perché all’interno non è presente alcun sistema di illuminazione e tutte guide turistiche prevedono un giro in gommone.

Queste grotte infatti non sono solo note per come son state rigorosamente preservate, tramite numerose precauzioni, ma sopratutto per i suoi 45 laghi sotterranei. Di questi 22 sono navigabili col gommone e la profondità massima di questi laghi è di circa 7 metri.

In ogni visita è previsto un percorso col gommone dove, in base al tempo a disposizione, si visiteranno da un lago (in appena un’ora) fino a tutte e 22 le pozze navigabili (in oltre 6h di visita).


Like it? Share with your friends!