Le cascate di Giessbach e
il Grand Hotel

Tutti gli articoli della Svizzera

Le cascate di Giessebach, mappaicona-articoloLe Cascate di Giessbach, nel Canton Berna, sono una delle escursioni più interessanti dell’area nord-orientale del Lago di Brienz. La località è anche celebre per storico Grand Hotel Giessbach, costruito nel 1873, un meraviglioso albergo contornato da un grande parco e da giardini, di 22 ettari, che offrono panorami meravigliosi sul lago.

Le cascate di Giessbach, funicolare
Funicolare di Giessbach

Qualche anno più tardi, nel 1879, venne inaugurata la funicolare di Giessbach, che collega il molo sul lago con l’Hotel, posizionato a 100 metri sul livello del lago. La funicolare trasporta i visitatori su un percorso lungo quasi 350 metri e dall’attracco Giessbach-Lago, raggiunge direttamente il Grand Hotel. Durante i 4 minuti di viaggio la funicolare attraversa un’ampia area verde da cui è possibile vedere una serie di ponti ma soprattutto le suggestive cascate.

Per raggiungerle si potranno percorrere dei sentieri, uno dei quali si sviluppa proprio dietro la cascata, perfetto per poterle vedere senza bagnarsi. Le cascate scendono fino alle valli della regione del Faulhorn per 500 metri, spalleggiando il Grand Hotel.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Castello di Hünegg, Svizzera, il capolavoro di stile francese sul Lago di Thun

Il Grand Hotel Giessbach

Le cascate di Giessbach, il Grand HotelLa storia del Grand Hotel di Giessbach ha inizio nel 1873 quando l’hotel venne costruito per la famiglia Hauser di Zurigo, nota per essere una delle principali dinastie alberghiere. Le indicazioni erano chiare, gli Hauser volevano un edificio elegante e di classe e l’architetto francese Davinet, incaricato del progetto, riuscì nel suo scopo.

Il luogo divenne presto meta imperdibile per la borghesia svizzera ed europea, visitato da pittori e fotografi che si contendevano ogni angolatura per ritrarre e riprendere ogni dettaglio della magnifica struttura. La sua posizione con lo sfondo di una delle cascate più bella al mondo era impagabile. La sua fama era diventata priva di confini e durante la Prima Guerra Mondiale qua si incontravano diplomatici, imperatori e re che a Giessbach trascorrevano la loro estate lontana da bombardamenti e guerre.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Emmental, la valle del formaggio in Svizzera

Dopo le guerre mondiali

Le cascate di Giessbach, veduta dall'alto del Grand Hotel
Ph: .giessbach.ch

Le due guerre mondiali portarono in declino l’intera industria alberghiera. Il nuovo modo di intendere una vacanza, nell’epoca post conflitto, era assai diversa e lentamente, ma inesorabilmente, l’Hotel entrò prima in profonda depressione fino ad arrivare alla sua inevitabile chiusura nel 1979. Il progetto era di demolire l’intero edificio per trasformarlo in qualcosa di più attuale e moderno, molto lontano dal progetto originario che lo vide protagonista per oltre un secolo.

 

OneMag-logo
Link-uscita icona  Le gole dell’Aare a Meiringen in Svizzera

La storia recente del Grand Hotel Giessbach

Le cascate di Giessbach, interno del Grand Hotel
Ph: giessbach.ch

Dovettero passare quattro anni prima che il Grand Hotel avesse un nuovo proprietario. La proprietà venne acquisita da Franz Weber, ambientalista di Basilea, che nel 1983 riuscì a mettere sotto protezione l’intero edificio e l’area circostante grazie anche all’aiuto della sua organizzazione ecologista.

Il successivo anno la struttura timidamente riaprì, prima con il ristorante e poche camere non rinnovate, dando modo, anno dopo anno, di ristrutturare l’intero edificio.
Oggi è nuovamente annoverato tra gli edifici più belli e rinomati dell’intera Svizzera.

Icona web onemag Sito web del Grand Hotel Giessbach

OneMag-logo
Link-uscita icona  Blausee, il lago blu intenso del Canton Berna

I sentieri

Cascate di Giessbach, vedutaSono in molti a definire le Cascate di Giessbach le più belle della Svizzera. Nonostante la possibile difficoltà nel percorrere i sentieri, si viene trasportati nel cuore del bosco, percorrendo i ponti osservati dalla funicolare e spesso passando dietro la cascata. I sentieri garantiscono ai viaggiatori uno strettissimo contatto con la natura, con un’ottima quantità di avifauna osservabile e con un’altrettanta ottima presenza floreale, caratterizzata da numerose specie.

Ultimo aggiornamento 27 giugno 2021