Cattedrale di Santa Maria della Sede di Siviglia

La Cattedrale di Santa Maria della Sede di Siviglia è il luogo di culto più importante e straordinario della Spagna. Scopriamo la Cattedrale di Siviglia.

Siviglia,
Cattedrale di Santa Maria della Sede

Icona articoloOltre 700.000 persone vivono, lavorano e vivacizzano la variopinta città di  Siviglia, nella zona sud-ovest della  Spagna. Parliamo di una delle località turistiche più ricche di attrazioni di tutta  Europa, dove i visitatori trascorrono anche diverse settimane per recarsi in ognuna di queste.

Il simbolo per eccellenza della pittoresca Siviglia è senza dubbio la Cattedrale di Santa Maria della Sede, quarta per grandezza di tutto il mondo e prima per lo stile gotico, al cui secondo posto troviamo il nostrano Duomo di  Milano.

E non è ancora tutto: parlando di dimensioni, la Cattedrale di Santa Maria della Sede di Siviglia è la terza chiesa cristiana più grande al mondo, superata da San Pietro, in Vaticano, e da Nostra Signora di Aparecida, situata a San Paolo.

Storia della Cattedrale di Siviglia
Cosa visitare a Siviglia

Una Cattedrale che già solo dai numeri risulta essere tra le più importanti al mondo, è facile intuire che si tratti anche di una con uno tra i passati più interessanti al mondo, parlando sempre di Cattedrale.

L’edificio viene inaugurati nei primi anni del 15° secolo, nel sito in cui precedentemente sorgeva la Moschea Aljama. Il terreno in cui sorge ora la Cattedrale ricorda una storia per la sua costruzione particolarmente intesa, divisa per fasi edilizie durate pressapoco 3 secoli.

Il primo fil di ferro ad essere stato piantato nell’allora terreno risale nel 1172, in quel che sarebbe poi diventata la Moschea al-Moharrem, che proseguì fino al 1198, venendo però inaugurata già nell’aprile del 1182.

Qualche decennio più tardi, nel 1248, la moschea viene comandata dall’arcidiocesi, che comprendeva il Regno di Siviglia. Dopo circa due secoli la moschea viene demolita e, nel 1433, si inizia a progettare il prototipo del tempio in stile gotico.

La consacrazione avviene nel 1507, senza essere tuttavia ancora completata. Per riuscire ad osservarla nel suo massimo splendore si deve aspettare il 1593. Nel 1528 vengono progettate le tanto celebri sacrestie e vengono ampliate le torri in stile classico.

Qualche decina di anni dopo, tra il 1618 ed il 1663, in pieno splendore del Barocco, viene ideata la costruzione del Santuario, che tuttavia rimane incompleto. Gli anni passano sino a giungere alla seconda metà del 18° secolo, periodo in cui l’Accademia si occupa della monumentalizzazione, che termina nel 1797.

Esterno della cattedrale Siviglia

Cosa visitare a Siviglia
Patio de los Naranjos

Iniziamo il nostro viaggio dall’esterno della meravigliosa Cattedrale di Siviglia. La caratteristica di maggiore rilievo è la  Giralda, la struttura adibita sia a torre che a campanile e dichiarata patrimonio dell’umanità UNESCO.

Con 100 metri di altezza e 13 di larghezza, la Giralda si aggiudica il primato di una tra le più grandi torri campanarie del mondo. La Giralda è possibile visitarla fino all’altezza di circa 70 metri, dove il turista potrà godere il magnifico panorama sulla città.

All’esterno della Cattedrale di Siviglia è possibile godersi anche il Patio de los Naranjos, ovvero uno spazio di forma rettangolare in cui il patio è sito all’interno di un chiosco. 

Anche la stessa pianta della cattedrale si presenta di forma rettangolare, caratteristica che ha permesso ai lati stretti di venire ornati con sette archi. Viceversa, quelli più larghi ne avevano tredici, suddivisi in due file da sei con un enorme arco al centro, che viene chiamato Puerta del Perdón.

Possiamo affermare che il Patio de los Naranjos rappresenta uno dei principali luoghi della Cattedrale di Siviglia, poiché è direttamente integrata nel Patio. Tuttavia durante i secoli la Cattedrale ha subito numerose modifiche, che avevano cambiato non indifferentemente l’aspetto del Patio, i cui sono durati per ben 24 anni ed iniziati nel 1172. 

La facciata principale della Cattedrale ha ben tre portali distinti: la Puerta de la Asunción, la Puerta del Nacimiento e la Puerta del Bautismo. Alla fine del 14° secolo, oltretutto, vengono costruiti dei gradini e utilizzati fin da subito per scambi commerciali.

Interno della struttura

Cosa visitare a Siviglia
Tomba di Cristoforo Colombo

La Cattedrale di Siviglia al suo interno è caratterizzata da cinque navate in pieno stile gotico, che tra loro formano una pianta rettangolare. Visto i muri particolarmente sottili e le finestre piccole sono composte da ottime vetrate.

All’interno della Cattedrale è situato il monumento di Cristo de la Clemencia e la navata centrale è divisa in due aree principali. Il coro, che è confinato da grandi organi, e la Cappella Maggiore, in cui è invece presente l’immenso altare maggiore.

Continuando il percorso attraverso la Cattedrale sono situate ben 25 cappelle. Da non perdere sono quelle di Capilla Real, la Capilla Mayor e infine quella di San André, per via del loro patrimonio storico e culturale. All’interno della Cappella reale troviamo la Pala d’altare più grande del mondo, la sua costruzione è durata oltre 80 anni.

L’edificio viene quindi diviso in tre aree principali: la navata di re Ferdinando III, la crociera e il retro coro. Al suo interno sono presenti anche i resti di Cristoforo Colombo, deposti nel bronzo e sorretti da quattro grandi araldi.

Scopriamo Siviglia

Viaggio a Siviglia, la capitale dell’Andalusia
Torre dell’Oro di Siviglia
La Giralda di Siviglia
Il Real Alcázar, il palazzo reale di Siviglia
Visitare Stadio Olimpico di Siviglia
Plaza de Toros, uno dei simboli di Siviglia
Ponte Triana, il viadotto sopra il fiume di Siviglia
Monastero della Cartuja, viaggio nella storia di Siviglia
Plaza de España, attrazione più affascinante di Siviglia
Plaza Nueva, lo shopping e la movida di Siviglia
Parco Maria Luisa, il parco pubblico a Siviglia
Museo di Belle Arti di Siviglia

 

Condividi su: