Castello di Dobříš, Repubblica Ceca | L'affascinante castello barocco vicino a Praga
Castello di Dobříš, Repubblica Ceca | L'affascinante castello barocco vicino a Praga

Castello di Dobříš, Repubblica Ceca | L’affascinante castello barocco vicino a Praga


Condividi su:

Castello di Dobříš, Repubblica Ceca

Leggi tutti gli articoli della Repubblica Ceca
Mappa del Castello di Dobříš, Repubblica Ceca
Mappa del Castello di Dobříš, Repubblica Ceca

Icona articoloAi bordi di ⇒ Praga, circa cinquanta chilometri verso sud dalla capitale della Repubblica Ceca, si trova il Zámek Dobříš, uno dei più affascinanti castelli della Boemia Centrale. Caratterizzato dallo stile architettonico tardo barocco misto a elementi rococò, il Castello di Dobris rappresenta la principale attrazione turistica dell’omonima cittadina boema.

Aperto tutto l’anno ai turisti, il Castello di Dobris vanta ricche decorazioni ornamentali, mentre esternamente si può compiacere un curatissimo giardino all’inglese parallelo a quello gemello, di stile invece francese. Oggi il Zámek Dobříš è stato adibito a hotel di lusso, quattro stelle completamente meritate in grado di offrire soggiorni indimenticabili. Inoltre, grazie alle ampie sale interne, è possibile scegliere di organizzare matrimoni e grandi eventi, così da goderseli in uno scenario davvero da pelle d’oca.

Cenni storici

Il parco del Castello di Dobříš, Repubblica Ceca
Il parco del Castello di Dobříš, Repubblica Ceca

Abbracciato dai monti Brdy, vicino alla città di Příbram, il Castello di Dobříš che possiamo ammirare oggi è frutto di corposi lavori di restauri avvenuti nel ventennio 1745-1765, sotto l’attenta guida di Henry Pavel Mansfeld. La famiglia Colloredo-Mannsfeld fu la storica proprietaria della grande tenuta e dell’annesso palazzo, utilizzandolo come residenza fino al 1942.

Lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale provocò per la famiglia la perdita della proprietà, che fu conquistata dalla Germania nazista. Al cessare degli scontri, nel 1945 nonostante i buoni presupposti, la famiglia non riuscì a riottenere la proprietà, questa volta trattenuta dallo stato cecoslovacco per scopi sociali, trasformandola nella Casa degli Scrittori. Occorse attendere il 1998 per far sì che la famiglia Mannsfeld potesse riappropriarsi del palazzo e del circostante giardino.

Cosa vedere nel Castello di Dobris

Il Castello di Dobris nella Boemia centrale, il castello rococò dalla magnifica facciata
Il Castello di Dobris nella Boemia centrale, il castello rococò dalla magnifica facciata

Il Castello di Dobris (Zámek Dobříš) vanta splendidi interni storici, un parco spettacolare in stile francese e aree alberghiere a quattro stelle. Si aggiunge anche un’eccellente ristorante in stile d’epoca e un sontuoso accesso di spiccato interesse architettonico, facilmente riconoscibile per la paletta di colori giallognoli-rossastri. È un luogo che per certo non sfuggirà all’occhio mentre ci si passa di fianco.

L’odierno Castello di Dobris, assieme ai vari parchi adiacenti, come abbiamo anticipato sono frutto di un completo igaming week restauro avvenuto alla seconda metà del XVIII secolo. Il restauro in questione fu necessario, in quanto l’originale castello di stile prettamente barocco fu distrutto da un devastante incendio.

Gli attuali proprietari, la famiglia dei Mannsfeld, si unirono attraverso un matrimonio al casato di Colloredo nel 1771. Dobříš era di proprietà della Casa di Colloredo-Mannsfeld fino al 1942, quando fu stanziata dal Reich tedesco. Nel 1945 fu confiscata dallo Stato cecoslovacco e fu istituita una Casa degli scrittori gestita dall’Associazione degli scrittori cecoslovacchi.

Nel 1998 il castello di Dobříš è stato restituito alla casa di Colloredo-Mannsfeld. Da allora ha subito un’importante ricostruzione, la fontana denominata Acqua dei cavalli di Helios è stata rinnovata ed è stata completata una revisione generale dell’orologio barocco. L’attuale proprietario del castello è l’ingegnere Girolamo Colloredo-Mannsfeld.

All’interno del castello è possibile visitare ben 11 sale egregiamente arredate secondo i tipici canoni barocchi, rococò e classicisti. Merita attenzione la lussuosa Sala degli Specchi che viene utilizzata per concerti, spettacoli e sontuose cerimonie nuziali, particolarmente gettonate data l’atmosfera spiccatamente romantica dell’edificio. I visitatori apprezzano in particolare il giardino alla francese, composto da preziosi ornamenti floreali e siepi curate con cura che evocano un’atmosfera d’altri tempi.


 

Condividi su: