Castello di Buda, Budapest | Guida turistica del Castello di Buda

Guida turistica del Castello di Buda, inserito dal 1987 tra i Patrimoni dell'Umanità dall'UNESCO e costruito a partire dal XIII secolo per proteggere la città da eventuali invasioni mongole. Il Castello di Buda gode di dimensioni e bellezza superlative, tanto da essere stato scelto dai monarchi come sede centrale del proprio potere: il maniero è, infatti, anche noto come Palazzo Reale. Ecco la guida turistica del Castello di Buda, con storia e attrazioni turistiche.4 min


0
Guida turistica del Castello di Buda
Condividi su:

Guida turistica del Castello di Buda, Budapest

icona-articoloLungo la sponda occidentale del Danubio ha sede il più importante monumento storico della capitale ungherese Budapest, il Castello di Buda. Inserito dal 1987 tra i Patrimoni dell’Umanità dall’UNESCO, il Castello di Buda venne costruito a partire dal XIII secolo, venendo poi rimaneggiato diverse volte nel corso dei secoli. Le aree più antiche del Castello di Buda che oggi possiamo osservare risalgono al XIV secolo.

Il Castello di Buda gode di dimensioni e bellezza superlative, tanto da essere stato scelto dai monarchi come sede centrale del proprio potere: il maniero è, infatti, anche noto come Palazzo Reale. La fortezza è uno dei migliori esempi di architettura barocca d’Europa e il suo sito si caratterizza per la cinta di bastioni che lo contornano totalmente. 
Scopriamo insieme cosa vedere al Castello di Buda, l’imponente fortezza di Budapest.

OneMag-logo
Link-uscita icona Pécs, storia e cultura di una gemma dell’Ungheria

Cenni storici

Mappa Castello di Buda
Mappa Castello di Buda

Le origini del Castello di Buda ci riportano indietro nel tempo fino al XIII secolo. Bela IV, il regnante del territorio tra il 1235 e il 1270, intimorito dalla minacciosa avanzata dei Mongoli sempre più verso l’Europa, decise di far erigere una fortezza, cosi da assicurare protezione in caso di invasione.

La struttura originale però fu mantenuta appena un secolo. Nel XIV secolo, durante il governo di Sigismondo di Lussemburgo, il Castello di Buda venne notevolmente ampliato e rimaneggiato, incrementandone anche il valore artistico.

Il Budavari Palota arrivò al suo massimo splendore a partire dal XV secolo, grazie alla figura di Mattia Corvino. Corvino era uno dei più brillanti sovrani e umanisti dell’epoca, rimaneggiò parte del Castello di Buda, dandogli un carattere architettonico più rinascimentale. Per due anni il Castello di Buda non fu modificato, sino all’arrivo dell’occupazione turca nel territorio, che portò distruzione a gran parte del maniero.

Tra il XVIII e il XIX secolo, gli Asburgo decisero di commissionare i lavori per la costruzione di sfarzose residenze barocche. Nel 1890 Francesco Giuseppe diede in carico ad Alajos Hauszmann e Miklos Ybl il rimaneggiamento del Castello di Buda, dandogli un aspetto più neobarocco. Nonostante i consistenti lavori di rimaneggiamento, il Palazzo Reale venne utilizzato solo per pochi e brevi periodi.

OneMag-logo
Link-uscita icona 10 cose da vedere a Budapest

Cosa vedere al Castello di Budapest

Cosa vedere al Castello di Budapest

Il Castello di Buda è uno dei simboli di maggior prestigio di Budapest. La sua sfarzosa facciata si estende per ben 300 metri lungo la riva del Danubio. Il Palazzo Reale è coronato da un’elegante cupola, poggiata insieme a una serie di colonne gemine. Incantevole è anche la grande terrazza panoramica, dove è ospitata la statua equestre di Eugenio di Savoia, personaggio ricordato per aver contribuito alla liberazione dei turchi a Budapest.

Numerose sono le cose da vedere all’interno dell’imponente fortezza. Una delle principali attrazioni del maniero è la fontana di re Mattia, un gruppo di opere scultoree realizzate in bronzo agli inizi del XX secolo, per mano di Alajos Strobl.

Non molto distante dalla fontana, proseguendo sul percorso che conduce al cortile interno, si trova la porta dei Leoni, cosi chiamata per le numerose raffigurazioni dei grandi felini presenti. Nella stessa zona si trova la Nemzeti Szechenyi Konyvtar, la biblioteca nazionale Szechenyi, fondata dall’omonimo conte Ferenc Szechenyi all’inizio del XIX secolo nonché una delle più importanti del paese. All’interno della biblioteca nazionale, che dal 1985 ha sede nel Castello di Buda, sono presenti ben 8 milioni tra libri, giornali, manoscritti e documenti in generale. 

Superando il Museo storico di Budapest, che vedremo nel dettaglio a breve, si raggiungono i bastioni meridionali e la pregevole torre della Mazza, una delle meglio conservate tra le fortificazioni medievali. Molto interessante è anche la Porta Ferdinando, da cui si accede per ammirare il barbacane, una struttura militare inaugurata nel XV secolo.

Galleria Nazionale Ungherese

Galleria Nazionale Ungherese

Nel Castello di Buda si trovano alcune importanti attrazioni, tra cui la Galleria Nazionale Ungherese, il più importante centro artistico dell’Ungheria. La Galleria Nazionale raccoglie nella sua esposizione molte delle più importanti opere pittoriche realizzate da artisti prevalentemente ungheresi. La mostra, tra le più complete di Budapest, espone opere realizzate nel corso dello scorso millennio ed è divisa in quattro principali ale, rispettivamente chiamate con le lettere A, B, C e D

al primo piano della Galleria Nazionale Ungherese si trovano, tra le tante opere, delle preziose pale d’altare di stile tardo-gotico, provenienti dalle località di Csik, Szepes, Saros e Lipto. Tra i più importanti artisti presenti nella collezione della Galleria Nazionale troviamo Laszlo Paal, pittore paesaggista impressionista, noto per l’opera Sentiero nella foresta di Fontainebleau, e Mihaly Munkacsy, tra i massimi esponenti ungheresi della scuola berlinese. 

Link-uscita icona Scopri la Galleria Nazionale Ungherese e le sue collezioni

Museo Storico di Budapest

Museo Storico di Budapest

All’interno del Castello di Buda si trova una seconda, importantissima, attrazione di genere culturale, il Museo storico di Budapest. Il Museo storico di Budapest è il centro principale per conoscere la storia della città nel corso degli anni. Nel dettaglio, il Museo offre ai visitatori una ricca esposizione composta da opere artigianali, gioielli, oggetti d’uso quotidiano, documenti e reperti archeologici.

Il centro si caratterizza anche per il suo design interno, pareti affrescate, colonnati corinzi, arcate e opere scultoree realizzate in pietra calcarea. Merita particolarmente nel Museo storico di Budapest la Cappella Reale, realizzata nel XIV secolo durante il dominio angioino. La Cappella Reale si caratterizza per le tre vetrate laterali e per la pala d’altare a tre ante.

 Il Labirinto del castello di Buda

 Il Labirinto del castello di Buda

La terza attrazione del Castello di Buda, una tra le più famose a livello internazionale, è il labirinto, ubicato lungo il percorso in direzione del bastione dei Pescatori. Il labirinto del Castello di Buda è una particolare attrazione, composta da grotte e sentieri sotterranei che attraversano le fondamenta dell’imponente fortezza ungherese.

Il labirinto del Castello di Buda si sviluppa a circa 16 metri di profondità ed è anche protagonista di un’antica leggenda. Si dice, infatti, che tra i corridoi illuminati dalle lanterne a olio periodicamente si manifestano attività sovrannaturali, associate al fantasma del conte nero.


 

Condividi su:

Like it? Share with your friends!

0