Cattedrale di Cristo Salvatore

Visitare la Cattedrale di Cristo Salvatore vicino alla Piazza Rossa significa scoprire l'imponente edificio ecclesiastico principale dell'intera Russia. La Cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca è in grado di ospitare sino a 10000 fedeli contemporaneamente ed è caratterizzata da ornamenti sfarzosi e dimensioni imponenti, sia all'interno che all'esterno, visto anche la notevole altezza di 104 metri. Conosciamo nel dettaglio la Cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca.3 min


0
Cosa visitare a Mosca vicino alla Piazza Rossa
Condividi su:

Cattedrale di Cristo Salvatore, Mosca

Icona Lente IngrandimentoTi interessa Mosca?
Clicca qui per scoprire tutte le guide dedicate a Mosca

icona-articoloA sud del ⇒ Cremlino e dalla  Piazza Rossa, nel cuore di Mosca, troviamo l’imponente edificio ecclesiastico della Cattedrale di Cristo Salvatore. Facilmente riconoscibile per le sue cupole dorate a forma di cipolla, si tratta non solo della chiesa principale di Mosca, ma dell’intera Russia.

Con le ragguardevoli dimensioni di 104 metri di altezza, in grado di ospitare contemporaneamente quasi 10.000 fedeli, la Cattedrale di Cristo Salvatore è quella deputata ad ospitare le principali funzioni religiose.
Una chiesa dalla tale importanza non può essere nient’altro se non incredibile o maestosa. I suoi interni rispecchiano perfettamente lo stile russo, con numerosi affreschi incorniciati con placche d’oro e con decorazioni curate nei minimi dettagli.

La storia della Cattedrale di Cristo Salvatore

La Cattedrale di Cristo Salvatore

La sua storia ha avuto origine nel Natale del 1812, quando l’esercito di Napoleone abbandonò il territorio russo. Lo stesso giorno l’imperatore Alessandro I diede vita alla progettazione della Cattedrale di Cristo Salvatore.

Ci vollero 44 anni e finanziamenti importanti da parte dello stato e del popolo. L’inaugurazione non fu affatto casuale: infatti la sua consacrazione avvenne nello stesso giorno dell’incoronazione di Alessandro III, il 26 maggio del 1883.

Successivamente alla Rivoluzione d’Ottobre, il sito in cui sorgeva la Cattedrale venne utilizzato per la costruzione di un imponente monumento dedicato al socialismo ed a Lenin.

Per tale motivo il 5 dicembre del 1931 venne demolita la cattedrale, tuttavia il “palazzo dei soviet” non ha mai visto la luce per mancanza di fondi e per l’instabilità territoriale, visto la vicinanza al fiume Moscova.

Venne quindi adottata una soluzione molto più economica e comunque di un certo impatto: quello di realizzare la piscina all’aperto più grande del mondo. Gli anni passarono e si decise di ricostruire la cattedrale, che venne inaugurata nell’agosto del 2000.
La consacrazione venne eseguita dal patriarca Alessio II ed oggi la chiesa è sede del culto del primo gerarca della Chiesa Ortodossa.

Tra il 2003 ed il 2004 venne costruito alle spalle della Cattedrale il Ponte dei Patriarchi, un ponte pedonale al cui fianco sorgono i monumenti dedicati ad Alessandro II e Nicola II.

La struttura della Cattedrale di Cristo Salvatore

La Cattedrale di Cristo Salvatore

Il tempio si presenta con una struttura a forma di croce equilatera ed è diviso in tre principali parti.
La centrale, caratterizzata dall’altare, la galleria superiore composta da due navate ed infine la galleria inferiore, costituita dal memoriale in onore agli eroi militari della battaglia contro Napoleone.

La Cattedrale è stata costruita in stile neoclassico russo.
La facciata sul lato del fiume Moscova, quella meridionale, è caratterizzata da bassorilievi narranti la storia della guerra che si svolse qua nel 1812.
Da osservare con cura anche l’icona della Madre di Dio di Smolenks, situata nel medaglione centrale superiore. Questa icona è stata per tre mesi nell’esercito russo, e prima della battaglia di Borodino, è stata portata in mezzo a filari di truppe.

Spostandoci sul lato orientale del tempio, nel 2005 è stato eretto un monumento dedicato all’imperatore Alessandro II, detto il Liberatore. Verso ovest troviamo una cappella di legno dedicata all’icona della Madre di Dio.
La cappella risale invece al 1995, in data antecedente alla costruzione effettiva della Cattedrale. Infatti, proprio in questa cappella si pregava per la ricostruzione dell’edificio ecclesiastico.

Cosa vedere nella Cattedrale di Cristo Salvatore

Tra le cose da vedere, 177 lastre di marmo, caratterizzate con incisioni dei nomi dei cavalieri d’oro di San Giorgio, possono essere ammirate nella galleria inferiore del tempio, in un memoriale della guerra patriottica.

Da osservare con cura è la facciata settentrionale della Cattedrale, che è dedicata al periodo estero della guerra patriottica. Lateralmente, nei medaglioni, sono figurati i santi e le feste celebrate nella campagna di battaglia contro Napoleone.

Negli altorilievi sono invece rappresentate immagini dei grandi apostoli e dei santi vissuti nei primi secoli della Chiesa. Nell’area orientale del tempio sono raffigurante invece le scene del Natale e della Risurrezione del Salvatore.

Per ultimo, ma non meno importante, nel medaglione centrale superiore è presente l’icona della Madre di Dio Vladimir. Qua situata in memoria alla battaglia di Borodino, avvenuta il 26 Agosto del 1812.

Icona Lente IngrandimentoTi interessa Mosca?
Clicca qui per scoprire tutte le guide dedicate a Mosca
Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0