Castel dell’Ovo, l'antico castello di Napoli

Castel dell’Ovo, l’antico castello di Napoli


Condividi su:

Castel dell’Ovo, il castello più antico di Napoli

Tutti gli articoli della provincia di Napoli
Cosa vedere a Castel dell'Ovo, mappa
© Apple Maps

icona-articoloTra i quartieri di Chiaia e San Ferdinando di Napoli sorge l’isolotto di Megaride connesso alla terraferma da un piccolo lembo di roccia. Qua sorge il Castel dell’Ovo, il più antico castello di Napoli in un territorio che nel tempo fu occupato dai greci e dai romani per la sua importanza.

Il nome è legato, come tradizione, a una leggenda, le cui origini ci riportano al medioevo. Qui, il poeta Virgilio, avrebbe infatti nascosto un uovo incantato posto in una caraffa di vetro colma d’acqua e, come protezione, una gabbia di ferro appesa a una trave di quercia. Il tutto in una delle camere sotterranee del castello, naturalmente tenuto segreto.
Ancora oggi nessuno ha recuperato quell’uovo ed è credenza comune che l’uovo in questione sia ancora integro, solo conservato altrove.

Leggende a parte, scopriamo cosa vedere a Castel dell’Ovo, il più antico castello di Napoli, costruito dai Normanni durante il XII secolo e nel tempo utilizzato come struttura difensiva dai sovrani.

OneMag-logo
Link-uscita icona  10 cose da vedere a Napoli

Cosa vedere a Castel dell’Ovo

Castel dell'Ovo, stradina interna

Oggi il castello è aperto al pubblico e al suo interno sono visibili tracce degli affreschi prodotti su un intonaco che oggi è diventato quasi illeggibile. Da ammirare, tra le altre, la Sala delle Colonne, l’area così denominata grazie alla presenza di diverse colonne che poggiano su archi e varco di accesso all’antica fortezza. Appena entrati sarete da subito colpiti dalla sua originale pavimentazione in pietra e dalle colonne che sorreggono l’intera struttura.

Cosa vedere a Castel dell’Ovo, museo

Proseguendo la vostra visita vi troverete un ampio locale il cui nome era noto come il Carcere della Regina Giovanna e che oggi invece viene più semplicemente denominato come Sala delle Prigioni. Il Museo di Etnopreistoria aperto al suo interno organizza spesso delle mostre temporanee dedicate alle popolazioni che hanno vissuto nel suo territorio, proponendo una collezione permanente di tessuti e altri manufatti tipici della vita quotidiana. A conclusione visitate le due torri, la Torre Maestra e Torre Normanna, le cui terrazze offrono una vista panoramica esclusiva su Napoli e sul Vesuvio, e i resti della Chiesa di San Salvatore.

Castel dell’Ovo oggi ospita anche convegni e cerimonie, oltre che mostre temporanee legati a eventi particolari. Possono essere visitate anche le due torri, la Normandia e la Maestra e i resti della Chiesa di San Salvatore. La struttura è inoltre spesso sede di importanti matrimoni.

Ultimo aggiornamento 14 maggio 2021


 

Condividi su: